Danni ingenti ma la Sacra è salva

| Sopralluogo dei carabinieri a bordo dell'elicottero dell'Arma. Il presidente della Regione Chiamparino: "Salva per miracolo". Confermata la prima ipotesi, le fiamme da un corto circuito all'interno di un cantiere. Bilancio da definire

+ Miei preferiti
Danni ingenti, ma nessun danno strutturale. La Sacra di San Michele, simbolo del Piemonte e set del film "Il nome della Rosa", tratto dal romanzo di Umberto Eco, è salva ma per "miracolo", come ha detto il presidente della Regione Sergio Chiamparino, annunciando che i fondi per il restauro sono già a disposizione. I carabinieri hanno diffuso un video, girato a bordo dell'elicottero dell'Arma, in cui è possibile vedere dall'alto il reale stato del grande edificio storico minacciato dal rogo. "Abbiamo corso un bel rischio ma grazie all'intervento di pompieri e forze dell'ordine i danni sembrano circoscritti. Ora faremo verifiche più approfondite".Così il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, al termine del sopralluogo alla Sacra di San Michele, dove ieri sera un incendio ha distrutto il tetto del convento dei padri rosminiani. "In ogni caso - aggiunge il presidente Chiamparino - abbiamo individuato risorse nei fondi europei che sono abbondantemente capienti per far fronte al danno che, fortunatamente, sembra contenuto. Come Regione - conclude - stiamo cercando le modalità migliori per valorizzare questo bene straordinario che è anche il simbolo del Piemonte". Al sopralluogo aereo anche i tecnici dei Vigili del Fuoco. La valutazione finale dei danni è affidata alla procura di Torino.

Foto di Alberto Dosio, video Arma dei carabinieri

Video
Cronaca
Crisi nervosa in casa Rodriguez
Crisi nervosa in casa Rodriguez
Il padre di Belen, in preda a uno stato di alterazione, si è messo a urlare dalla finestra della sua casa di Brera e a lanciare oggetti in strada. Ricoverato precauzionalmente in ospedale
Due turiste uccise in Marocco
Due turiste uccise in Marocco
I corpi decapitati di Louisa e Maren, entrambe scandinave, sono stati ritrovati in una zona impervia dell’Alto Atlante. Fermato un uomo, ma si sospetta abbia avuto complici
Muore di freddo su una panchina
Muore di freddo su una panchina
Una studentessa di 15 anni scozzese aveva trascorso la serata con un ragazzo, avevano bevuto alcol in un parco sulla collina di Edinburgo. Il corpo trovato all'alba da un passante. Genitori sconvolti
Ha stuprato un cadavere, arrestato
Ha stuprato un cadavere, arrestato
Un 23enne inglese sorpreso in un obitorio mentre violentava il corpo di una defunta. Ora rischia 7 anni di carcere. Familiari sconvolti. La polizia: "Trovato il suo Dna". Lui: "Impulso irresistibile". Ipotesi sette sataniche
CARABINIERE AGGREDITO
per il branco ore contate
CARABINIERE AGGREDITO<BR> per il branco ore contate
Il militare aggredito dagli ultrà laziali, ferito perché difendeva un tifoso tedesco, è il simbolo dell'Arma. Esempio di professionalità e nervi saldi. Caccia agli aggressori. Violenti traditi da videocamere
Grillina aggredita a Nuoro, vero o falso?
Grillina aggredita a Nuoro, vero o falso?
Lei, una parlamentare, dice di essere stata spinta da un uomo e ha una costola fratturata. Una teste racconta che s'è buttata a terra da sola dopo un banale diverbio. Indaga la squadra mobile
Catania, salva la speleologa ferita
Catania, salva la speleologa ferita
Dopo 12 ore di ricerche nella notte i soccorritori sono riusciti a salvare una speleologa di 42 anni caduta all'interno della grotta di Cozzo Balatelli
Stilista strangolata, dopo appesa a un albero
Stilista strangolata, dopo appesa a un albero
Colpo di scena. La stilista milanese Carlotta Benusuglio, 37 anni, non si suicidò ma fu uccisa. Il suo corpo fu trovato impiccato a un albero in un parco. Ex fidanzato ora indagato per omicidio volontario
Muore accoltellata dalla compagna di stanza
Muore accoltellata dalla compagna di stanza
Una studentessa 21enne del Minnesota, a Rotterdam con il programma Erasmus, è stata uccisa senza un perché dalla coinquilina. Era un talento della batteria
Uccise una donna, giustiziato in Florida
Uccise una donna, giustiziato in Florida
Josè Antonio Jimenez aveva picchiato e ucciso una donna nel 1992, è stato giustiziato con un'iniezione letale. Aveva strangolato anche un'altra vittima a Miami, respinti tutti i ricorsi