FOLLE NOTTE CHAMPIONS L'ORA DEGLI SCIACALLI

| Finti feriti e falsi "choccati" in fila per tentare di ottenere denari facili, su 1600 molti sono semplici simulatori

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Inutile parlare di indagati, nel rumore di fondo dei se, ma, forse, pare. Vaticinare il destino giudiziario di sindaco, funzionari, manager delle società di eventi, in base a chiacchiere da bar non serve a nessuno. Non è il momento. Il procuratore capo della Repubblica di Torino è stato chiaro. Le iscrizioni sono un atto dovuto, diretta conseguenza delle querele presentate da alcuni feriti. Non molti, rispetto al numero complessivo delle persone che si sono presentate  subito, nelle ore e nei giorni successivi, nei pronto soccorso degli ospedali torinesi e cintura e in studi privati, per farsi repertare lesioni e fratture. La valanga arriverà dopo che il quadro sarà più chiaro. Il numero complessivo è attorno ai 1600. E' stato sentito anche il capo di gabinetto del Comune, per 3 ore, in questura e prima di lui una lunga teoria di funzionari e dirigenti comunali, coinvolti a vario titolo nella pianificazione di quell'evento sciagurato.
AVVOCATI ALL'ASSALTO STILE USA
Già gli studi legali che usano - a volte con effetti comici - un tipo di comunicazione all'americana si sono fatti avanti, attraverso gli affidamenti ricevuti da alcuni feriti, veri o sedicenti tali. E già. Molti hanno fiutato la possibilità di ottenere risarcimenti da Comune e da singoli futuri imputati - se mai condannati per qualche responsabilità penale ma soprattutto civile - ed è un affannarsi a cercare periti compiacenti, in grado di trasformare mini-lesioni in punti di invalidità, con un'attenzione particolare all'aspetto psicologico, al "trauma" mentale, a quel perenne stato di choc che ne avrebbe cambiato in peggio la qualità della vita. Utilizzare la definizione di sciacalli, come per i criminali che, approfittando del caos, hanno rubato quella notte telefoni, portafogli, vestiti, soldi, persino le scarpe, non è troppo. Di questo, alla fine, si tratta. Ma non dimentichiamoci che una giovane donna è morta per niente, che altri feriti sono ancora in cura negli ospedali con gravi lesioni e che altri infine si porteranno davvero e per sempre nell'anima il ricordo di una notte orribile e stupida; stupida perché sarebbe bastato un minimo di professionalità da parte della giunta grillina per evitare quanto è accaduto.


Ma torniamo all'inchiesta. Adesso si vorrebbe indovinare quando e dove sarà sentito il sindaco Appendino che, all'epoca, aveva la delega della polizia urbana. A Torino, quella notte, non c'era; era a Cardiff. Ma non sarà il passaggio finale di un'inchiesta che procede sotto i fari di un'informazione che segue con un'ansia comprensibile l'evolversi della vicenda giudiziaria, anche per tutte le implicazioni politiche che ha ed in vista delle elezioni politiche che cambieranno per sempre il volto di questo Paese.
SCONCERTANTI INTERROGATORI 


Dal fitto riserbo che circonda gli interrogatori filtra poco di vero e molto invece frutto di ipotesi. I punti fermi sono, essenzialmente, che molti testimoni rischiano o sono già iscritti nel registro degli indagati per lesioni in conseguenza di un'omissione d'atti d'ufficio. Hanno ammesso candidamente di "non avere previsto i possibili incidenti", di non "essere al corrente delle misure di sicurezza previste dalla legge", di "non averle né applicate, né previste", né di avere minimamente pensato ad organizzare vie di fughe o quanto suggeriva non la legge, ma il semplice buon senso. In questo quadro la parte politica ha fatto la sua parte. Con un'ombra lunga che raggiunge anche la Juventus, se non altro sotto il profilo etico, non giudiziario. Perché la società non ha fatto quello che era nella logica, cioè aprire lo Stadio, con tutti i suoi efficienti dispositivi di sicurezza, per la video-diretta con Cardiff? Comune e istituzioni si sono piegati al silenzio bianconero e hanno dato il via libera a un non-sense, con migliaia di tifosi - non esattamente o meglio non tutti - gentlemen, piombati a Torino da tutta Italia. Contenerli in una piazza era già un azzardo, figuriamoci la notte della finale di Champions. Così, in queste ore, l'inchiesta procede protetta, almeno sino ad ora, da un efficace protezione da fughe di notizie e colpi bassi. Il destino dei feriti veri, e della famiglia della donna schiacciata dalla folla, merita discrezione e rispetto.

Cronaca
Uccide bimbo schiacciandolo nell'auto
Uccide bimbo schiacciandolo nell
Alfie aveva 3 anni e "faceva troppo rumore" durante il viaggio. Il fidanzato della madre per due volte ha spinto indietro il sedile e alla fine lo ha soffocato. La mamma non ha fatto nulla per salvarlo. Rispondono entrambi di omicidio
La falsa storia del povero senzatetto
La falsa storia del povero senzatetto
In tre si erano inventati una storia commovente virale sul web: un barbone aveva donato i suoi ultimi 20 dollari a una donna con l'auto senza benzina. Raccolti 400 mila dollari per aiutarlo. Arrestato per truffa, complici denunciati
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Genitori condannati a 8 anni di carcere nel Sussex: avevano picchiato il loro bimbo provocandogli "lesioni spaventose" perché piangeva troppo. Adesso è stato adottato e si sta riprendendo. Le dure parole del giudice
"Il razzismo la paga cara"
"Il razzismo la paga cara"
L'ex ministro del governo Letta, la dottoressa Cecile Kyenge, commenta così la condanna in primo grado del ministro leghista Calderoli che l'aveva definita "un orango". Vincere il razzismo in modo pacifico e legale
L'ombra senza pace della nave Concordia
L
Sette anni fa, alle 21:47 del 13 dicembre 2013, la nave affondò davanti all'Isola del giglio per una manovra sbagliata. Il suo ex capitano, Francesco Schettino, è in carcere da mesi. Legge, fa sport e spera in una riduzione della pena
Regeni, la procura apre un'altra inchiesta
Regeni, la procura apre un
Al centro le pressioni delle autorità egiziane contro il consulente della famiglia Regeni a Il Cairo. Ma l'inchiesta principale, sulla tortura e morte del ricercatore, ancora in alto mare. L'Egitto non collabora
Ucciso Kevin Fret, il primo trapper gay
Ucciso Kevin Fret, il primo trapper gay
È stato freddato mentre era alla guida della sua moto. Il suo desiderio era aprire la scena musicale che conta agli artisti della comunità omosessuale di Porto Rico
Snow board proibito, morto 24enne
Snow board proibito, morto 24enne
La vittima, Julian Impagliazzo di Scandicci ha sbagliato un salto ed è volato per 20 metri in una scarpata. Illeso l'amico. La zona era vietata, inutili i soccorsi.
L'assassino di Desirée chiede nuovo processo
L
Giovanni Erra fu condannato a 30 anni per avere ucciso, assieme a tre minori, una ragazzina di 14 anni a Leno. Ora pretende si cerchi "un'altra verità". La famiglia: "Sconti la sua sua pena e faccia i conti la sua coscienza"
È morto Fernando Aiuti
È morto Fernando Aiuti
L’immunologo, 83 anni, si è battuto per tutta la vita contro i pregiudizi verso i malati di Aids. Celebre il bacio ad una donna sieropositiva. La Procura indaga per possibile suicidio