Giustiziato Jack lo squartatore cinese

| Gao Chengyong, commerciante di 54 anni, ha ucciso 11 donne tra l'88 e il 2012. La polizia è risalita per caso, analizzando il Dna di un ladruncolo suo familiare. "E' un perverso che odia le donne", spiega la polizia

+ Miei preferiti
Un serial killer che ha stuprato e ucciso 10 donne e una bambina nel nord-ovest della Cina è stato giustiziato, hanno riferito i media statali. Gao Chengyong, 54, era stato chiamato "Jack lo squartatore cinese", le sue prede erano donne vestite di rosso, che seguiva sino a casa prima dello stupro e dell'uccisione -- spesso tagliando loro la gola -- fra il 1988 e il 2002. Aveva anche l'abitudine di mutilare i corpi delle sue vittime, compresa una bimba di 8 anni.
Gao è stato arrestato nel 2016. Gli investigatori avevano il suo Dna ma sono risaliti a lui attraverso un fatto casuale, un furto compiuto da un membro della sua famiglia. Gao, proprietario di un negozio di alimentari, non era infatti tra i sospettati ma il Dna del congiunto finito nei guai, era molto simile al suo. I detective si sono avvicinati a Gao, raccogliendo segretamente il suo DNA ed ebbero così la conferma, dopo tanti anni in cui era rimasto inattivo che era lui il Jack The Ripper con gli occhi a mandorla.
Goa alla fine ha confessato 11 omicidi nella provincia di Gansu e nella Mongolia Interna, ed è stato condannato a morte nel marzo dello scorso anno. La maggior parte degli attacchi ha avuto luogo intorno a Baiyin, una città di 1,7 milioni di abitanti nel nord-est del Gansu. "Il sospetto soffre di una perversione sessuale e odia le donne", ha detto la polizia di Baiyin al momento, secondo i media statali. "E' solitario e asociale, ma paziente e in grado id nascondere la sua vera personalità".
La famiglia di Gao sembrava essere all'oscuro dei suoi crimini. Sua moglie ha pianto quando ha sentito del suo arresto, ha riferito il Beijing News.
Galleria fotografica
Giustiziato Jack lo squartatore cinese - immagine 1
Giustiziato Jack lo squartatore cinese - immagine 2
Cronaca
Catturato il killer del motoscafo
Catturato il killer del motoscafo
Un web designer inglese, ubriaco a bordo del suo motoscafo, ha provocato la morte della ragazza che aveva fianco di notte sul Tamigi. Condannato a 6 anni di carcere, era fuggito in Georgia. I familiari: "Arrogante"
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
Chiara Alessandri spiega come ha ucciso Stefania Crotti: "Volevo solo un chiarimento, non ucciderla e non ho bruciato io il corpo". La vittima era ancora viva? Da mesi tentava di incontrarla. I messaggi sulle chat
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
Berenice Schkair, modella ed ex fidanzata di Emiliano Sala, non crede all’ipotesi dell’incidente: “Sarò ancora più chiara fra qualche giorno”. Il punto sulle ricerche e le ipotesi di alcuni esperti
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?