Gran Tour, nel segno Unesco

| General Assembly World Design Organization sotto la Mole e in Piemonte dal 10 al 16 ottobre 2017

+ Miei preferiti

Da luglio a ottobre ritornano gli itinerari del Gran Tour per approfondire il tema "Creatività, Industria, Artigianato e Design": un programma di oltre trenta proposte che dopo l'anticipazione dello scorso anno affronta in maniera originale questi temi per far conoscere Torino e il Piemonte da un nuovo punto di vista. L'idea del nuovo programma nasce a partire dal riconoscimento di Torino come "Città Creativa UNESCO per il Design" e in occasione della Design Week e della General Assembly della World Design Organization ospitate sotto la Mole dal 10 al 16 ottobre 2017. I percorsi proposti a Torino offrono l'opportunità di fare un viaggio nella città che cambia con itinerari che mettono al centro il patrimonio storico esistente e di visitare gli scenari più rappresentativi della sperimentazione, fornendo occasioni d'incontro con persone e realtà innovative protagoniste del cambiamento. Il programma coinvolge i luoghi della ricerca, innovazione e produzione anche grazie alla collaborazione di realtà quali il Politecnico di Torino, l'Urban Center Metropolitano e il Circolo del Design. Con le passeggiate guidate si percorrono i quartieri di Torino, tra passato e futuro, per vedere da vicino la trasformazione ad esempio delle zone di San Donato, Borgo Aurora (con la "Nuvola" dell'azienda Lavazza) e Barriera di Milano, in quartieri della città storicamente legate allo sviluppo dell'industria automobilistica quali Mirafiori, San Paolo e San Salvario o ancora due visite speciali alle sale auliche con allestimenti d'autore al Castello del Valentino e alla storica Casa d'Aste Sant'Agostino.

Nell'ambito dei temi presentati durante la General Assembly della World Design Organization, che Torino ospiterà il 14 e il 15 ottobre 2017, Gran Tour sperimenterà una forma di progettazione insolita per l'iniziativa.

 

Cronaca
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
Berenice Schkair, modella ed ex fidanzata di Emiliano Sala, non crede all’ipotesi dell’incidente: “Sarò ancora più chiara fra qualche giorno”. Il punto sulle ricerche e le ipotesi di alcuni esperti
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
Chiara Alessandri spiega come ha ucciso Stefania Crotti: "Volevo solo un chiarimento, non ucciderla e non ho bruciato io il corpo". La vittima era ancora viva? Da mesi tentava di incontrarla. I messaggi sulle chat
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate