Assessore M5s: "Boldrini-Boldracchia" Subito rimosso post su Fb: "Mi scuso"

| Claudia Nozzetti: "Castrare gli stupratori di Rimini". La minoranza: "Subito le dimissioni, insultata la terza carica istituzionale dello Stato, non è ammissibile"

+ Miei preferiti
Ha un'intensità appena minore di "Irma", l'uragano che sta massacrando i Caraibi, la tempesta che in queste ore sta scuotendo nel profondo Venaria Reale. Il capo dell'opposizione, Salvatore Ippolito ne chiede le dimissioni: "Insultata la terza carica istituzionale dello Stato. Non è comportamento ammissibile da parte di un amministratore pubblico". Tutto inizia con un post pubblicato sulla propria pagina Facebook da Claudia Nozzetti, assessore pentastellato al lavoro, alla casa e alle politiche sociali. Ma su quello che, secondo l'assessora, doveva essere un commento sulla richiesta di estradizione avanzata dalla Polonia verso la banda dei quattro stupratori di Rimini, si è scatenato un caso politico e un vero putiferio. "Spero che li obblighino a tagliarselo l'un l'altro e a farglielo mangiare", ha commentato l'assessore. E non finisce qui, perché poche righe dopo, l'esponente grillina ha rincarato la dose, con un affondo deciso verso la presidente della Camera Laura Boldrini: "I poverini fuggiti dalle guerre e bisognosi di accoglienza e affetto. In alternativa dateglieli in cura a casa della Boldracchia".

Apriti cielo. Sull'assessore pentastellato sono piovute così tante critiche e polemiche da convincerla ad eliminare il post, anche se ormai visto, salvato e diffuso in rete da molti, tentando di aggiustare il tiro con un nuovo post dai toni concilianti: "Scusandomi, desidero peraltro fare alcune precisazioni a proposito del commento di ieri. La problematica è sotto gli occhi di tutti e anima in modo forte e condiviso un senso di esasperazione e impotenza di fronte a istituzioni statali spesso avvertite come tiepide e incapaci nel tutelare il bisogno di sicurezza dei cittadini. Il concetto è stato espresso con parole eccessive, forti e inadeguate condivise più su una scia emotiva che razionale. Parole esterne a un ruolo istituzionale che soltanto parzialmente investe la mia vita, fatta al di sopra di tutto di quotidianità e problemi emotivamente vissuti che vanno ben oltre la semplice necessità di apparire. Al netto di ogni necessità, il commento proprio per le parole espresse è da censurare. Auspico in ogni caso una svolta nell'intraprendere azioni atte a tutelare indistintamente tutti".

A nulla è servito anche il commento prudente del sindaco Roberto Falcone, che dopo un colloquio con l'assessore ha tentato di liquidare il tutto come "Un atto di ingenuità da parte di un assessore tecnico, che non rappresenta l'opinione del Movimento 5 Stelle. Claudia Nozzetti mi ha confermato che si trattava di un pensiero dettato da un'emozione personale, ben distinto dall'opinione politica".

Ma la frittata, come si dice, era fatta e pronta da servire in tavola. In tanti, per iniziare, si sono premurati si ricordare all'assessore il suo ruolo istituzionale e il dovere politico di scorporare i propri sentimenti, mentre altri, come le opposizioni, hanno rincarato la dose, chiedendo le immediate dimissioni dell'assessore, in quanto l'episodio "rappresenta l'ennesima conferma del totale fallimento della giunta pentastellata a Venaria". Ben peggiore, per il proprio ruolo istituzionale, è il commento ingiurioso rivolto al presidente della Camera Boldrini: su diversi casi analoghi, come quello del video dell'agente della Polstrada, la Procura ha aperto dei fascicoli d'inchiesta.
A coronamento della vicenda, è arrivata anche la telefonata del programma radiofonico "La Zanzara", in cui l'assessore tenta di giustificarsi al telefono con il giornalista Giuseppe Cruciani.   



Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara