Il profeta della cospirazione ucciso da un'overdose di Xanax

| Max Spiers, 39 anni, noto a livello mondiale per le sue tesi su poteri occulti e Ufo, morto in Polonia nel 2016, fu stroncato da farmaci e droghe in casa di un'amica. Fine di un giallo angosciante. Indagava su "circuiti pedofili"

+ Miei preferiti

Uno dei teorici più conosciuti a livello mondiale delle teorie cospirative che influenzerebbero le sorti del pianeta (le note associazioni segrete di uomini potenti dediti anche alla pedofilia, secondo le denunce on line di QANON), e studioso di Ufo e del mondo extraterrestre, morto il 16 luglio in Polonia, è stato ucciso da un'overdose di un equivalente turco del farmaco Xanax, mentre soffriva di una forte polmonite. Queste le conslusioni di un'indagine congiunta di investigatori polacchi e inglesi. Maxwell Bates-Spiers, noto come Max Spiers, 39 anni, in Polonia per una conferenza nel 2016, era stato stroncato da un malore a casa dell'amica Monika Duval, conosciuta nel corso di uno dei suoi incontri dedicati all'analisi del potere mondiale e a misteriosi fenomeni paranormali. Vengono così stroncate di netto le tesi complottiste legate a un omicidio "su commissione" da parte di entità non meglio definite.

Un'inchiesta svoltasi lunedì scorso a Sandwich, nel Kent, ha statibilito che la causa di morte accertata da un patologo era costituita da complicazioni causate da "polmonite e intossicazione da farmaci". Bates-Spiers, abituale onsumatore di eorina e di crack, durante una vacanza a Cipro con Duval dal 27 giugno all'11 luglio 2016, aveva acquistato una decine di confezioni dell'equivalente turco dello Xanax e ha preso diverse compresse il giorno della sua morte. L'esame post mortem ha anche scoperto nel suo organismoalti livelli di ossicodone, un oppioide, a un livello "potenzialmente fatale".

Duval aveva detto agli investigatori che il giornalista si era addormentato sul suo divano dopo aver preso lo Xanax, prima che lei notasse che aveva smesso di respirare alcune ore dopo. Aveva iniziato a vomitare mentre lei provava a rianimarlo in attesa dei paramedici. Ha riferito: "Ho notato che aveva qualcosa in bocca, alcuni resti di cibo, così l'ho girato su un lato e ho visto sgorgare da lui fluidi gastrici, un liquido marrone, simile al tea". I soccorsi erano stati chiamati immediatamente, ma al loro arrivo Bates-Spiers era già morto. 

Spiers, "che si occupa dei temi delle teorie cospirative e dei fenomeni paranormali", soffriva spesso di malori che attribuiva, talvolta, all'azione di gruppi satanici.

La Duval ha spiegato che nei giorni precedenti il malore, Spies non stava bene, rinunciando così a rientrare in Inghilterra per fermarsi a casa sua. Dopo averlo prelevato dal suo hotel, lo aveva accompagnato in uno studio medico acquistando farmaci per un valore di oltre 1.500 złoty polacchi (circa 315 sterline). "A volte si sentiva debole e a volte aveva problemi di concentrazione e attenzione”. Lamentava che "gruppi satanici" gli avessero pronosticato la morte. "Probabilmente ha preso 10 compresse di Xanax turco, che ha un dosaggio diverso". I magistrati polacchi hanno comunque concluso che la morte "è stata causata da cause naturali" ed "è esclusa la partecipazione di altre persone". Il medico di base di Bates-Spiers, la dottoressa Cecily Fahey, a aggiunto che era stato dipendente da una "varietà di farmaci”. Nel luglio 2015, ha detto a Turning Point, un servizio di aiuto per le droghe e l'alcol, ha confermato che l'uomo era solito consumare "eroina e cocaina crack ogni giorno, con l'uso occasionale di cannabis".

"INDAGAVA SU GENERALI USA PEDOFILI"

Subito dopo la sua morte, la madre di Spiers aveva dichiarato "di aver ricevuto una fotografia di Max presa nella camera mortuaria che mostrava un piccolo segno rosso sulla fronte. In realtà, questo marchio misterioso non è menzionato in nessuna delle note del medico che ha visto Spiers prima della sua morte: può essere la prova del rituale satanico che ha avuto luogo sul corpo di Spires dopo la sua morte, scrivono i siti legati alle sue teorie. "Molti dei suoi effetti personali erano stati dati a sua madre, tra cui il suo personal computer e telefono cellulare, ma mancavano dal suo pc e-mail e documenti di ricerca, la scheda SIM dal telefono e il computer è stato completamente resettato. Mentre è possibile che Spires avrebbe ripulito il suo computer, è improbabile che avrebbe cancellato la ricerca a cui stava lavorando negli ultimi dieci anni. Il fatto che il suo computer e il telefono cellulare sono stati spazzati, secondo la madre conferma la convinzione che qualcuno ha voluto mettere a tacere il figlio e distruggere eventuali scoperte".

Ma perchè ucciderlo? Negli ultimi anni della sua vita, si era dedicato alla ricerca su abusi sessuali che hanno coinvolto membri delle forze armate degli Stati Uniti. Il circolo pedofilo che stava indagando riguardava accuse di abusi su minori e satanismo in un asilo nido". I teorici della cospirazione rivelano che a Spiers, colto da malore durante un tour negli Usa, furono date "misteriose" pillole anti dolore di cui era finito per diventare dipendente, per poi passare ad altre droghe più pesanti, tra cui l’eroina. La sua compagna di Varsavia, secondo i suoi seguaci, altro non sarebbe che "una complice del male". La perizia tossicologica sul corpo del giornalista sembrerebbe però allontanare l'ipotesi di un delitto.

Cronaca
Catturato il killer del motoscafo
Catturato il killer del motoscafo
Un web designer inglese, ubriaco a bordo del suo motoscafo, ha provocato la morte della ragazza che aveva fianco di notte sul Tamigi. Condannato a 6 anni di carcere, era fuggito in Georgia. I familiari: "Arrogante"
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
Chiara Alessandri spiega come ha ucciso Stefania Crotti: "Volevo solo un chiarimento, non ucciderla e non ho bruciato io il corpo". La vittima era ancora viva? Da mesi tentava di incontrarla. I messaggi sulle chat
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
Berenice Schkair, modella ed ex fidanzata di Emiliano Sala, non crede all’ipotesi dell’incidente: “Sarò ancora più chiara fra qualche giorno”. Il punto sulle ricerche e le ipotesi di alcuni esperti
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?