Il malessere della Juventus dopo la folle notte di Torino

| Solidarietà ai tifosi feriti dallo staff bianconero. Procura e polizia indagano su cosa è veramente accaduto la notte di sabato in Piazza San Carlo

+ Miei preferiti
"Mando un pensiero di solidarietà e un abbraccio a chi può essere rimasto ferito in quella che doveva essere una serata di festa e di gioia. Il mio auspicio è quello di poter dare loro appuntamento a Kiev l'anno prossimo!"In Ucraina si disputerà infatti la finale della champion 2018. Stessa solidarietà da parte dell'allanatore Massimiliano Allegri mente, riporta Tuttosport, anche  Mario Mandzukic, uno dei pochi bianconeri a salvarsi dal naufragio diu Cardiff: "Sono triste nell'apprendere dei tifosi rimasti feriti. Spero che tutti si possano riprendere al meglio"
Intanto, come si diceva tanto tempo fa, il problema è politico. Il sindaco Chiara Appendino comiuncia a capire che vincere le elezioni è una cosa ma mantenere il consenso è un'altra. Soprattutto dopo la figuraccia di piazza San Carlo. "È evidente che qualcosa - dice - non ha funzionato. Come amministrazione siamo pronti ad assumerci le eventuali responsabilità che dovessero emergere dall'inchiesta della magistratura. Provo ancora rabbia per quanto accaduto, ma lavoriamo con determinazione per garantire la sicurezza per i prossimi eventi. Torino saprà rialzarsi».

Sparito dal radar Alberto Airola, stoppato da Beppe Grillo in persone che, sul suo bloggo, aveva scritto: "...Si è espresso a titolo personale e non parla a nome del MoVimento 5 Stelle. Tutto il MoVimento 5 Stelle  è vicino ai feriti e ai loro familiari, a tutti i torinesi e alla sindaca Chiara Appendino in questo momento di difficoltà". 

Ma restano una serie di interrogativi irrisolti. Il Comune ha affidato alla societa "Torino Eventi" la gestione della serata. Ma non è stata ricordata alla gente l'ordinanza che vietava l'uso di alcolici e delle confezioni di vetro prodotta nel lontano 2010. Poi: come hanno fatto ad entrare i venditori abusivi di alcolici nonostante i controlli di vigili urbani e polizia all'interno della zona rossa? Infine, possibile che nessuno, tra i dirigenti del Comune si sia posto il problema di concentrare migliaia di tifosi, ultras compresi, in uno spazio comune privo di adeguate vie di fuga? Ecco. Sono questi i temi, mentre monta una ovvia polemica politica, di cui Appendino dovrà, e subito, dare risposte convincenti.

E' vero, la psicosi dell'attentato non era un fatto prevedibile a proprio ma andava - in tempi come questi - messo in conto e forse la decisione migliore era quella di non autorizzare mega schermo e appello nazionale ai tifosi della Juve perché convergessero a Torino. Il senso della giornata è questo, al di là delle follie che sono circolate in queste ore,  tipo la storia del falso kamikaze che aveva costretto la folla a fuggire. Semmai il contrario. Nel filmato si vede un ragazzo, a torso nudo, che sembra invitare alla calma, e non il contrario.

Continuano a presentarsi nei pronto degli ospedali piemontesi e non solo altri presunti feriti di piazza San Carlo. Alcuni denunciano un "perdurante stato di choc", altri lesioni e fratture dapprima trascurate per la paura e scoperte solo una volta a casa. Archiviata la sfortunata notte di Torino, resteranno aperti per mesi i fronti giudiziari. C'è aria di avvisi di garanzia in vista, una volta esaurita la prima fase delle indagini. Il procuratore Armando Spataro esclude che ci siano fascicoli aperti per procurato allarme o altri reati connessi alla psicosi terrorismo. 

Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non è più in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed è morto, volevo nascondere il corpo, è stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco