Futuro notaio spaccia cocaina e ora trema la Torino-bene

| Blitz della squadra mobile tra i pusher della movida, sequestrata "neve" purissima. Agenda con nomi di Vip

+ Miei preferiti
Notaio o pusher? Meglio pusher. La sera un irreprensibile professionista, che aveva libero accesso in Tribunale e in prestigiosi studi professionali torinesi, indossava le vesti del fornitore di droga (purissima) a clienti d'elite, anche giovanissimi della movida a Torino. Una specie di gioco finito con il diventare una professione. Ci vuol poco a immagine quali erano i suoi canali di rifornimento, la mobile sta lavorando proprio su questo importante aspetto dell'indagine. Si potrebbe risalire alle cosche che hanno ripreso il controllo del mercato dello stupefacente vero, non le polveri prive di proncipi attivi vendute a poco prezzo dagli africani tra San Salvario e Porta Palazzo. Francesco Maccarone, 34 anni, è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile, sezione Narcotico, mentre usciva dalla propria abitazione a Grugliasco con le diee chiare. Lo attendeva la solita processione di consumatori di fiducia. Mentre lo stavano interrogando, il cellulare non ha mai smesso di suonare. Clienti in febbrile dose delle dosi per il weekend.
Base dei narcos nei locali più alla moda
 Secondo le indagini, smerciava cocaina purissima nei locali più alla moda del centro cittadino, frequentati (anche) da giovani di buona famiglia. 
Al momento dell'arresto aveva con sé 38 bustine di cocaina.  Altra droga era nascosta nella cucina dell'appartamento per un totale di 320 grammi: una quantità che poteva fruttare, alla vendita, intorno ai centomila euro. Durante la perquisizione sono arrivate al telefono dell'aspirante notaio diverse decine di chiamate: con ogni probabilità erano di clienti. Perplessi gli amici pià cari, quasi ringraziano la polizia di averlo sottratto a un ambiente sempre più pericoloso e coinvolgente. Ha coordinato le indagini il pm Andrea Padalino.
   
Cronaca
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Dall’ergastolo del primo grado ai 15 anni che chiudono il processo bis a carico di Pier Paolo Brega Massone: per i giudici si è trattato di omicidi preterintenzionali
La vita spericolata di Rossi junior
La vita spericolata di Rossi junior
Processo a gennaio per il figlio di Vasco. Alla guida di un'Audi aveva saltato uno stop investendo una Panda con due ragazze a bordo. Poi se n'era andato. Nei guai anche l'amico che voleva sostituirsi a lui
Prete molestatore, la curia lo sospende
Prete molestatore, la curia lo sospende
Scandalo a Gorizia, il sacerdote avrebbe molestato sessualmente una donna in difficoltà. Smascherato dalle Iene
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
La ricchissima ereditiera monegasca fu assassinata quattro anni fa davanti ad un ospedale di Nizza. Le indagini hanno permesso di risalire a tutti i componenti del piano, condannati con pene pesanti dal tribunale
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Armi paracadutate durante la guerra civile, conservate in un tubo di cemento poi sepolto in un campo. Sono intervenuti gli artificieri
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani