Giustiziato Jack lo squartatore cinese

| Gao Chengyong, commerciante di 54 anni, ha ucciso 11 donne tra l'88 e il 2012. La polizia è risalita per caso, analizzando il Dna di un ladruncolo suo familiare. "E' un perverso che odia le donne", spiega la polizia

+ Miei preferiti
Un serial killer che ha stuprato e ucciso 10 donne e una bambina nel nord-ovest della Cina è stato giustiziato, hanno riferito i media statali. Gao Chengyong, 54, era stato chiamato "Jack lo squartatore cinese", le sue prede erano donne vestite di rosso, che seguiva sino a casa prima dello stupro e dell'uccisione -- spesso tagliando loro la gola -- fra il 1988 e il 2002. Aveva anche l'abitudine di mutilare i corpi delle sue vittime, compresa una bimba di 8 anni.
Gao è stato arrestato nel 2016. Gli investigatori avevano il suo Dna ma sono risaliti a lui attraverso un fatto casuale, un furto compiuto da un membro della sua famiglia. Gao, proprietario di un negozio di alimentari, non era infatti tra i sospettati ma il Dna del congiunto finito nei guai, era molto simile al suo. I detective si sono avvicinati a Gao, raccogliendo segretamente il suo DNA ed ebbero così la conferma, dopo tanti anni in cui era rimasto inattivo che era lui il Jack The Ripper con gli occhi a mandorla.
Goa alla fine ha confessato 11 omicidi nella provincia di Gansu e nella Mongolia Interna, ed è stato condannato a morte nel marzo dello scorso anno. La maggior parte degli attacchi ha avuto luogo intorno a Baiyin, una città di 1,7 milioni di abitanti nel nord-est del Gansu. "Il sospetto soffre di una perversione sessuale e odia le donne", ha detto la polizia di Baiyin al momento, secondo i media statali. "E' solitario e asociale, ma paziente e in grado id nascondere la sua vera personalità".
La famiglia di Gao sembrava essere all'oscuro dei suoi crimini. Sua moglie ha pianto quando ha sentito del suo arresto, ha riferito il Beijing News.
Galleria fotografica
Giustiziato Jack lo squartatore cinese - immagine 1
Giustiziato Jack lo squartatore cinese - immagine 2
Cronaca
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Ikea furti e ricettazione, 10 licenziati
Accade a Corsico, i dipendenti avrebbe venduto a parenti e amici mobili e altro cambiando i codici a barre con il prezzo di bottiglie d'acqua e oggetti di scarso valore. Provvedimenti disciplinari per altri 22