Champions, il prezzo da pagare

| Reazioni, indignazioni, accuse, querele: a quasi un mese dalla tragica notte la città inizia a fare i conti con un episodio che costerà comunque molto caro

+ Miei preferiti

A Torino è iniziata la stagione dei conti: l'iscrizione nel registro degli indagati della sindaca Appendino, malgrado Palazzo di Città sia trincerato nell'affermare che al momento non esistano comunicazioni o convocazioni dalla Procura, ha portato l'intera città di fronte al bivio: da una parte chi sta con la sindaca, dall'altra chi le ha girato le spalle. I risultati di due diversi sondaggi, realizzati per le pagine locali dei siti online di altrettanti quotidiani, La Repubblica e La Stampa, sembrano dimostrare che l'idillio fra Chiara Appendino e Torino abbia raggiunto i minimi storici. Secondo quasi la metà dei torinesi, la giovane sindaca capace di estirpare 23 anni di giunte di sinistra, al di là di quanto dimostreranno le inchieste giudiziarie, ormai entrate nel vivo, la considera responsabile dell'accaduto e ritiene che quanto successo la notte del 3 giugno scorso in piazza San Carlo abbia nociuto non poco all'immagine della città.

L'inchiesta

Sono gli effetti collaterali dell'enorme macigno della sciagurata finale di Champions League, un intricato dedalo di incurie e leggerezze che ha portato alla morte di Erika Pioletti e al ferimento di migliaia di persone che si stanno trasformando in un'onda anomala di denunce e querele. Le stesse che hanno portato la Procura a iscrivere nel registro degli indagati Maurizio Montagnese e Danilo Bessone, rispettivamente presidente e responsabile del servizio prevenzione e protezione di "Turismo Torino": un "atto dovuto", esattamente come al momento sembra il fascicolo riguardante la sindaca Appendino, anche se al momento non è ancora chiaro se sarà sentita come semplice testimone a conoscenza dei fatti o nella più scomoda veste d'indagata.

Durissimo nei giorni scorsi era stato l'affondo del segretario PD Fabrizio Morri, che aveva paragonato la Appendino al comandante Schettino: "Sta portando la città a inabissarsi, scaricando le colpe su altri pur di salvare se stessa". Il riferimento è al tentativo di addossare ogni responsabilità a "Turismo Torino", la partecipata comunale a cui era stata affidata l'organizzazione della serata di piazza San Carlo. In mezzo ci sono le due ordinanze comunali, che però si limitano a qualche limitazione e divieto di sosta. Ma sembra chiaro che al momento le deleghe alla sicurezza spettassero alla sindaca, malgrado se ne fosse liberata pochi giorni dopo con un improvviso (e oggi sospetto) rimpasto della giunta. Ma l'inchiesta è solo alle battute iniziali, e non si esclude l'ingresso di altri nomi eccellenti nel registro degli indagati.

La timeline del 3 giugno

Tutto inizia il 30 maggio, con una delibera comunale che oltre a concedere il patrocinio, assegna a Turismo Torino i dettagli organizzativi della serata di piazza San Carlo, con l'allestimento di un maxischermo per permettere ai tifosi di seguire la finale di Champions League fra la Juventus e il Real Madrid.

Alle 15 del 3 giugno, la commissione di vigilanza ispeziona le strutture installate in piazza San Carlo, dichiarandole idonee.

Da lì in poi, il centro di Torino si tinge di bianconero: accorrono i 40.000, da ogni parte d'Italia. Tifosi che per scelta o impossibilità non hanno raggiunto la squadra a Cardiff, ma vogliono stare idealmente vicini alla Juve scegliendo di assistere alla diretta della partita dal cuore nobile ed elegante di Torino: piazza San Carlo.

Fila tutto liscio fino al 3-1 per gli spagnoli del Real, una doccia fredda che lascia attoniti i tifosi, in un'immobilità documentata da diversi video girati in quegli istanti. Sono circa le 22,30: è il momento in cui succede qualcosa ancora da accertare, rimasto nell'aria da quella sera. Qualcuno parla di un'esplosione, altri di un principio di rissa, altri ancora, la maggior parte, non sanno ancora darsi una spiegazione. È il panico, incontrollabile e devastante che si trasforma in un fuggi fuggi, fra gente che cade, calpestata da altri. Nelle ore successive, 1.526 persone faranno ricorso alle cure ospedaliere: la maggior parte di loro ha ferite dovute ai cocci di vetro delle bottiglie, vendute impunemente malgrado un apposito divieto. Fra i più gravi c'è Kelvin, un bimbo di sette anni che se la cava con qualche giorno d'ospedale. Finisce bene anche per Francesca, 26 anni, uscita dal coma una settimana dopo la notte di piazza San Carlo. Tutt'ora gravi sono invece Marisa Amato e Vincenzo d'Ingeo, marito e moglie, ricoverati alle Molinette e al San Giovanni Bosco: lei rischia la paralisi, lui è stato sottoposto a interventi ai polmoni. Va peggio a Erika Pioletti, 38 anni: ricoverata per schiacciamento della cassa torica, morirà dopo 12 giorni, senza aver mai ripreso conoscenza.

Cronaca
"La barbarie in nome di Salvini"
"La barbarie in nome di Salvini"
Il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, prima dell'udienza sulla revoca degli arresti attacca il ministro dell'Interno. "Spero di tornare libero"
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Armi paracadutate durante la guerra civile, conservate in un tubo di cemento poi sepolto in un campo. Sono intervenuti gli artificieri
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
Un caso che sta facendo discutere l’Inghilterra e mettendo in discussione l’intero sistema carcerario inglese: un uomo di 52 anni ottiene di scontare la pena in un carcere femminile e tenta di stuprare alcune detenute
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Marco Camuffo aveva richiesto il rito abbreviato, per Pietro Costa, il più giovane dei due, il processo inizierà il prossimo mese di maggio. I due ex carabinieri sono accusati di aver violentato due studentesse americane
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
Colpo di scena nel processo Cucchi, un carabiniere accusa due colleghi del pestaggio. I superiori sapevano. Gli avvocati: "Per anni ha detto cose diverse". La famiglia: "Caduto il muro"