Furchì, una chance per evitare l'ergastolo

| Delitto Musy, conto alla rovescia per l'udienza in Cassazione del presunto killer per tentare di annullare la massima pena al presunto killer di Alberto Musy

+ Miei preferiti
Il 1 dicembre in Cassazione l'ultimo capitolo dell'omicidio di Alberto Musy, l'avvocato e politico torinese vittima di un agguato il 21 marzo 2012 nella sua casa di Torino, in via Barbaro. Un uomo lo attese nel portone e gli sparò contro cinque colpi di devolvere calibro 38 ferendolo gravemente, l'ultimo, alla testa fu quello mortale. Condannato all'ergastolo in primo e secondo grado, Francesco Furchì, che secondo l'accusa fu l'assassino, tenta con i suoi avvocati Giancarlo Piattelli e Rosa Ferrara la carta del ricorso in Cassazione. Lui continua a professarsi innocente e questo, alla fine, è stato un processo indiziario, senza la prova regina, ma con tanti e numerosi elementi che portavano tutti in una stessa direzione. Il pm Roberto Furlan, che ha coordinato l'inchiesta della squadra mobile, aveva minuziosamente ricostruito passo dopo passo  le vicende precedenti l'attentato, il giorno del delitto e le mosse conseguenti di tutti i protagonisti di una delle vicende più tragiche e controversa degli ultimi decenni. Controverse perchè, sullo sfondo della triste fine del noto legale, la cui famiglia è tutelata dall'avvocato Gian Paolo Zancan, sono rimaste tracce di odi profondi nel mondo accademico, di vendette incrociate ma anche di una sostanziale omertà quando sarebbe stato necessario, all'inizio di un'inchiesta difficilissima e molto delicata, di una collaborazione, civile e responsabile, da parte di tutti.
PROVE INCERTE MA ZERO ALIBI
Francesco Furchì afferma di non essere lui l'uomo che, alle 8,16 del primo giorno di primavera del 2012, indossando un casco integrale, un vecchio trench e un paio di pantaloni e scarpe nere, sperò contro l'avvocato; afferma che in quelle ore in viaggio da Caselle, dove abitava, verso il suo ufficio in via Garibaldi. Ma non solo non è stato in grado di dimostrarlo ai giudici della Corte d'Assise ma non è riuscito neppure a dare una spiegazione convincente su movente e altri aspetti dell'indagine. Gli avvocati difensori ritengono che l'inchiesta sia viziata "da gravi e vistosi errori e forzature", in merito agli esiti delle perizie e delle consulenze tecniche. E i giudici di terzo grado dovrebbero annullare le due sentenze precedenti per aprire un nuovo fascicolo. Furchì, 51 anni, in carcere dal gennaio 2013, va perdendo la speranza di tornare libero. L'appuntamento con la Cassazione, già rinviato per due volte a causa dello sciopero dei legali, è stato finalmente fissato e sta avvicinandosi velocemente, mentre l'ancora presunto assassino (Musì morirà IL 24 ottobre 2013 dopo 19 mesi di una straziante agonia) pare si stia dedicando a una memoria per ribadire, ancora una volta, la sua innocenza.


Cronaca
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"