Futuro notaio spaccia cocaina e ora trema la Torino-bene

| Blitz della squadra mobile tra i pusher della movida, sequestrata "neve" purissima. Agenda con nomi di Vip

+ Miei preferiti
Notaio o pusher? Meglio pusher. La sera un irreprensibile professionista, che aveva libero accesso in Tribunale e in prestigiosi studi professionali torinesi, indossava le vesti del fornitore di droga (purissima) a clienti d'elite, anche giovanissimi della movida a Torino. Una specie di gioco finito con il diventare una professione. Ci vuol poco a immagine quali erano i suoi canali di rifornimento, la mobile sta lavorando proprio su questo importante aspetto dell'indagine. Si potrebbe risalire alle cosche che hanno ripreso il controllo del mercato dello stupefacente vero, non le polveri prive di proncipi attivi vendute a poco prezzo dagli africani tra San Salvario e Porta Palazzo. Francesco Maccarone, 34 anni, è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile, sezione Narcotico, mentre usciva dalla propria abitazione a Grugliasco con le diee chiare. Lo attendeva la solita processione di consumatori di fiducia. Mentre lo stavano interrogando, il cellulare non ha mai smesso di suonare. Clienti in febbrile dose delle dosi per il weekend.
Base dei narcos nei locali più alla moda
 Secondo le indagini, smerciava cocaina purissima nei locali più alla moda del centro cittadino, frequentati (anche) da giovani di buona famiglia. 
Al momento dell'arresto aveva con sé 38 bustine di cocaina.  Altra droga era nascosta nella cucina dell'appartamento per un totale di 320 grammi: una quantità che poteva fruttare, alla vendita, intorno ai centomila euro. Durante la perquisizione sono arrivate al telefono dell'aspirante notaio diverse decine di chiamate: con ogni probabilità erano di clienti. Perplessi gli amici pià cari, quasi ringraziano la polizia di averlo sottratto a un ambiente sempre più pericoloso e coinvolgente. Ha coordinato le indagini il pm Andrea Padalino.
   
Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non è più in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed è morto, volevo nascondere il corpo, è stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco