Consip, Maddalena difende il pm Woodcock

| L'ex procuratore di Torino tutelerà il magistrato di Napoli per alcune frasi riportate dai media sugli rtrrori nelle intercettazioni

+ Miei preferiti
Sarà l'ex procuratore generale della Repubblica di Torino, ed ex procuratore capo, Marcello Maddalena a difendere, in seno al Consiglio della Magistratura, il pm di Napoli Henry John Woodcock, che, con la collega Celeste Carrano, aveva avviato la prima fase dell'indagine sul caso Consip. Come è noto, il fascicolo è stato poi in parte acquisito dalla procura di Roma. Il pm è sottoposto a un procedimento disciplinare perché, a proposito dell'indagine che vede coinvolti l'imprenditore Alfredo Romeo e il funzionario Marco  Gasparri che proprio in queste ore ha ammesso di avere ricevuto 100 mila euro commentava sui media il caso dell'ufficiale del Noe dei carabinieri presunto autore di un errore nella ricostruzione dei ruoli di alcune persone attraverso le intercettazioni. Infatti, nelle carte, compariva il nome del padre di Matteo Renzi, Tiziano, che non c'entrava nulla a proposito di un incontro con uno degli imputati del procedimento. Uno scambio di nomi finito nelle carte dell'accusa. In un articolo di Repubblica, infatti, venivano attribuite a Woodcock alcune frasi: "….Mi chiedo, ma cui prodest? Perché il capitano avrebbe dovuto fare questo? Perché avrebbe dovuto mettere in atto una pianificazione eversiva contro Renzi? A me pare davvero una cosa da pazzi…La guerra non esiste. Io sono amico di Ielo (procuratore aggiunto di Roma, ndr), ci sentiamo e ci vediamo. Lo stimo, lavora bene da trent'anni. Certo, ci sono scelte diverse. Ma date alla mia procura il tempo di depositare le carte. Lì c'è la prova di quanta professionalità è stata usata in questa vicenda". Secondo il pg della Cassazione, sarebbe avvenuta un'interferenza nell'inchiesta trasferita a Roma.

Cronaca
Individuati i mandanti dell’omicidio di Daphne Caruana
Individuati i mandanti dell’omicidio di Daphne Caruana
Secondo le rivelazioni di un quotidiano locale, gli inquirenti avrebbero individuato i mandanti della molte della giornalista maltese, uccisa lo scorso anno con un’autobomba
Ursula, suicida a 11 anni
Ursula, suicida a 11 anni
Una ragazzina inglese intelligente e problematica, in cura da medici che l’avevano considerata in una situazione non preoccupante. Si è tolta la vita lasciando poche parole alla mamma
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata