Giordana via per la multa ma ora rischiano altri politici e funzionari

| L'addio del capo di gabinetto del sindaco Appendino mette a fuoco la linea M5s Di Maio-Di Battista: "Chi sbaglia se ne va"

+ Miei preferiti

A proposito di multe cancellate. Una procura piemontese avrebbe concluso le indagini su una multa di svariate centinaia di euro  euro comminata dai vigili urbani ad alcuni attivisti di un partito poco prima delle elezioni di due anni fa, per la violazione degli spazi elettorali, mentre altri partiti, colpevoli della stessa violazione, le sanzioni le avevano invece regolarmente pagate. Ma c'è di più. Uno dei responsabili della polizia locale era stato contattato per "risolvere la questione" e su ogni passaggio c'è il riscontro su una chat già acquisita dagli inquirenti. La chiusura indagini è questione di giorni. Così vedremo se  il "metodo Giordana" ("Chi sbaglia se ne va", ha detto Di Maio) verrà applicato anche in Piemonte. "Noi in due ore facciamo dimettere chi si fa condonare una multa mentre al governo Renzi e Gentiloni fanno sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, quella che chiedeva ad Unicredit di salvare la banca di suo padre". Lo afferma Luigi Di Maio a margine dell'incontro con i pescatori al porticciolo della Bandita, in Sicilia in questi ultimi giorni di tour elettorale. "Sono due atteggiamenti diversi e questo farà sempre la differenza tra noi e loro", aggiunge. Il riferimento è alle dimissioni di Paolo Giordana, capo di gabinetto della sindaca di Torino, Chiara Appendino, che ieri ha rassegnato le dimissioni dopo al presidente dell'azienda trasporti Gtt per far togliere una multa a un amico. In realtà, non è stato tutto così immediato. Poi l'ultimayum dei consiglieri comunali dell'ala ortodossa "O si dimette o chiediamo noi le dimissioni". Guiordana aveva replicato: "Sono convinto della correttezza del mio operato, e lo dimostrerò nelle sedi opportune – scrive Paolo Giordana - mi preme, più che ogni altra cosa, tutelare la Città di Torino e l'Amministrazione. Per questa ragione ho prontamente rassegnato le dimissioni nelle mani della sindaca".
APPENDINO RINGRAZIA PAOLO GIORDANA
Subito la replica del sindaco M5s:
"Accetto
 le dimissioni di Paolo Giordana, sono umanamente dispiaciuta per la persona. Lo ringrazio di aver messo al primo posto l'interesse della Città". Quindi il commento di Alessandro Di Battista, il front-man del movimento più popolare: "Ciò che ha fatto Paolo Giordana è inaccettabile ma se tutti i partiti adottassero questo parametro nel Pd ne resterebbero solo in 4". Molto presto vedremo se si tratta di propaganda o di realtà. "Accetto le dimissioni di Paolo Giordana, sono umanamente dispiaciuta per la persona, lo ringrazio di aver messo al primo posto l'interesse della Città". E' la dichiarazione della sindaca Chiara Appendino, alla decisione comunicata dal capo di gabinetto al termine dell'interrogatorio dai pm. La decisione di Giordana - conferma l'Ansa - è stata decisa dopo che sono stati resi noti i verbali delle telefonate con il presidente di Gtt per chiedere la cancellazione di una multa di un amico su un bus: un modo per far rispamiare 90 euro. La conversazione risale a luglio 2017. "Per carità, i controllori sono tanto bravi però un po' troppo, come dire, quadrati. Praticamente un mio amico era sul pullman che stava per timbrare il biglietto e il controllore l'ha fermato dicendogli "lo deve timbrare 5 minuti fa, 1 minuto fa, 30 secondi fa. Adesso le devo fare la multa. Non è tanto carina come cosa. Cosa possiamo fare?". Ceresa ribatte chiedendo a Giordana se ha la multa. Una volta ricevuto il fatidico sì, l'Add di Gtt promette di poterci pensare lui: "Sì, sì, non gli arriverà la multa". Quel breve colloquio era finito nelle carte dell'inchiesta di Gtt per falso in bilanci. Ora tocca alla procura a valutare se ne comportamento del capo di gabinetto della sindaca, tenendo conto anche della posizione di Ceresa, ci siano (o no) risvolti penali. 

Cronaca
Igor il russo condannato all’ergastolo
Igor il russo condannato all’ergastolo
Detenuto a Saragoza, in Spagna, dove rispondere di altri 3 omicidi e due tentati omicidi, il killer serbo è rimasto impassibile alla lettura della sentenza
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
I passeggeri si sono accorti dell’errore solo al momento dell’atterraggio. Imbarazzo della British Airways
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”