Caso Pastor, 10 piccoli monegaschi assassini

| Processo in Assise per i 10 presunti colpevoli dell'agguato mortale alla donna più ricca di Monaco, Helen Pastor, 77 anni. Fu uccisa con il maggiordomo a colpi di fucile nel maggio 2014

+ Miei preferiti

di ALBERTO C. FERRO

Tra 48 ore inizia il processo che tiene in sospeso la Francia, e in particolare la Costa Azzura e Monaco, epicentro di un caso giudiziario che definire misterioso è poco.  Alla sbarra 10 uomini, coinvolti a vario titolo nell’agguato mortale alla donna più ricca del principato Helene Pastor, 77 anni, con un patrimonio di 20 miliardi alle spalle, uccisa da due killer davanti all'ospedale Archet di Nizza nel maggio 2014, si era appena congedata da suo figlio, ricoverato per un infarto. Morì, sotto una pioggia di proiettili esplosi da due fucili caricati a pallettoni, il suo autista e maggiordomo egiziano, Mohamed Darwish di 64 anni. Una trama che sembra un giallo di Agatha Christie. Le indagini, dopo le prime incertezze puntarono subito su una vendetta che puntava dritta al cuore stesso della famiglia, esattamente al marito-compagno della figlia di Helene. Il movente chiaro: un tentativo di entrare in possesso di una quota cospicua dell’immenso patrimonio. L’architetto del delitto, Wojciech Janowski, imprenditore (con 20 milioni di debiti a causa di imprese finite male) il console onorario di Polonia a Monaco, uno degli uomini più in vista del Principato, amico del principe e della famiglia reale. Gli improvvisati killer, il 20enne Samine Said Ahmed poco più di 20 anni e Hamadi Al Ha'ir, 21. La paga 100 mila euro, ingaggiati dal personal trainer di Janowski, Pascal Duriac tramite un malavitoso marsigliese, Abdelkader Belkhatir. Le armi le aveva procurate un ex gendarme volontario, poi un presunto affiliato alvvecchio clan dei marsigliesi, con un ruolo di coordinamento e un avvocato che avrebbe convinto un teste a mentire alla Gendarmrie. In cinque, compreso il polacco, devono rispondere di omicidio volontario e concorso, gli altri per reati minori. il processo si terrà nella Corte d'assise di Aix en Provence nel dipartimento delle Bouches du Rhone. I figli di Helene Pastor si sono costituiti parte civile eccetto la compagna del presunto mandante. Sino ad oggi, la donna non s’è pronunciata sul comportamento del compagno,nè lo difende, né lo accusa. E’ il padre dei suoi figli, ed è comprensibile. Wojciech Janowski, dopo l’arresto aveva confessato, facendo i nomi, ad uno ad uno dei suoi complici. Poi ha ritrattato, sostenendo che gli inquirenti “avevano approfittato della sua casa conoscenza del francese” per fargli firmare verbali non rispondenti al suo pensiero. Strano, perché  il manager ha vissuto 30 anni a Monaco. Accusa i suoi complici e tenta di trovare una giustificazione: la madre-padrona, che passava un vitalizio di 500 mila euro alla figlia ma senza coinvolgerla nelle attività delle aziende, non ne voleva sapere di aiutare il genero, finito nei guai per alcune strampalate e rovinose operazioni finanziarie in Polonia, doveva aveva rilevato una raffineria che non aveva mai dato profitti. In tutto 20 milioni. Un’inezia, per la famiglia Pastor. Ma Helene, che non mai accettato quell’uomo scaltro e ben introdotto nei piani alti del Principato disse no, in modo categorico e senza appello. Un no, secondo gli inquirenti, pagato con la vita.

Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara