Appendino, tutte le carte dell'accusa Di Maio all'attacco: "Complotto anti M5s"

| "Effetto Robespierre", Nei guai anche l'assessore al Bilancio e il capo di gabinetto. Nelll'indagine del pm il presunto debito "fantasma" di 5 milioni di euro verso una società. Lei: "Pronta a collaborare". Fassino: "Governare è difficile"

+ Miei preferiti
Il rischio è "l'effetto Robespierre". Cioè quando i moralisti compulsivi finiscono vittime della caccia alle streghe che ha nno pianificato e teorizzato per gli altri. Così per quella parte dei grillini (Raggi e Di Maio compresi) che appena poco tempo fa auspicavano di "cacciare gli indagati" dalle istituzioni. Ora che i guai giudiziari riguardano i due sindaci (non sindache) delle metropoli più importanti, c'è la corsa a denunciare il complotto di berlusconiana memoria e una modifica a tempo di recordi dei decaloghi grillini, ora assai più elastici rispetto ai furori della prima ora. Chi è garantista da sempre non teme l'azione della magistratura, se ha la coscienza posto. Così Appendino potrà difendersi in tre gradi di giudizio dalle accuse mosse dalla procura. Abbiamo allegato i documenti in cui vengono specificati con chiarezza i termini della vicenda giudiziaria appena avviata. Senza giudizi e senza entrare nel merito. Ma senza, sulla sfondo, gli echi degli slogan grillini di qualche anno fa. 
"Siamo sotto attacco, il Movimento è sotto attacco. In questo momento stanno provando ad accerchiarci da tutti i lati: Tv e giornali, partiti e dirigenti pubblici lottizzati sanno che rischiano di perdere tutto". Lo scrive sul blog di Beppe Grillo Luigi Di Maio che aggiunge: "Oggi questo sistema attacca Chiara Appendino". Ma, sottolinea il candidato premier M5S, "da oggi non staremo più zitti, ora si inizia a ribattere colpo su colpo. E' il momento di metterci la faccia. Io ce la metterò ogni qualvolta ci sarà da raccontare la verità....
Oggi questo sistema attacca Chiara Appendino: a Torino Fassino ha lasciato voragini nel bilancio del Comune e noi lo abbiamo denunciato -continua  il candidato premier M5s - Chiara Appendino sta risanando i conti e il Pd l'ha denunciato. Il paradosso è che adesso viene indagata, su denuncia di chi ha sfasciato i conti, chi ora sta sanando i conti e cioè Chiara Appendino". "Sarebbe notizia di poco conto - aggiunge - se non fosse che la gran parte dei media fa parte di quel sistema che sta cercando di sopravvivere e che questa notizia l'ha fatta diventate la notizia del giorno. Credono di aver trovato la clava con cui colpire il Movimento presentando esposti contro di noi e per cui la magistratura è tenuta ad aprire un'indagine".
Sulla vicenda interviene anche l'ex sindaco di Torino Piero Fassino: "Sono sempre stato un convinto garantista, tanto più quando riguarda gli avversari politici. Mi auguro che certe esperienze insegnino a tutti che governare è difficile".La sindaca di Torino, Chiara Appendino, è indagata dalla Procura di Torino per falso in relazione al bilancio 2016. Il reato nell'ambito dell'inchiesta sull'area ex Westinghouse, per un debito 'fantasma' di 5 milioni di euro verso Ream scomparso dal bilancio 2016. L'indagine era stata aperta nei mesi scorsi in seguito a un esposto dei capigruppo di opposizione Alberto Morano (lista Morano) e Stefano Lo Russo (Pd). "Sono assolutamente serena e pronta a collaborare con la magistratura, certa di aver sempre perseguito con il massimo rigore l'interesse della Città e dei torinesi". Così la Appendino commenta l'avviso di garanzia. "Desidero essere ascoltata il prima possibile al fine di chiarire tutti gli aspetti di una vicenda complessa relativa all'individuazione dell'esercizio di bilancio al quale imputare un debito che questa amministrazione mai ha voluto nascondere".

Cronaca
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Accade a Corsico, i dipendenti avrebbe venduto a parenti e amici mobili e altro cambiando i codici a barre con il prezzo di bottiglie d'acqua e oggetti di scarso valore. Provvedimenti disciplinari per altri 22