Giordana via per la multa ma ora rischiano altri politici e funzionari

| L'addio del capo di gabinetto del sindaco Appendino mette a fuoco la linea M5s Di Maio-Di Battista: "Chi sbaglia se ne va"

+ Miei preferiti

A proposito di multe cancellate. Una procura piemontese avrebbe concluso le indagini su una multa di svariate centinaia di euro  euro comminata dai vigili urbani ad alcuni attivisti di un partito poco prima delle elezioni di due anni fa, per la violazione degli spazi elettorali, mentre altri partiti, colpevoli della stessa violazione, le sanzioni le avevano invece regolarmente pagate. Ma c'è di più. Uno dei responsabili della polizia locale era stato contattato per "risolvere la questione" e su ogni passaggio c'è il riscontro su una chat già acquisita dagli inquirenti. La chiusura indagini è questione di giorni. Così vedremo se  il "metodo Giordana" ("Chi sbaglia se ne va", ha detto Di Maio) verrà applicato anche in Piemonte. "Noi in due ore facciamo dimettere chi si fa condonare una multa mentre al governo Renzi e Gentiloni fanno sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, quella che chiedeva ad Unicredit di salvare la banca di suo padre". Lo afferma Luigi Di Maio a margine dell'incontro con i pescatori al porticciolo della Bandita, in Sicilia in questi ultimi giorni di tour elettorale. "Sono due atteggiamenti diversi e questo farà sempre la differenza tra noi e loro", aggiunge. Il riferimento è alle dimissioni di Paolo Giordana, capo di gabinetto della sindaca di Torino, Chiara Appendino, che ieri ha rassegnato le dimissioni dopo al presidente dell'azienda trasporti Gtt per far togliere una multa a un amico. In realtà, non è stato tutto così immediato. Poi l'ultimayum dei consiglieri comunali dell'ala ortodossa "O si dimette o chiediamo noi le dimissioni". Guiordana aveva replicato: "Sono convinto della correttezza del mio operato, e lo dimostrerò nelle sedi opportune – scrive Paolo Giordana - mi preme, più che ogni altra cosa, tutelare la Città di Torino e l'Amministrazione. Per questa ragione ho prontamente rassegnato le dimissioni nelle mani della sindaca".
APPENDINO RINGRAZIA PAOLO GIORDANA
Subito la replica del sindaco M5s:
"Accetto
 le dimissioni di Paolo Giordana, sono umanamente dispiaciuta per la persona. Lo ringrazio di aver messo al primo posto l'interesse della Città". Quindi il commento di Alessandro Di Battista, il front-man del movimento più popolare: "Ciò che ha fatto Paolo Giordana è inaccettabile ma se tutti i partiti adottassero questo parametro nel Pd ne resterebbero solo in 4". Molto presto vedremo se si tratta di propaganda o di realtà. "Accetto le dimissioni di Paolo Giordana, sono umanamente dispiaciuta per la persona, lo ringrazio di aver messo al primo posto l'interesse della Città". E' la dichiarazione della sindaca Chiara Appendino, alla decisione comunicata dal capo di gabinetto al termine dell'interrogatorio dai pm. La decisione di Giordana - conferma l'Ansa - è stata decisa dopo che sono stati resi noti i verbali delle telefonate con il presidente di Gtt per chiedere la cancellazione di una multa di un amico su un bus: un modo per far rispamiare 90 euro. La conversazione risale a luglio 2017. "Per carità, i controllori sono tanto bravi però un po' troppo, come dire, quadrati. Praticamente un mio amico era sul pullman che stava per timbrare il biglietto e il controllore l'ha fermato dicendogli "lo deve timbrare 5 minuti fa, 1 minuto fa, 30 secondi fa. Adesso le devo fare la multa. Non è tanto carina come cosa. Cosa possiamo fare?". Ceresa ribatte chiedendo a Giordana se ha la multa. Una volta ricevuto il fatidico sì, l'Add di Gtt promette di poterci pensare lui: "Sì, sì, non gli arriverà la multa". Quel breve colloquio era finito nelle carte dell'inchiesta di Gtt per falso in bilanci. Ora tocca alla procura a valutare se ne comportamento del capo di gabinetto della sindaca, tenendo conto anche della posizione di Ceresa, ci siano (o no) risvolti penali. 

Cronaca
Uccide bimbo schiacciandolo nell'auto
Uccide bimbo schiacciandolo nell
Alfie aveva 3 anni e "faceva troppo rumore" durante il viaggio. Il fidanzato della madre per due volte ha spinto indietro il sedile e alla fine lo ha soffocato. La mamma non ha fatto nulla per salvarlo. Rispondono entrambi di omicidio
La falsa storia del povero senzatetto
La falsa storia del povero senzatetto
In tre si erano inventati una storia commovente virale sul web: un barbone aveva donato i suoi ultimi 20 dollari a una donna con l'auto senza benzina. Raccolti 400 mila dollari per aiutarlo. Arrestato per truffa, complici denunciati
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Genitori condannati a 8 anni di carcere nel Sussex: avevano picchiato il loro bimbo provocandogli "lesioni spaventose" perché piangeva troppo. Adesso è stato adottato e si sta riprendendo. Le dure parole del giudice
"Il razzismo la paga cara"
"Il razzismo la paga cara"
L'ex ministro del governo Letta, la dottoressa Cecile Kyenge, commenta così la condanna in primo grado del ministro leghista Calderoli che l'aveva definita "un orango". Vincere il razzismo in modo pacifico e legale
L'ombra senza pace della nave Concordia
L
Sette anni fa, alle 21:47 del 13 dicembre 2013, la nave affondò davanti all'Isola del giglio per una manovra sbagliata. Il suo ex capitano, Francesco Schettino, è in carcere da mesi. Legge, fa sport e spera in una riduzione della pena
Regeni, la procura apre un'altra inchiesta
Regeni, la procura apre un
Al centro le pressioni delle autorità egiziane contro il consulente della famiglia Regeni a Il Cairo. Ma l'inchiesta principale, sulla tortura e morte del ricercatore, ancora in alto mare. L'Egitto non collabora
Ucciso Kevin Fret, il primo trapper gay
Ucciso Kevin Fret, il primo trapper gay
È stato freddato mentre era alla guida della sua moto. Il suo desiderio era aprire la scena musicale che conta agli artisti della comunità omosessuale di Porto Rico
Snow board proibito, morto 24enne
Snow board proibito, morto 24enne
La vittima, Julian Impagliazzo di Scandicci ha sbagliato un salto ed è volato per 20 metri in una scarpata. Illeso l'amico. La zona era vietata, inutili i soccorsi.
L'assassino di Desirée chiede nuovo processo
L
Giovanni Erra fu condannato a 30 anni per avere ucciso, assieme a tre minori, una ragazzina di 14 anni a Leno. Ora pretende si cerchi "un'altra verità". La famiglia: "Sconti la sua sua pena e faccia i conti la sua coscienza"
È morto Fernando Aiuti
È morto Fernando Aiuti
L’immunologo, 83 anni, si è battuto per tutta la vita contro i pregiudizi verso i malati di Aids. Celebre il bacio ad una donna sieropositiva. La Procura indaga per possibile suicidio