Cura Minniti ok: crollo sbarchi migranti

| Calo di oltre il 60%, solo 119 mila arrivi contro i 180 mila del 2016. A maggioranza nigeriani, senegalesi e gaboniani. Il problema della ricollocazione, con 11 mila procedure definite. I rimpatri però sono ancora insufficienti

+ Miei preferiti

Funziona  la "cura" Minniti per limitare gli sbarchi dei migranti sulle coste italiane. Gli ultimi dati forniti dal Ministero dell’Interno, raccontano che dall’inizio del 2018 (1-15 gennaio) in Italia sono sbarcati 841 migranti (di cui 544 provenienti dalla Libia), con un calo del 64,3% (2.355 arrivi, 2.188 dalla Libia) e del 64,9% (826 sbarchi) rispetto allo stesso periodo degli anni 2017 e 2016. In particolare i libici sbarcati quest’anno sono stati il 75,14% in meno rispetto al 2017. 

Nel 2016 gli arrivi sono stati 181.436 (27.384 solo nell’ottobre 2016), nel 2017 119.369 (il picco nel giugno 2017 con 23.526 arrivi). Dal 1 gennaio 2017 al 12 gennaio 2018 i porti di Augusta, Catania e Pozzallo sono stati quelli più interessati dagli sbarchi, con rispettivamente 16.955, 16.100 e 11.734 migranti arrivati. 

Per quanto riguarda le nazionalità dichiarate al momento dello sbarco nel 2018 (aggiornato al 12 gennaio 2018) ai primi posti ci sono Senegal (90), Nigeria (56) e Gambia (50). All’ottavo posto la Libia (31). Nel 2017 ai primi tre posti ci sono state Nigeria (18.158), Guinea (9.701) e Costa d’Avorio (9.507); la Libia non era compresa tra le prime dieci nazionalità. 

Sulle relocation gli ultimi dati sono al 31 dicembre 2017: 12.162 le procedure definite, di cui 11.464 ricollocati (in particolare eritrei e siriani verso Germania, Svezia e Svizzera) e 698 in corso di trasferimento. Sono 843 le istruttorie completate in attesa di risposta dello Stato membro individuato, 229 le istruttorie avviate.

Cronaca
Sofiya uccisa a bastonate su testa e collo
Sofiya uccisa a bastonate su testa e collo
La bella ucraina scomparsa il 26 novembre a Cornuda e poi ritrovata cadavere il 24 dicembre, è stata uccisa a bastonate e poi finita con un colpo violentissimo al collo. Mistero sull'assassino, sospetti su 4 uomini
"Una macchina fa il suo lavoro, lei è licenziato"
"Una macchina fa il suo lavoro, lei è licenziato"
Incredibile storia di un operaio marocchino di 61, l'azienda lo licenzia dopo 30 anni di lavoro perché una macchina svolge le stesse mansioni. Lettera delirante, "purtroppo non ci sono altre mansioni disponibili"
"A Bologna nulla di cui debba vergognarmi"
"A Bologna nulla di cui debba vergognarmi"
L'ex Nar Francesca Mambro in aula a Bologna per il processo sulla strage alla stazione. "Essere qui mi provoca ansia e angoscia, so il male che ho fatto"
Riciclavano denaro svuotando conti postali
Riciclavano denaro svuotando conti postali
Blitz dei carabinieri a Reggio Calabria, 29 indagati. Avrebbero derubato anziani e disabili con la complicità di funzionari delle Poste. Conti svuotati attraverso ai conti on line
Insegnanti maltrattavano bimbi, 2 arresti
Insegnanti maltrattavano bimbi, 2 arresti
Indagine dei carabinieri a Colorno, presunte vittima tra i 3 e i 5 anni, violenze fisiche e psicologiche
Stupratori di Roma, cattura imminente
Stupratori di Roma, cattura imminente
La procura di Tivoli pronta ad ammanettare i quattro responsabili della violenza di gruppo ai danni di una donna di 43 anni
Assicurare il matrimonio, ora si può
Assicurare il matrimonio, ora si può
Polizze "dedicate" alle nozze, dal pranzo ai viaggi, in caso di annullamento l'assicurazione rifonde le spese. Costi contenuti
Lupo ucciso e appeso, due denunciati
Lupo ucciso e appeso, due denunciati
Individuati dai carabinieri da tabulati telefonici e immagini delle videocamere di sicurezza di Coriano, Rimini. Il lupo tramortito e trafitto con un forcone all'addome. Lav ed Enpa parte civile: "Grazie Arma"
Giallo a Bari, uccisa turista Usa
Giallo a Bari, uccisa turista Usa
La donna aveva 65 anni ed era in vacanza con il marito. Il corpo in una casa-vacanze, segni di ecchimosi sul collo, il marito era nella villetta ora sotto il controllo dei carabinieri
La gang svuotava i conti correnti con le Pec
La gang svuotava i conti correnti con le Pec
Ancora indagini dopo l'arresto in Sicilia di cinque persone che svuotavano i conti bancari di ignari correntisti utilizzando messaggi via Pec false. In poche ore avevano rubato oltre 200 mila euro