"Chiavi bulgare" violano serrature hi tech i corsi d'addestramento del clan di Kutaisi

| Dopo il blitz dei carabinieri di Chivasso, analisi sul fenomeno della mafia georgiana. E' un racket organizzato in modo paramilitare

+ Miei preferiti
Specialisti georgiani  nell'uso delle "chiavi bulgare" e un deposito per lo stoccaggio e l'esportazione della refurtiva: 28 arresti in tutta Europa con il sequestro della base operativa. L'operazione dei carabinieri della Compagnia di Chivasso nell'ambito di un'operazione contro una banda internazionale ha inferto un duro colpo a un'organizzazione che ha tutte le sembianze di un'associazione di stampo mafioso. I carabinieri, in collaborazione con i colleghi dello Scip-Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento di Pubblica Sicurezza,  hanno sgominato una banda di georgiani al centro di furti seriali di appartamenti e agenzie assicurative utilizzando un set di chiavi di varie misure che consentono l'apertura di quasi tutte le serrature senza lasciare segni di effrazione. Dopo 85 furti in diverse regioni italiane, 28 persone sono state arrestate in Italia e in Germania. Gli arrestati sono accusati a vario titolo di ricettazione e associazione per delinquere finalizzata al furto in abitazione. Individuato a Reggio Emilia il deposito della banda dove era stoccata la refurtiva prima di essere spedita in Georgia. Una vera e propria "palestra dello scasso", dove i membri della banda si allenavano per migliorare i tempi di apertura delle serrature di porte e casseforti.

L'indagine è stata coordinata dal pm Roberto Maria Sparagna. Dal mese di dicembre 2015, la banda ha commesso circa 85 furti in abitazioni o uffici assicurativi nelle province di Torino, Savona, Alessandria, Cuneo e Pavia. Il gruppo criminale costituisce una diramazione locale del più ampio Clan di Kutaisi, nato nell'omonima città georgiana, attivo in tutta Europa nella commissione di reati contro il patrimonio. A settembre i carabinieri avevano inferto un colpo durissimo alle gang georgiane. I militari hanno compiuto anche una specie di analisi sociologica su questi scassinatori che vivono in modo francescano durante le trasferte dalla Georgia, ex Urss, in Italia e specie nel Nord Ovest. Atletici, tatuati e rasati, in gradio di arrampicarsi lungo le inferriate o di fuggire da finestre e balconi, si avvalgono della complicità di colf o badanti, con cui spesso intrecciano relazioni (in apparenza) sentimentali.  In questi giorni si sono verificati altri furti, ma con una cadenza di molto inferiore all periodo estivo, segno che ci sono ancora segmenti di questa gang attivi ma che la retata dell'Arma ha già dato i suoi frutti. E' organizzata in modo paramilitare da ex appartamenti agli eserciti locali o addirittura alla polizia, e da delinquenti finiti in carcere per i più svariati motivi, anche per reati gravissimi, in cella apprendono le prime tecniche di scasso. "Abbiamo arrestato anche uno dei capi, Petro Palamar - spiega il maggiore Pierluigi Bogliacino - si tratta di un ‘ladro nella legge', figura apicale. I criminali georgiani, che sono una vera e propria associazione per delinquere, chiamata appunto ‘mafia dei ladri di legge'".

Hanno un modo di procedere sempre eguale: si trasferiscono nell'area da colpire, non si fermano più di un mese, affittano residence o stanze d'albergo, compiono prima minuziose perlustrazioni poi passano all'azione. Adesso  riescono anche ad aprire le serrature di ultima generazione, quelle definite di "modello europeo". In una palestra di via Sportono a Torino , i carabinieri hanno trovato numerosi serrature, tra le più aggiornate sotto il profilo tecnico, dove i ladri facevano pratica per aprirle con le chiavi bulgare, set di ferri e ferretti di varie dimensioni combinati tra di loro, che consentono di sbloccarle senza rovinarle". "Storicamente – conclude Bogliacino- il metodo lo usano da anni. Sono criminali di derivazione militare, che hanno imparato tattiche riconducibili ai vecchi servizi segreti dell'Urss che venivano usate per lo svolgimento delle attività di servizio, poi queste tecniche si sono sviluppate nelle carceri dove i gruppi criminali si sono costituiti in origine". I ladri spesso si procurano le serrature su internet, le smontano e le studiano per mesi. Si servono di Facebook per spiare gli spostamenti e le abitudini delle vittime. L'ultima ondata di furti a fine agosto ma c'è il sospetto che siano di nuovo, in piccole unità operativa di nuovo in Piemonte. Sanno esattamente dove colpire, poi gli esploratori sistemano sulle serrature degli alloggi da colpire piccole calamite che costituiscono il segnale inn codice. Bottini milionari, tra gioielli, denarocontantte, pc, quadri e persino vestiti e scarpe di marca.

Cronaca
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
Bendata e con una rosa in mano
la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano<br>la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"
Baldini disperato, usano la mia immagine
Baldini disperato, usano la mia immagine
Siti e "giornalisti" hanno diffuso sul web una serie di articoli in cui l'ex spalla di Fiorello annuncia trionfalmente di essersi arricchito con i bitcoin. Ma è una truffa. Lui li ha denunciati alla polizia postale. Senza risultato
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
L'ex governatore del Michigan, presidente dell'università omonima, costretto a dimettersi dopo le sorprendenti dichiarazioni sulle atlete abusate dal medico Larry Nassar. "Hanno avuto premi e riconoscimenti"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
Pista passionale nel sequestro da parte di un marocchino armato di un operaio 45enne di Gavardo, Brescia. I due sono spariti nella notte e li cercano nei boschi zona. Ipotesi delitto-suicidio ma nessuna certezza