Frediani vuole il multiplo di Beppe Grillo tutto per sé

| Dopo la "sparizione" dalla foto di gruppo della dissidente Batzella, la consigliera M5s cancella tutti i colleghi e lascia solo il Fondatore

+ Miei preferiti
Dunque. Giorni fa Francesca Frediani, consigliera regionale M5s, notav valsusina, ha "photoshoppato" la foto dei colleghi nel Consiglio con al centro Beppe Grillo che apre il suo profilo facebook. Ha cancellato l'ex collega Stefania Batzella, notav e valsusina pure lei, dissidente, ora fondatrice del MLI (Movimento Libero e Indipendente) dopo l'abbandono (tra insulti e polemiche contro quest'ultima) della compagine pentastellata. Batzella ha commentato in modo amaro questa sparizione virtuale, lei che nella foto era a fianco del mefistofelico Davide Bono, "dimostrando così quanto bene ha fatto ad andarsene sbattendo la porta". Frediani ha provato a scherzarci su, con l'aiuto di una platea di fedelissimi della tastiera: "Beh, che c'entra, quella foto apre il profilo mio e lei non fa più parte del gruppo, a quella foto ci tengo perchè c'è Beppe". In sostanza, delle mie immagini faccio quello che voglio. Oggi l'ultima mutazione: tutti i consiglieri regionali sono "spariti" ed è rimasta lei sola al centro con un Beppe Grillo multiplo che la affianca da ogni lato. Uno psichiatra non faticherebbe a interpretare l'immagine come l'espressione di un sogno proibito, quello di avere Grillo tutto per sè. E d'altra parte "Uno vale Uno". O no?
 Batzella: "Il passato e il lavoro fatto non si cancellano con Photoshop: è un piccolo esempio del clima che si viveva in quel gruppo: i fatti parlano da soli. Lo slogan "uno vale uno" non vale all'interno del gruppo dove le gerarchie prevalgono sugli spazi, sul bene comune, sui meriti. Mi sento discriminata e lesa nella dignità". E la Frediani"Quella foto è la mia immagine di copertina sulla pagina Facebook ci tengo molto perché c'è Beppe Grillo, ma è chiaro che non potevo più usarla visto che ritraeva con noi una persona che ha lasciato il Movimento. E' lei che se ne è andata, in modo del tutto inaspettato noi non abbiamo cacciato nessuno". 
Cronaca
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
Un caso che sta facendo discutere l’Inghilterra e mettendo in discussione l’intero sistema carcerario inglese: un uomo di 52 anni ottiene di scontare la pena in un carcere femminile e tenta di stuprare alcune detenute
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Marco Camuffo aveva richiesto il rito abbreviato, per Pietro Costa, il più giovane dei due, il processo inizierà il prossimo mese di maggio. I due ex carabinieri sono accusati di aver violentato due studentesse americane
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
Colpo di scena nel processo Cucchi, un carabiniere accusa due colleghi del pestaggio. I superiori sapevano. Gli avvocati: "Per anni ha detto cose diverse". La famiglia: "Caduto il muro"
Delitto Fiumicino, l'ha uccisa per gelosia
Delitto Fiumicino, l
Andrea De Filippis, ex poliziotto, ha confessato: "Ho ucciso Tanina, mi spiace per lei e la sua famiglia". Tra i due era nato un forte legame, poi è accaduto qualcosa lui non ha voluto ancora dire
Aggressore seriale confessa gli stupri
Aggressore seriale confessa gli stupri
L'uomo, 34 anni, nega invece di avere ucciso una prostituta. "E' stato il racket, ho bruciato il cadavere per paura". Una 18enne era riuscita a sfuggirgli. Si indaga su altri delitti insoluti