Gas nervino, chiuso ostello a Salisbury

| Due ospiti contaminati dal veleno in ospedale ma non sono gravi. Chiusa la struttura, allontanati tutti i residenti. Polemiche sui mancati controlli medici. Forse il gas in un bidone dei rifiuti

+ Miei preferiti

Un ostello per senza tetto a Salisbury, che ospitava una delle vittime dell'ultimo avvelenamento da novicohok, il gas nervino, è stato chiuso per sicurezza in un clima di crescente nervosismo nella zona. A tutti i 20 residenti di John Baker House è stato detto di lasciare l'edificio intorno alle 10.25 del mattino di giovedì. Anche la strada fuori dall'ostello è stata sgomberata dai veicoli, mentre la polizia ha eretto barriere per isolare un fabbricato. Dawn Sturgess, che viveva nella casa, è stato ricoverato in ospedale con il suo partner, Charlie Rowley, dopo la contaminazione da gas nervino. Le riprese TVCC mostrano la vittima del novichok il giorno prima dell'attacco - videoregistrazione

Collette Boys, uno dei residenti, che conosce Sturgess e Rowley, ha detto che la polizia aveva anche cordonato fuori un bidone della spazzatura pubblico di fuori dell’ostello. Il gas poteva essere contenuto in un bidone dei rifiuti vicino a un ingresso laterale del fabbricato. Gli ospiti e i residenti sono molto preoccupati: "Nessuno di noi sa cosa sta succedendo. Nessuno ci dice nulla. Ci avrebbe dovuto essere detto quanto tempo sono andati in ospedale. Stamattina, intorno alle 10.25, siamo usciti dall'edificio. E' spaventoso pensare che ci sia qualcosa in quell'edificio che avremmo potuto respirare. Hanno tolto un bidone della spazzatura fuori da John Baker, i due poliziotti che erano non ne sanno nulla”. Tutti sorpresi che i residenti dell'ostello non sono stati per ora sottoposto a controlli medici. "Pensavo che avremmo avuto un team medico per controllare tutti noi, ma non c'è stato niente di simile”, commentano. Il mistero si infittisce.C’è il sospetto, secondo fonti del governo inglese, che l’Inghilterra sia utilizzata come test per l’impiego di gas letali. E i sospetti puntano verso Est.

 
Cronaca
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa