Furchì, una chance per evitare l'ergastolo

| Delitto Musy, conto alla rovescia per l'udienza in Cassazione del presunto killer per tentare di annullare la massima pena al presunto killer di Alberto Musy

+ Miei preferiti
Il 1 dicembre in Cassazione l'ultimo capitolo dell'omicidio di Alberto Musy, l'avvocato e politico torinese vittima di un agguato il 21 marzo 2012 nella sua casa di Torino, in via Barbaro. Un uomo lo attese nel portone e gli sparò contro cinque colpi di devolvere calibro 38 ferendolo gravemente, l'ultimo, alla testa fu quello mortale. Condannato all'ergastolo in primo e secondo grado, Francesco Furchì, che secondo l'accusa fu l'assassino, tenta con i suoi avvocati Giancarlo Piattelli e Rosa Ferrara la carta del ricorso in Cassazione. Lui continua a professarsi innocente e questo, alla fine, è stato un processo indiziario, senza la prova regina, ma con tanti e numerosi elementi che portavano tutti in una stessa direzione. Il pm Roberto Furlan, che ha coordinato l'inchiesta della squadra mobile, aveva minuziosamente ricostruito passo dopo passo  le vicende precedenti l'attentato, il giorno del delitto e le mosse conseguenti di tutti i protagonisti di una delle vicende più tragiche e controversa degli ultimi decenni. Controverse perchè, sullo sfondo della triste fine del noto legale, la cui famiglia è tutelata dall'avvocato Gian Paolo Zancan, sono rimaste tracce di odi profondi nel mondo accademico, di vendette incrociate ma anche di una sostanziale omertà quando sarebbe stato necessario, all'inizio di un'inchiesta difficilissima e molto delicata, di una collaborazione, civile e responsabile, da parte di tutti.
PROVE INCERTE MA ZERO ALIBI
Francesco Furchì afferma di non essere lui l'uomo che, alle 8,16 del primo giorno di primavera del 2012, indossando un casco integrale, un vecchio trench e un paio di pantaloni e scarpe nere, sperò contro l'avvocato; afferma che in quelle ore in viaggio da Caselle, dove abitava, verso il suo ufficio in via Garibaldi. Ma non solo non è stato in grado di dimostrarlo ai giudici della Corte d'Assise ma non è riuscito neppure a dare una spiegazione convincente su movente e altri aspetti dell'indagine. Gli avvocati difensori ritengono che l'inchiesta sia viziata "da gravi e vistosi errori e forzature", in merito agli esiti delle perizie e delle consulenze tecniche. E i giudici di terzo grado dovrebbero annullare le due sentenze precedenti per aprire un nuovo fascicolo. Furchì, 51 anni, in carcere dal gennaio 2013, va perdendo la speranza di tornare libero. L'appuntamento con la Cassazione, già rinviato per due volte a causa dello sciopero dei legali, è stato finalmente fissato e sta avvicinandosi velocemente, mentre l'ancora presunto assassino (Musì morirà IL 24 ottobre 2013 dopo 19 mesi di una straziante agonia) pare si stia dedicando a una memoria per ribadire, ancora una volta, la sua innocenza.


Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara