Daspo per leader ultrà bianconero 'Crociata social' contro le forze dell'ordine

| Dalla revoca dello striscione allo sciopero del tifo

+ Miei preferiti

Il leader del gruppo ultras juventino Viking dovrà stare per otto anni lontano dallo stadio: il Daspo arriva in seguito a una denuncia per istigazione a delinquere presentata dalla Digos. A lui, milanese bianconero, il provvedimento proprio non piace e così da il via a una "crociata social" contro gli agenti. Il suo profilo facebook è costellato da innumerevoli post di insulti contro le forze dell'ordine e da foto di alcuni poliziotti. Le ostilità iniziano ai primi di febbraio, quando ai Viking viene revocato il permesso di esporre lo striscione del gruppo. Gli ultras della 'Vecchia Signora', infatti, non hanno rispettato i patti: diverse volte, dall'inizio del campionato, hanno fatto entrare allo Juventus Stadium striscioni non autorizzati e hanno intonato cori offensivi e antisemiti. "Gli sterilizziamo le donne, così non ne nascono più. I viola non sono italiani, ma sono una massa di ebrei", hanno cantato in occasione della partita contro la Fiorentina. E ancora, "Lavali con il fuoco", diretto ai giocatori e ai tifosi napoletani. E così i Viking non hanno più potuto esporre il proprio striscione. In risposta al provvedimento, il gruppo ha proclamato uno 'sciopero del tifo': nelle partite successive alla revoca, gli ultras non hanno occupato i loro 200 posti in curva Sud e per evitare che altri gruppi (Nucleo e Tradizione Bianconera) vi si insediassero, hanno preso iniziative, talvolta sfociate in momenti di tensione. Ad esempio durante il 'Derby d'Italia', quando alcuni ultras hanno intimidito altri tifosi per impedire tentativi di 'sconfinamento'. In quell'occasione sono state cinque le persone denunciate per violenza privata. E ancora. Il 10 marzo, in occasione di Juventus – Milan, per eludere la revoca dello striscione, i Viking circondarono la zona con delle bandierine di segnalazione navale componendo il nome del gruppo. Bandierine che sono state tolte dagli agenti della Digos presenti. A quel punto alcuni esponenti dei Viking, a seguito del loro leader, hanno cercato il sostegno del gruppo ultras 'Tradizione Bianconera': l'accordo è stato raggiungo a seguito di un'accesa discussione nell'area bar dello stadio, tra il primo e il secondo tempo. 

Cronaca
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Accade a Corsico, i dipendenti avrebbe venduto a parenti e amici mobili e altro cambiando i codici a barre con il prezzo di bottiglie d'acqua e oggetti di scarso valore. Provvedimenti disciplinari per altri 22