Escape room, il gioco della fuga

| Sono il fenomeno del momento fra gli adolescenti: si tratta di stanze disseminate di misteri da risolvere per riuscire ad uscire. Un gioco di intelligenza e intuito, che in Polonia è costato la vita a cinque ragazze

+ Miei preferiti
La Polonia è piegata dal dolore: cinque adolescenti sono morte all’interno di una “escape room” di Koszalin, nel nord del paese. Il gruppetto di 15enni stava festeggiando il compleanno di una di loro quando, per motivi ancora tutti da chiarire, un 25enne in loro compagnia avrebbe acceso del fuoco, forse per vedere meglio all’interno della stanza: una scelta che si è trasformata in tragedia, con le ragazze morte per asfissia da monossido di carbonio e il 25enne ricoverato in gravi condizioni con ustioni su buona parte del corpo.

Una tragica fatalità che però ha acceso la curiosità su un fenomeno in forte espansione in tutto il mondo: quello delle “escape room”. Si tratta di un gioco di logica, una caccia al tesoro per adulti nel quale i partecipanti sono rinchiusi in una stanza a tema (solitamente si può scegliere fra diverse situazioni), e nel tempo massimo di un’ora devono riuscire a trovare la via d’uscita risolvendo codici, enigmi, rompicapo e indovinelli che permettono di arrivare alla soluzione finale, quella che apre le porte

Sbarcate in Italia nel 2015 dopo aver conquistato prima i cervelloni della Silicon Valley, quindi l’intera America e di seguito Australia, Giappone, Thailandia, Cina ed Europa, le escape room sono molto richieste dagli adolescenti, ma utilizzate anche come team building per sviluppare intuito e logica di tutti i partecipanti.

Secondo alcune teorie, le prime escape room nascono in Giappone, per opera di Takao Katoe, che proponeva il gioco itinerante a locali che venivano disseminati di indizi. Il successo valica i confini arrivando a toccare grandi centri come Pechino, Shangai e Singapore, dove in poco tempo vanno in scena più di 2.3000 escape room che richiamano più di 10mila partecipanti. Per dovere di cronaca va detto che ungheresi e americani sono altrettanto convinti di essere stati gli inventori del genere.

In Italia sono presenti più di 3.000 escape room, a cominciare dal “Maniac Palace” di Milano, la più grande d’Italia e una delle maggiori d’Europa, ma sono diverse le catene che hanno aperto sedi franchising in tutt’Italia, come http://www.intrappola.toed http://www.escaperoomclub.it

I partecipanti, senza limiti di età, possono scegliere fra diverse trame e location, in genere prigioni, laboratori abbandonati, manicomi, monasteri e caveau di banche. L’esperienza inizia con un’introduzione che spiega la situazione, poi si entra in una stanza poco illuminata e con una musica in sottofondo. Per aprire i lucchetti di cassetti e armadi bisogna risolvere gli enigmi realizzati seguendo una logica non semplice da capire. La percentuale di successo pare sia molto bassa: solo il 3% dei partecipanti riesce a passare alla stanza successiva, e meno ancora sono quelli che completano il percorso. Partecipare costa dai 30 ai 60 euro a testa.

Galleria fotografica
Escape room, il gioco della fuga - immagine 1
Escape room, il gioco della fuga - immagine 2
Escape room, il gioco della fuga - immagine 3
Escape room, il gioco della fuga - immagine 4
Escape room, il gioco della fuga - immagine 5
Escape room, il gioco della fuga - immagine 6
Cronaca
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa