Appendino VS Esposito la battaglia è sui social

| Al post della sindaca che sembra voler tappare le falle, replica il senatore PD di origini torinesi, che sembra volerle riaprire tutte

+ Miei preferiti

Si affida ai social, come di consueto, Chiara Appendino, che arriva alla sua prima estate da sindaca con un fardello di polemiche e accuse di superficialità. Il suo lungo post rilasciato domenica 25, nel day after di San Giovanni, è al tempo stesso un riepilogo, un rimarcare la volontà di dare la festa a Torino malgrado una parte della cittadinanza fosse contraria, uno sfogo e un tentativo di autodifesa.

"Ancora una volta, ieri, abbiamo raggiunto due grandi obiettivi. E lo abbiamo fatto insieme. I recenti fatti non ci hanno impedito di celebrare San Giovanni: tante persone ieri hanno reso viva la festa della Città andando a vedere i fuochi d'artificio". La sindaca prosegue sottolineando gli sforzi fatti per garantire la sicurezza ai cittadini: "Il secondo obiettivo raggiunto è quello legato alle nuove misure per i grandi eventi, volute a livello nazionale dal Capo della Polizia Gabrielli. Torino si è attrezzata, ed è stato uno sforzo che ha necessitato di non poche risorse professionali, umane ed economiche. La Questura e tutte le istituzioni coinvolte hanno saputo elaborare un piano chde la Città ha poi seguito e che - ora possiamo dirlo - ha funzionato. Certamente è tutto diverso rispetto al passato e, col tempo, saremo in grado di migliorare e rendere familiari anche queste nuove procedure. Ma mi ha fatto piacere constatare che le misure hanno fatto sentire più sicure le persone: ieri in piazza ho visto tante famiglie, bambini e nessuna bottiglia abbandonata. Ringrazio per la collaborazione ciascuno di noi, le istituzioni coinvolte e tutti coloro che hanno lavoratlo e lavorano con passione per la città. Torino continuerà ad essere una comunità viva e coesa".

La replica arriva da Stefano Esposito, senatore PD, che in realtà sceglie di analizzare (e sminuzzare) le due sindache pentastellate d'Italia: Chiara Appendino e Virginia Raggi.

"Sono due facce della stessa medaglia: incapacità, fallimenti, poca trasparenza e improvvisazione sono il loro marchio di fabbrica nel generale disastro amministrativo dei 5 Stelle. Il disastro della Raggi e della sua Giunta sono forse più evidenti, quello della Appendino è meno appariscente ma più profondo. A Roma abbiamo un'armata Brancaleone incapace a tutto che sta consegnando alla desolazione la Capitale. Per Appendino la questione, se possibile, è peggiore. Con le amicizie giuste, con quel bon ton sabaudo dosato e gestito in maniera mirabile, sta lentamente distruggendo quel patrimonio di azioni e idee necessarie al consolidamento di una comunità inclusiva ed efficiente, lasciato da Piero Fassino e dalle amministrazioni Chiamparino. A parte il patetico tentativo di coprire la sua incapacità invocando un buco di bilancio inesistente, emerge prepotentemente la penosa e arrogante gestione della città. Appendino non si assume mai la responsabilità delle proprie azioni, ma a differenza della sindaca di Roma ha dimostrato un'arroganza devastante, unita ad una viltà politica senza pari.

La vicenda di piazza San Carlo con il suo bilancio di dolore e sofferenza è il punto di arrivo del disastro. I feriti e la ragazza deceduta non sono un incidente. Chi pagherà per i feriti, per il dolore e per il gravissimo danno d'immagine? La giunta e la sindaca hanno gestito in maniera del tutto inadeguata l'organizzazione della giornata del 3 giugno. Quanto accaduto in piazza Santa Giulia è un altro tassello di incapacità amministrativa. Nel tentativo di riparare alla sciatteria di piazza San Carlo, Appendino emana un'ordinanza anti-alcool nelle aree della movida torinese. Il Questore ha la responsabilità di farla rispettare, in totale accordo con il sindaco e il prefetto. Contro questa ordinanza, il centro sociale Askatasuna comincia un'azione di aggressioni sistematica nei confronti delle FFOO. Vorrei ricordare a tutti che Askatasuna è sodale politico del M5S e di Appendino da molti anni, spero nessuno abbia dimenticato la totale copertura e condivisione politica sul tema Tav, azioni violente comprese. Ma cosa fa M5S? Prende le distanze da Askatasuna? No. Attacca la polizia, come sempre, nel silenzio che vale più di mille parole del sindaco. Il tentativo è chiaro: colpire il questore cercando in questo modo di far apparire lui e la polizia come responsabili. Questo serve anche per cercare di fuggire dalle responsabilità per i fatti di piazza San Carlo. Ma il momento di verificarle è giunto: non farlo sarebbe da irresponsabili. Appendino cercherà di scappare anche questa volta, magari protetta da chi non vuol vedere, per ipocrisia o convenienza. Sarebbe un errore nell'errore. Si continuerebbe a fare solo il male dei Torino e di Torino".

Cronaca
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
Maria Elena Boschi, in un'intervista a Il Foglio, interviene sull'arresto di Tiziano Renzi e della moglie. "Accuse difficili da dimostrare, molto fragili"
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
In corso in Scozia il processo a un 16enne accusato di avere massacrato Alesha MacPhail, 6 anni, il 2 luglio a Rothesay. "Sono innocente, l'assassina ha sparso il mio sperma sulla bambina per accusarmi". Lei nega. Il video
Pensionato attaccato da ippopotamo
Pensionato attaccato da ippopotamo
Il corpo di un italiano di 65 anni è stato trovato senza vita sulle rive di un fiume in Kenya, forse stroncato da malore dopo un attacco di un animale
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"