Daspo per leader ultrà bianconero 'Crociata social' contro le forze dell'ordine

| Dalla revoca dello striscione allo sciopero del tifo

+ Miei preferiti

Il leader del gruppo ultras juventino Viking dovrà stare per otto anni lontano dallo stadio: il Daspo arriva in seguito a una denuncia per istigazione a delinquere presentata dalla Digos. A lui, milanese bianconero, il provvedimento proprio non piace e così da il via a una "crociata social" contro gli agenti. Il suo profilo facebook è costellato da innumerevoli post di insulti contro le forze dell'ordine e da foto di alcuni poliziotti. Le ostilità iniziano ai primi di febbraio, quando ai Viking viene revocato il permesso di esporre lo striscione del gruppo. Gli ultras della 'Vecchia Signora', infatti, non hanno rispettato i patti: diverse volte, dall'inizio del campionato, hanno fatto entrare allo Juventus Stadium striscioni non autorizzati e hanno intonato cori offensivi e antisemiti. "Gli sterilizziamo le donne, così non ne nascono più. I viola non sono italiani, ma sono una massa di ebrei", hanno cantato in occasione della partita contro la Fiorentina. E ancora, "Lavali con il fuoco", diretto ai giocatori e ai tifosi napoletani. E così i Viking non hanno più potuto esporre il proprio striscione. In risposta al provvedimento, il gruppo ha proclamato uno 'sciopero del tifo': nelle partite successive alla revoca, gli ultras non hanno occupato i loro 200 posti in curva Sud e per evitare che altri gruppi (Nucleo e Tradizione Bianconera) vi si insediassero, hanno preso iniziative, talvolta sfociate in momenti di tensione. Ad esempio durante il 'Derby d'Italia', quando alcuni ultras hanno intimidito altri tifosi per impedire tentativi di 'sconfinamento'. In quell'occasione sono state cinque le persone denunciate per violenza privata. E ancora. Il 10 marzo, in occasione di Juventus – Milan, per eludere la revoca dello striscione, i Viking circondarono la zona con delle bandierine di segnalazione navale componendo il nome del gruppo. Bandierine che sono state tolte dagli agenti della Digos presenti. A quel punto alcuni esponenti dei Viking, a seguito del loro leader, hanno cercato il sostegno del gruppo ultras 'Tradizione Bianconera': l'accordo è stato raggiungo a seguito di un'accesa discussione nell'area bar dello stadio, tra il primo e il secondo tempo. 

Cronaca
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"