Coppia investita da gommone-pirata

| Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo

+ Miei preferiti
Di Floriana Naso

E’ il 23 settembre. Al largo di Villa Martinelli, Posillipo, si  sfiora la tragedia. Una coppia di turisti torinesi, Elena Priotto e Carlo Rossi, 44 e 53 anni, più il timoniere, che si trovavano a bordo di un gozzo a motore, sono travolti da un gommone con tre passeggeri, due uomini e una donna a bordo, lanciato a tutta velocità. Carlo Rossi viene ricoverato al Cardarelli di Napoli in prognosi riservata per un violento trauma cranico e gravi ferite al volto, al collo e a una spalla. Sua moglie, miracolosamente illesa, riesce a scattare fotografie che ritraggono non solo i danni all’imbarcazione, al marito e al timoniere (svenuto per la collisione), ma anche il gommone che si allontana dopo l’incidente. I marinai dell’ammiraglio Arturo Faraone, dalla sala operativa della Capitaneria di Porto, avviano le indagini. Nel frattempo Elena Priotto ha dato mandato ai legali di procedere penalmente e civilmente per la tutela dei propri diritti e di quelli del marito. 

Il gommone in fuga dopo l'incidente


Elena, dove vi trovavate esattamente tu, tuo marito e il timoniere e cosa è accaduto?

Noi ci trovavamo nel Golfo di Napoli e, affittata una barca con skipper, stavamo ammirando lo splendido Golfo, quando, verso il ritorno, all’altezza di Villa Martinelli, siamo stati letteralmente investiti da un gommone bianco che ci ha speronati a tutta velocità, 40 nodi circa.

Come mai il timoniere del gommone non vi ha visti, secondo te?

Perché si dirigevano verso di noi a una velocità molto elevata e di solito quando si viaggia a quelle velocità con un gommone, la prua tende ad impennarsi ostacolando la vista.

Raccontaci cosa è accaduto subito dopo la collisione.

Mio marito, che si trovava di schiena al gommone, è stato sbalzato in mare. Ha riportato gravissime ferite alla testa, al collo e al braccio. Subito dopo, il marinaio si è sentito male, mentre il proprietario del gommone, esclamando: “Madonna, l’abbiamo ucciso, scappiamo!”, si è allontanato a tutta velocità. Io, spaventatissima, ho soccorso da sola (perché il marinaio era svenuto) mio marito, al quale ho prontamente legato la testa, strappandomi il pareo, e il braccio affinché si fermasse l’emorragia. Poi, con non poche difficoltà, sono riuscita a farmi portare a riva dal marinaio. Appena arrivati, grazie ad alcuni medici che casualmente stavano facendo il bagno, abbiamo ricevuto i primi soccorsi. Dopodiché mio marito è stato trasportato in codice rosso al Cardarelli.

In quanti erano a bordo del gommone?

Tre persone, come da foto.

Al momento della collisione c’erano altre imbarcazioni presenti?

Sì, parecchie, tutte in zona protetta che facevano il bagno. Proprio dietro di noi c’era una mamma con i propri figli che facevano il bagno. Sarebbe potuta essere lei la vittima, oppure data la velocità dell’impatto, sarebbero potute scoppiare le barche.

Dopo quanto tempo sono arrivati i soccorsi?

Venti minuti.

Cosa è accaduto una volta giunti in ospedale?

Hanno ricoverato mio marito in codice rosso e l’hanno ricucito.

Qual è stata la prognosi di tuo marito?

Trauma cranico e grave ferita all’ascella, per fortuna è stata mancata l’arteria di due centimetri, altrimenti sarebbe morto dissanguato.

Adesso quali sono le vostre condizioni?

Buone per ciò che riguarda la condizione fisica, ma siamo ancora sotto shock.

In quale direzione si stanno muovendo le forze dell’ordine?

Abbiamo depositato denuncia presso la procura di Napoli, in data 8 ottobre, e affidato tutto a due avvocati napoletani, vogliamo giustizia.

 

 

 

Galleria fotografica
Coppia investita da gommone-pirata - immagine 1
Coppia investita da gommone-pirata - immagine 2
Coppia investita da gommone-pirata - immagine 3
Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non è più in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed è morto, volevo nascondere il corpo, è stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco