Ecco come agiscono le gang dell'Est minacce ai derubati: "Torna a dormire"

| Carabinieri: 36 colpi accertati, 5 arresti ad Asti, Cuneo e Torino. Sono albanesi specializzati in furti notturni

+ Miei preferiti
Asti, Cuneo e Torino: dopo 36 furti in pochi mesi, i carabinieri hanno sgominato una gang di albanesi, 5 sono finiti in cella. Rubavano di tutto, dalle auto di lusso alle macchinette per cialde di caffè. I carabinieri della Sezione antirapina del Nucleo Investigativo hanno sgominato una banda di albanesi specializzata nei furti con la tecnica del succhiello per svaligiare ville e appartamenti in tre province piemontesi. Sui serramenti delle finestre praticavano un foro, utilizzando per l'appunto un succhiello. Si tratta di un attrezzo da falegname utile a bucare i serramenti. Poi era sufficiente usare una pinza per aprire la finestra. In tre mesi, da marzo a giugno 2016, i furti contestati alla banda sono 36 nelle province di Asti, Cuneo e Torino ma i colpi potrebbero essere molti di più. Quasi tutti i furti sono stati commessi di notte mentre i proprietari dormivano. In qualche occasione, le vittime si sono svegliate ma sono state minacciate di morte e sono state invitate a tornare a letto e a non chiamare le forze dell'ordine. In un'occasione hanno minacciato la figlia minorenne dei proprietari che si era svegliata dicendole: "Torna a letto se vuoi che non ti succeda niente". In un'altra occasione hanno minacciato il proprietario con un punteruolo affinché spegnesse la luce che nel frattempo aveva acceso dopo essersi svegliato costringendolo a girarsi dalla parte opposta al fine di non poterli vedere. La banda rubava di tutto: i gioielli di famiglia, gli orologi, le collezioni di monete, le posate in argento, le fedi nuziali, le macchinette per cialde di caffè e le auto parcheggiate nei garage.
Cronaca
Il medico aggredì l'amante della moglie: processo
Il medico aggredì l
Torna in aula Matteo Cagnoni, il dermatologo dei Vip. Nel 2016 aveva ucciso la moglie Giulia Ballestri. Aveva aggredito prima del delitto il suo nuovo compagno. Nei guai anche Bossetti e Buoninconti
Londra violenta: ucciso un 15enne
Londra violenta: ucciso un 15enne
Nel giro di una settimana cinque aggressioni mortali, di cui la maggior parte verso adolescenti. Nella capitale inglese infuria una sanguinosa guerra fra gang, e la città chiede più controlli sulle strade
Targhe estere, Toninelli va all'attacco
Targhe estere, Toninelli va all
Con "Basta con i furbi", il ministro grillino vieta a chi risiede in Italia da più di 60 giorni di circolare con veicoli targati all'estero. "Finito il gioco di non pagare assicurazione e bollo in Italia"
Orrore nei lager, ex SS piange
Orrore nei lager, ex SS piange
Il 94enne Johann R., ex guardia SS nel lager di Stutthof, si è commosso di fronte alle testimonianza dei superstiti. E' sotto processo nel tribunale dei minori perché nel '44 aveva 18 anni
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
Antonio Cicchelli, fratello dell’avvocato torinese ucciso in Brasile dalla convivente, affida a FB poche righe struggenti. Sarà lui a riportare i resti del fratello in Italia
"Devi diventare una testimone di Geova"
"Devi diventare una testimone di Geova"
Marito allontanato dalla famiglia perché picchiava la consorte restia ad abbracciare la sua religione
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Soddisfatto Salvini: "Gli altri parlano, noi facciamo". Calo anche delle richieste d'asilo. Crollo degli sbarchi di profughi
"Voglio tornare nel carcere di Ravenna"
"Voglio tornare nel carcere di Ravenna"
Matteo Cagnoni, detenuto a Bologna dopo la condanna per uxoricidio, ha presentato istanza per il trasferimento nella città natale. E' "in forte stato depressivo"
Gara col tempo per salvare i puledri
Gara col tempo per salvare i puledri
Accade a Ostellato, Ferrara. I cavalli sono stati abbandonati da tempo in un maneggio fallito. Tra i volontari Nicole Berlusconi
Il giorno di El Chapo
Il giorno di El Chapo
Inizia a New York, fra immense misure di sicurezza, il processo al “più grande narcoboss del mondo”, come si era definito lui stesso poco prima di essere catturato. Sul suo capo una sfilza infinita di capi d’accusa