Cracco & C: Torino presa per la gola

| Gourmet Food Festival, ovvero i tre giorni del Lingotto Fiere, fra chef-star, consigli utili e assaggini

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Ricetta del week end: prendete un contenitore sufficientemente grande, sistemate ordinatamente gli assaggini e, poco prima di servire, condite con qualche ingrediente irresistibile. Ecco pronta all'uso la prima edizione del "Gourmet Food Festival", l'evento acchiappatutto di questo fine settimana a Torino. Ma per rileggere la ricetta come si deve serve qualche indicazione in più: il contenitore è il Lingotto Fiere (un solo padiglione, perché di più non serviva), gli assaggini sono quelli di aziende e aziendine che portano (e sperano di vendere) specialità di ogni tipo, mentre il condimento sono i nomi che tirano e se non ci sono fanno crollare i primi due: da Cracco a Sorbillo, da Massari a Sal de Riso.

Per quelli che pensano male, l'ennesimo evento studiato a tavolino in un periodo storico in cui è meglio tentare di vincere facile - leggasi "cibo" - per altri un altro passo sulla strada della consacrazione di Torino e del Piemonte a epicentro italiano del food.

I numeri, quelli che dicono se l'idea è buona o meno, arriveranno più in là, a bocce ferme e casse chiuse. Per adesso, se le truppe cammellate hanno raggiunto il Lingotto da ogni dove nella speranza di incrociare lo sguardo magnetico-assassino di Carlo Cracco, l'ospite che venerdì pomeriggio ha aperto la sequela, la mattina di sabato si presentava senza particolari code alle biglietterie e pochi drappelli di irriducibili dell'assaggino.

Nato dalla collaborazione fra i francesi di "GL Events" e "Gambero Rosso", il Gourmet Food Festival ha l'ambizione di voler creare un nuovo format di rassegne dedicate al wine e food. Agli ingredienti che la gente cerca, assaggio-acquisto-personaggio, si è aggiunta una spruzzata di cultura democratica: avvicinare il cibo alla gente dimenticando per un istante i troppi tecnicismi e l'incessante processione di chef trasformati in personaggi televisivi. Volendo sono un po' tutti così, ma tant'è.

Il risultato è il padiglione principale del Lingotto, con le corsie ordinate di stand che rappresentano le venti regioni italiane, anzi 19, visto che nessun molisano ha risposto all'appello, ed una parte centrale chiamata "Agorà", la piazza principale secondo gli antichi greci, divisa in quattro sezioni per dare spazio a ospiti-eventi-lezioni-degustazioni-workshop-laboratori. Se ne contano ben 51, con 2.000 prenotazioni online.

Come accennato, si è scelto di partire forte con Carlo Cracco, il più celebre e amato fra i maghi dei fornelli, appena privato di un stella Michelin ma ugualmente sereno e pronto a smazzare consigli. Si esibisce in un "Riso al latte dolce", rilettura di un suo ricordo d'infanzia, poi si lascia "selfare" a piacimento, fin quando anche l'ultima batteria dell'ultimissimo smartphone non grida pietà.

Dopo di lui arriva Igles Corelli, personaggio anche lui ma meno disposto a farsi digerire dal piccolo schermo e comunque ugualmente accompagnato da una fama notevole. Anche lui ha scelto un risotto - il "Mojto di Parma" - figlio della "cucina circolare", che non significa l'arte di impiattare il riciclo ma semplicemente di approcciarsi agli ingredienti in modo diverso.

Si replica sabato con la pasta di Peppe Guida e i segreti delle tagliatelle, raccontati da Claudia Trevisani, alias Miss Tagliatella. Domenica, ovvero le ultime battute del Festival, si apre con Stefano Bicocchi, meglio conosciuto come Vito, accompagnato dai suoi tortellini, rigorosamente bolognesi.



GUIDA PRATICA

Gourmet Food Festival

17-19 novembre

Lingotto Fiere – via Nizza, 294, Torino

Orari

Venerdì 17 dalle 17 alle 23

Sabato 18 dalle 10 alle 23

Domenica dalle 10 alle 20

Ingressi

Intero giornaliero 10 €, ridotto con coupon online 7 €, over 65 e 10-17 anni 7 €. Abbonamento due giorni 17 €, tre 24 €.

Degustazioni: da 5 a 10 €.

Ticket assaggio: 3 €

Programma e info: www.gourmetfoodfestival.it

 

Cronaca
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"