"Cannabis parade", poliziotti in rivolta

| I segretari dei sindacati di polizia Siulp, Sap eSiap scrivono al questore: "Scorta ai drogati". Critico anche il Silp-Cgil

+ Miei preferiti
UNO SQUALLIDO SPOT PRO NARCOS
La Redazione di Torino Star si schiera completamente dalla parte dei poliziotti e delle forze dell'ordine che hanno dovuto prestare servizio durante la manifestazione "Cannabis Parade". Condividiamo in toto le loro osservazioni, con la speranza che le istituzioni ne tengano conto. Ricordiamo, a chi solidarizza con gli organizzatori, che il traffico di droghe è tuttora saldamente nelle mani delle mafie e dei racket internazionali. Tanto doveva bastare per evitare questo squallido spot a favore dei narcos. La scusa che la liberalizzazione sconfigerebbe le mafie, per ora, è solo un'utopia. Nel frattempo passa il messaggio che drogarsi fa un sacco bene. Si, ma solo ai conti offshore degli spacciatori e dei loro complici.
la Redazione
FAVOREVOLI E CONTRARI
Così Daniele Tissone segretario nazionale del Silp-Cgil: "Una provocazione becera e inaccettabile, che avviene per altro alla vigilia della festa de lavoratori. Anche i poliziotti sono lavoratori e non possiamo essere derisi, umiliati e offesi come è avvenuto stamani a Torino. Episodi come questo sono la cartina di tornasole di un clima inaccettabile che sempre più spesso registriamo nei confronti delle donne e degli uomini in divisa".
Grillini, Radicali e Fdl
«Sono qui perché condivido la battaglia anti-proibizionista», Così Damiano Carretto, consigliere del Movimento 5 Stelle. Segue ill Radicale Silvio Viale: «Questo è un movimento trasversale ma la battaglia sarà vinta solo quando la gente avrà capito che non è una lotta di cui si devono occupare solo i consumatori». Ma il cosigliere regionale FdI Maurizio Marrone lancia una provocazione: «Noi di Fratelli d'Italia pubblicheremo i nostri esami del sangue ma vogliamo che anche tutti gli eletti lo facciano». Sabato s'è tenuta a Torino la Cannabis Parade, tra molti consensi ma anche molte persone contrarie, se non indignate. I poliziotti che erano di servizio per la manifestazione sono stati presi di mira dai manifestanti. 

Pubblichiamo integrale il documento delle tre sigle sindacali.



Al Sig. Questore di Torino E p.c.

Al Sig. Dirigente il 5° Reparto Mobile di Torino
Al Sig. Dirigente il G.I.P.S. Piemonte e Valle d'Aosta


Oggetto: Servizio di OP del 29 aprile in occasione della "Cannabis Parade" – Impiego del personale.

Egregio Sig. Questore,

abbiamo atteso di verificare e riscontrare quanto segnalato nell'immediatezza da diversi operatori della Questura, del Reparto Mobile di Torino nonché da operatori del G.I.P.S. e, a questo punto, siamo portavoce del senso di frustrazione e umiliazione provato dai poliziotti impiegati nel servizio di cui all'oggetto.

Abbiamo anzianità, esperienza e operatività sul campo per comprendere come alcune tipologie di servizio celino insidie, dai più sottovalutate, capaci di recare grave pregiudizio per l'ordine pubblico e per l'immagine stessa della Polizia di Stato.

Così come siamo consapevoli di come la potestà organizzativa dei servizi di sicurezza e ordine pubblico sia di Sua esclusiva pertinenza ma, siamo certi, converrà sul fatto che tra i doveri istituzionali di rappresentanza delle OO.SS. vi è quello di evidenziare gli aspetti che nuocciono non solo allo spirito degli operatori impiegati sul campo ma anche alla stessa immagine dell'Istituzione che serviamo e rappresentiamo.

Gli eventi accaduti, certamente a Lei noti, hanno reso gli operatori tutti, dal Reparto Mobile al G.I.P.S. passando per Commissariati e personale "specializzato", spettatori di un modus operandi chiaramente inutile e mortificante per lo spregio dimostrato da soggetti refrattari al rispetto dello Stato e della Polizia.

Come anzidetto, siamo capaci di comprendere la "ragion di Stato", in alcune tipologie di servizio, ma siamo fermamente convinti che queste si possano e si debbano coniugare con il rispetto della forma e della dignità degli operatori impiegati.




Appare francamente insopportabile dover accettare di assicurare il servizio di "scorta" ad un caravan serraglio che, bloccando una intera città, inneggia all'uso delle droghe così come appare inaudita l'impunità concessa a chi, transitando indisturbato, ha oltraggiato tutti gli operatori delle forze di Polizia, e della Polizia di Stato in particolare, sfilando con i fantocci raffiguranti due operatori del Reparto Mobile attaccate ad un furgone in maniera da rendere inequivocabile un loro investimento.

Tale pantomima, ASSOLUTAMENTE INACCETTABILE, ha ingenerato sui media e social network un discredito ed un dileggio delle capacità, scarse, di uno Stato inadeguato e inabile nel contrastare un oltraggio che ha avuto rari precedenti nella pur movimentata storia dell'antagonismo torinese.

Raramente siamo intervenuti in questi termini, ma ciò che appare chiaro a tutti i poliziotti ed a tutte le persone dotate di buon senso è che a quel furgone NON doveva essere consentita la partenza senza la rimozione dei fantocci raffiguranti i due operatori del reparto Mobile.

Non siamo alla ricerca di colpevoli ma non possiamo, e non vogliamo, tacere di fronte ad una simile deriva che relega in secondo piano la figura dei difensori delle legalità rispetto a chi la legalità la viòla impunemente.

Domani è il 1° maggio, con le consuete previsioni, e pertanto siamo a chiederLe di voler considerare ogni utile direttiva al fine di garantire, anche per il futuro, una organizzazione di analoghi servizi che tenga conto anche della necessaria salvaguardia della dignità professionale e personale dei poliziotti impiegati sul campo.

Torino, 30 Aprile 2017

SIULP SAP SIAP Bravo Perna Di Lorenzo 

Cronaca
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara
Il medico aggredì l'amante della moglie: processo
Il medico aggredì l
Torna in aula Matteo Cagnoni, il dermatologo dei Vip. Nel 2016 aveva ucciso la moglie Giulia Ballestri. Aveva aggredito prima del delitto il suo nuovo compagno. Nei guai anche Bossetti e Buoninconti
Londra violenta: ucciso un 15enne
Londra violenta: ucciso un 15enne
Nel giro di una settimana cinque aggressioni mortali, di cui la maggior parte verso adolescenti. Nella capitale inglese infuria una sanguinosa guerra fra gang, e la città chiede più controlli sulle strade
Targhe estere, Toninelli va all'attacco
Targhe estere, Toninelli va all
Con "Basta con i furbi", il ministro grillino vieta a chi risiede in Italia da più di 60 giorni di circolare con veicoli targati all'estero. "Finito il gioco di non pagare assicurazione e bollo in Italia"
Orrore nei lager, ex SS piange
Orrore nei lager, ex SS piange
Il 94enne Johann R., ex guardia SS nel lager di Stutthof, si è commosso di fronte alle testimonianza dei superstiti. E' sotto processo nel tribunale dei minori perché nel '44 aveva 18 anni