"HO SGOZZATO IO LA KIKI"

| Ma il movente non convince, caso ancora aperto dopo la confessione di Dimitri Fricano, il fidanzato di Erika Preti, 28 anni, uccisa a giugno in una villetta in Sardegna

+ Miei preferiti
Uno degli ultimi post pubblicati sul suo profilo Facebook riguarda una curiosa bottega del Biellese specializzata nel realizzare lame affilatissime, come bisturi chirurgici, e manici artistici. Un post ripetuto per quattro volte in tre giorni. Dimitri Fricano, 29 anni, commesso in un centro commerciale di Biella, era maniacalmente attratto dai coltelli e ieri ha confessato di avere sgozzato la fidanzata, Erika "Kiki" Preti, 28 anni, un mese fa in Sardegna, a San Teodoro, dove erano in vacanza, con due precisi fendenti alla gola. Il movente  non è affatto chiaro. Lui, che si dice disperato, afferma che quella mattina, mentre stavano preparando i panini da portare in gita, avrebbe prodotto sul tavolo troppe briciole; Erika lo avrebbe aspramente rimproverato, ne sarebbe nata una lite furibonda, lei gli avrebbe scagliato contro un soprammobile di pietra, lui avrebbe perso la testa e affondato la lama affilata di un coltello da cucina nella gola della vittima. Con il chiaro intento di uccidere. Neanche ci ha provato a soccorrerla, se n'è uscito di corsa simulando di essere rimasto vittima di una rapina da parte di tre aggressori incappucciati. Gli inquirenti non lo hanno creduto nemmeno per un solo minuto. Lo hanno subito indagato per omicidio volontario. Prima era stato ricoverato in un reparto psichiatrico, poi dimesso. Se ne era tornato a casa con l'idea di restare fedele alla prima ricostruzione, tra dichiarazioni d'amore per la compagna uccisa, il cui corpo, nel frattempo era stato cremato. Eccolo, in una foto di qualche giorno dopo in centro a Biella, circondato dallo staff della difesa, i suoi due avvocati più un investigatore privato a cui s'era aggiunto persino l'ex generale dei carabinieri Luciano Garofalo, ex Ris di Parma, nelle vesti di consulente.
RIMORSO O GELIDO CALCOLO? 


Ma il rimorso, alla fine, e forse la consapevolezza che sotto le unghie della povera Erika che aveva cercato disperatamente di difendersi da quel ragazzo quasi obeso, in preda a un raptus feroce e lucido, erano rimaste tracce della sua pelle. E del suo Dna. Poi aveva saputo che i carabinieri avevano escluso la presenza di estranei nella villetta di san Teodoro e che tutti gli indizi concordavano in modo univoco contro di lui. Diciamo che ci ha provato a ripetere, in modo sempre eguale e dunque in teoria credibile, la storia dell'aggressione, chissà, magari da parte di clandestini, extracomunitari o profughi. Ma è il movente, cioè quelle briciole che si potevano togliere in un attimo dalla tavola, che non convince affatto il procuratore di Nuoro. Potrebbe esserci qualcosa di molto più personale, nel rapporto in apparenza sereno di questi due ragazzi che si conoscevano da sempre. Sempre felici e sorridenti nelle foto delle vacanze. Qualcosa che Dimitri "Dixi" potrebbe avere saputo in modo diretto o indiretto proprio in quelle ore, tanto scatenare la sua furia omicida. E' su questo aspetto che investigatori continueranno a  lavorare. O viceversa, cioè che la vittima aveva scoperto qualcosa di negativo e di grave nella vita del suo futuro sposo.
UN MESE DI SOLITUDINE 

In questi giorni, "Dixi" aveva scelto di stare solo. Nella galleria commerciale non si era più presentato, annullata la vita sociale, muti i social su cui - prima - scriveva ogni giorno le sue impressioni, le sue dichiarazioni d'amore per Erika, Dopo il delitto, a chi sospettava di lui, rispondeva: "Amavo Erika, non gli avrei mai fatto del male". In ospedale a Nuoro lo tenevano d'occhio per timore che potesse suicidarsi. Niente. Gli avevano dissequestrato la macchina ed era rientrato a Biella, circondato da genitori e fratello, tutti convinti della sua innocenza. Ora sono sotto choc anche loro, uniti nel dolore con la famiglia di Erika.
RITO ABBREVIATO CON SCONTO 


La strategia difensiva è chiara. I suoi legali, Alessandra Guarini e Roberto Onida, sceglieranno la strada del rito abbreviato che prevede lo sconto di un terzo della pena. In questo caso l'accusa, omicidio volontario aggravato, sarebbe stata da ergastolo anche se - per ora- manca la premeditazione. il classico delitto d'impeto, così afferma Fricano. Poi la confessione che apre la strada alle attenuanti generiche. L'assassino potrebbe cavarsela con poco più di 20 anni di carcere. In questo periodo potrebbe avere studiato tutte le possibili strategie legali per pagare il costo giudiziario più basso possibile. Vedremo le sue mosse nei prossimi giorni o mesi. Il caso non è ancora chiuso. 


Cronaca
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"
Baldini disperato, usano la mia immagine
Baldini disperato, usano la mia immagine
Siti e "giornalisti" hanno diffuso sul web una serie di articoli in cui l'ex spalla di Fiorello annuncia trionfalmente di essersi arricchito con i bitcoin. Ma è una truffa. Lui li ha denunciati alla polizia postale. Senza risultato
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
L'ex governatore del Michigan, presidente dell'università omonima, costretto a dimettersi dopo le sorprendenti dichiarazioni sulle atlete abusate dal medico Larry Nassar. "Hanno avuto premi e riconoscimenti"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
Pista passionale nel sequestro da parte di un marocchino armato di un operaio 45enne di Gavardo, Brescia. I due sono spariti nella notte e li cercano nei boschi zona. Ipotesi delitto-suicidio ma nessuna certezza
Uccide bimbo schiacciandolo nell'auto
Uccide bimbo schiacciandolo nell
Alfie aveva 3 anni e "faceva troppo rumore" durante il viaggio. Il fidanzato della madre per due volte ha spinto indietro il sedile e alla fine lo ha soffocato. La mamma non ha fatto nulla per salvarlo. Rispondono entrambi di omicidio
La falsa storia del povero senzatetto
La falsa storia del povero senzatetto
In tre si erano inventati una storia commovente virale sul web: un barbone aveva donato i suoi ultimi 20 dollari a una donna con l'auto senza benzina. Raccolti 400 mila dollari per aiutarlo. Arrestato per truffa, complici denunciati
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Hanno causato 28 fratture al figlio di 4 mesi
Genitori condannati a 8 anni di carcere nel Sussex: avevano picchiato il loro bimbo provocandogli "lesioni spaventose" perché piangeva troppo. Adesso è stato adottato e si sta riprendendo. Le dure parole del giudice
"Il razzismo la paga cara"
"Il razzismo la paga cara"
L'ex ministro del governo Letta, la dottoressa Cecile Kyenge, commenta così la condanna in primo grado del ministro leghista Calderoli che l'aveva definita "un orango". Vincere il razzismo in modo pacifico e legale
L'ombra senza pace della nave Concordia
L
Sette anni fa, alle 21:47 del 13 dicembre 2013, la nave affondò davanti all'Isola del giglio per una manovra sbagliata. Il suo ex capitano, Francesco Schettino, è in carcere da mesi. Legge, fa sport e spera in una riduzione della pena
Regeni, la procura apre un'altra inchiesta
Regeni, la procura apre un
Al centro le pressioni delle autorità egiziane contro il consulente della famiglia Regeni a Il Cairo. Ma l'inchiesta principale, sulla tortura e morte del ricercatore, ancora in alto mare. L'Egitto non collabora