Gli scatti che fanno la storia

| Torino ospita 150 fotografie vincitrici del World Press Photo, il prestigioso concorso nato per difendere il diritto di raccontare la verità

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Il mondo non cambierà mai invano, finché ci sarà qualcuno a scattare una foto. È in fondo questa, la lezione che tramanda di generazione in generazione il "World Press Photo", il più prestigioso concorso di fotografia del mondo, nato a Amsterdam nel lontano 1955 per salvare l'idea scomoda del fotogiornalismo, e insieme la libertà di informazione, di inchiesta e di espressione, principi oggi inalienabili per buona parte del mondo.

Un concorso che rappresenta un traguardo prestigioso per chiunque ami raccontare storie senza bisogno di parole, che ogni anno riunisce gli scatti, spesso cruenti, di testate come National Geographic, BBC, CNN, Le Monde, Times, The Guardian, New York Times ed El Pais, prestigiose testate che fanno di tutto per assicurarsi una delle categorie in cui è suddiviso il concorso: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, Nature, People, Sports e Spot News.

L'edizione del 2017, partita dalla monumentale cifra di 80.000 foto, scattate da 5.034 fotografi di tutto il mondo, ha premiato "An Assassination in Turkey - Mevlüt Mert Altıntaş", crudissimo e attuale scatto di Burhan Ozbilici, 59 anni, fotografo dell'agenzia di stampa americana "Associated Press", che il 19 dicembre 2016 ha ripreso i drammatici attimi del gesto di Mevlut Mert Altinas, agente fuori servizio che aveva appena freddato l'ambasciatore russo in Turchia. Un'immagine entrata direttamente nei libri di storia, una delle testimonianze più efficaci dei profondi mali che tolgono la pace a questo pianeta. Uno scatto che ha richiesto anche un enorme sangue freddo da parte di Ozbilici, capace di impugnare la macchina fotografica mentre intorno a lui si scatenava l'inferno.

Ed è stato proprio il fotoreporter turco, l'ospite che inaugurato una mostra, dedicata al "World Press Photo", ospitata da venerdì 3 a domenica 26 novembre negli spazi del Mastio della Cittadella di Torino, l'ex fortezza sabauda all'angolo fra corso Galileo Ferrari e via Cernaia.

La mostra, articolata in 150 foto, tutte vincitrici del prestigioso concorso fotografico, sono state selezionate per l'occasione da una giuria internazionale e portate a Torino da "Cime", con il sostegno del brand "Lancia Ypsilon" e il patrocinio di Comune e Regione Piemonte.

Quattro gli scatti di fotoreporter italiani in mostra: Antonio Gibotta, autore di "Infarinati", Francesco Comello, con "Isola della salvezza", Alessio Romenzi, autore di "Non prendiamo prigionieri" e Giovanni Capriotti, vincitore del primo premio per la categoria Sport, nella sezione ‘Storie'.

 

GLI EVENTI

VENERDÌ 3 NOVEMBRE

Ore 18.00: inaugurazione (su invito) con le istituzioni e Burhan Ozblici, vincitore del World Press Photo of the Year 2017.

Ore 20.00: apertura al pubblico.

SABATO 4 NOVEMBRE

Apertura straordinaria fino alle 24.00 in occasione della Notte delle Arti

Ore 17.00: Public Lecture con Burhan Ozblici

Ore 21.30: Live concert - Estel Luz.

GIOVEDÌ 9 NOVEMBRE

Ore 19.30: USA 2017, politica, società e cultura dell'America di oggi, con Stephen Amidon, Andrea Marinelli e Lorenzo Pregliasco.

VENERDÌ 10 NOVEMBRE

Ore 19.00: GOONJ (Italia) - Sonorizzazione speciale della Mostra.

SABATO 11 NOVEMBRE

Ore 16.00: Public Lecture con Antonio Gibotta

Vincitore del World Press Photo 2017 - 2° premio Storie, categoria People.

GIOVEDì 16 NOVEMBRE

Ore 18.30: Caporetto 100 anni dopo: La storia della "Dodicesima battaglia sull'Isonzo".

VENERDÌ 17 NOVEMBRE

Ore 19.00: KORA SAX DUO (Italia / Senegal), intervento musicale di Gianni Denitto e Cheikh Fall.

SABATO 18 NOVEMBRE

Ore 17.00: Public Lecture con Francesco Comello

Vincitore del World Press Photo 2017 – 3° premio, categoria Daily Life Stories.

GIOVEDÌ 23 NOVEMBRE

Ore 20.30: Presentazione del libro "Non è lavoro, è sfruttamento", con l'autrice Marta Fana e Maurizio Landini.

VENERDÌ 24 NOVEMBRE

Ore 19.00: Quintetto Pentafiati (Italia) Musica classica e contemporanea.

SABATO 25 NOVEMBRE

Ore 17.00: Public Lecture con Mathieu Willcocks

Vincitore 3° premio, categoria Spot News.

DOMENICA 26 NOVEMBRE

Ore 18.00: Serata Conclusiva

 

Info pratiche

WORLD PRESS PHOTO

Mastio della Cittadella di Torino

3 - 26 novembre 2017

Orari

Lunedì-mercoledì 10-20, giovedì-domenica 10-22

Biglietti

Intero: 8,50 euro

Ridotto: 6,50 euro per under 25 e over 65, muniti di documento.

Ridotto scuole: 5 euro (previa prenotazione).

Abbonamento "torna quando vuoi": 15 euro.

Gratuito per accompagnatori di visitatori diversamente abili.

Informazioni:

Web: www.worldpressphototorino.it

E-mail: info@worldpressphototorino.it

Facebook: www.facebook.com/WorldPressPhotoTorino

Instagram: www.instagram.com/worldpressphototorino
Telefono:
+39.3339471590

Cronaca
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
Bendata e con una rosa in mano
la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano<br>la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"
Baldini disperato, usano la mia immagine
Baldini disperato, usano la mia immagine
Siti e "giornalisti" hanno diffuso sul web una serie di articoli in cui l'ex spalla di Fiorello annuncia trionfalmente di essersi arricchito con i bitcoin. Ma è una truffa. Lui li ha denunciati alla polizia postale. Senza risultato
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
L'ex governatore del Michigan, presidente dell'università omonima, costretto a dimettersi dopo le sorprendenti dichiarazioni sulle atlete abusate dal medico Larry Nassar. "Hanno avuto premi e riconoscimenti"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
Pista passionale nel sequestro da parte di un marocchino armato di un operaio 45enne di Gavardo, Brescia. I due sono spariti nella notte e li cercano nei boschi zona. Ipotesi delitto-suicidio ma nessuna certezza