Gli scatti che fanno la storia

| Torino ospita 150 fotografie vincitrici del World Press Photo, il prestigioso concorso nato per difendere il diritto di raccontare la verità

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Il mondo non cambierà mai invano, finché ci sarà qualcuno a scattare una foto. È in fondo questa, la lezione che tramanda di generazione in generazione il "World Press Photo", il più prestigioso concorso di fotografia del mondo, nato a Amsterdam nel lontano 1955 per salvare l'idea scomoda del fotogiornalismo, e insieme la libertà di informazione, di inchiesta e di espressione, principi oggi inalienabili per buona parte del mondo.

Un concorso che rappresenta un traguardo prestigioso per chiunque ami raccontare storie senza bisogno di parole, che ogni anno riunisce gli scatti, spesso cruenti, di testate come National Geographic, BBC, CNN, Le Monde, Times, The Guardian, New York Times ed El Pais, prestigiose testate che fanno di tutto per assicurarsi una delle categorie in cui è suddiviso il concorso: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, Nature, People, Sports e Spot News.

L'edizione del 2017, partita dalla monumentale cifra di 80.000 foto, scattate da 5.034 fotografi di tutto il mondo, ha premiato "An Assassination in Turkey - Mevlüt Mert Altıntaş", crudissimo e attuale scatto di Burhan Ozbilici, 59 anni, fotografo dell'agenzia di stampa americana "Associated Press", che il 19 dicembre 2016 ha ripreso i drammatici attimi del gesto di Mevlut Mert Altinas, agente fuori servizio che aveva appena freddato l'ambasciatore russo in Turchia. Un'immagine entrata direttamente nei libri di storia, una delle testimonianze più efficaci dei profondi mali che tolgono la pace a questo pianeta. Uno scatto che ha richiesto anche un enorme sangue freddo da parte di Ozbilici, capace di impugnare la macchina fotografica mentre intorno a lui si scatenava l'inferno.

Ed è stato proprio il fotoreporter turco, l'ospite che inaugurato una mostra, dedicata al "World Press Photo", ospitata da venerdì 3 a domenica 26 novembre negli spazi del Mastio della Cittadella di Torino, l'ex fortezza sabauda all'angolo fra corso Galileo Ferrari e via Cernaia.

La mostra, articolata in 150 foto, tutte vincitrici del prestigioso concorso fotografico, sono state selezionate per l'occasione da una giuria internazionale e portate a Torino da "Cime", con il sostegno del brand "Lancia Ypsilon" e il patrocinio di Comune e Regione Piemonte.

Quattro gli scatti di fotoreporter italiani in mostra: Antonio Gibotta, autore di "Infarinati", Francesco Comello, con "Isola della salvezza", Alessio Romenzi, autore di "Non prendiamo prigionieri" e Giovanni Capriotti, vincitore del primo premio per la categoria Sport, nella sezione ‘Storie'.

 

GLI EVENTI

VENERDÌ 3 NOVEMBRE

Ore 18.00: inaugurazione (su invito) con le istituzioni e Burhan Ozblici, vincitore del World Press Photo of the Year 2017.

Ore 20.00: apertura al pubblico.

SABATO 4 NOVEMBRE

Apertura straordinaria fino alle 24.00 in occasione della Notte delle Arti

Ore 17.00: Public Lecture con Burhan Ozblici

Ore 21.30: Live concert - Estel Luz.

GIOVEDÌ 9 NOVEMBRE

Ore 19.30: USA 2017, politica, società e cultura dell'America di oggi, con Stephen Amidon, Andrea Marinelli e Lorenzo Pregliasco.

VENERDÌ 10 NOVEMBRE

Ore 19.00: GOONJ (Italia) - Sonorizzazione speciale della Mostra.

SABATO 11 NOVEMBRE

Ore 16.00: Public Lecture con Antonio Gibotta

Vincitore del World Press Photo 2017 - 2° premio Storie, categoria People.

GIOVEDì 16 NOVEMBRE

Ore 18.30: Caporetto 100 anni dopo: La storia della "Dodicesima battaglia sull'Isonzo".

VENERDÌ 17 NOVEMBRE

Ore 19.00: KORA SAX DUO (Italia / Senegal), intervento musicale di Gianni Denitto e Cheikh Fall.

SABATO 18 NOVEMBRE

Ore 17.00: Public Lecture con Francesco Comello

Vincitore del World Press Photo 2017 – 3° premio, categoria Daily Life Stories.

GIOVEDÌ 23 NOVEMBRE

Ore 20.30: Presentazione del libro "Non è lavoro, è sfruttamento", con l'autrice Marta Fana e Maurizio Landini.

VENERDÌ 24 NOVEMBRE

Ore 19.00: Quintetto Pentafiati (Italia) Musica classica e contemporanea.

SABATO 25 NOVEMBRE

Ore 17.00: Public Lecture con Mathieu Willcocks

Vincitore 3° premio, categoria Spot News.

DOMENICA 26 NOVEMBRE

Ore 18.00: Serata Conclusiva

 

Info pratiche

WORLD PRESS PHOTO

Mastio della Cittadella di Torino

3 - 26 novembre 2017

Orari

Lunedì-mercoledì 10-20, giovedì-domenica 10-22

Biglietti

Intero: 8,50 euro

Ridotto: 6,50 euro per under 25 e over 65, muniti di documento.

Ridotto scuole: 5 euro (previa prenotazione).

Abbonamento "torna quando vuoi": 15 euro.

Gratuito per accompagnatori di visitatori diversamente abili.

Informazioni:

Web: www.worldpressphototorino.it

E-mail: info@worldpressphototorino.it

Facebook: www.facebook.com/WorldPressPhotoTorino

Instagram: www.instagram.com/worldpressphototorino
Telefono:
+39.3339471590

Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara