SanitÓ, il primario si difende: "Mai corrotto"

| Giorgio Maria Calori ha accettato di rispondere alle domande del gip. "I rapporti con gli imprenditori erano legittimi, nessuno metta in dubbio la mia professionalitÓ"

+ Miei preferiti

Giorgio Maria Calori, il primario del Cto-Pini, arrestato nell'inchiesta milanese su presunte tangenti nella sanità assieme ad altre 5 persone, passa al contrattacco: non c'era "alcun conflitto di interessi" tra il suo ruolo e i suoi rapporti, anche societari, con l'imprenditore Tommaso Brenicci, arrestato, che forniva protesi ai reparti ospedalieri. Il primario, ora sospeso, ha accettato di rispondere in oltre tre ore di interrogatorio di garanzia, spiegato il legale Nerio Diodà. Nessuna corruzione, per la difesa, ed è stata "confermata da pm e gip la professionalità del suo operato".  "I fatti sono oggettivi e per la parte oggettiva li ha descritti ed ammessi - ha aggiunto il legale -. Quello che ha ribadito e provato é che non ha mai commesso atti contrari ai doveri d'ufficio". I rapporti tra Calori e l'imprenditore Brenicci "sono tutti descritti e documentati, descritti da lui corretti è assolutamente compatibili con il suo incarico" al Pini-Cto che era "a tempo". Calori ha anche parlato al giudice dei suoi rapporti con l'ex magistrato e procuratore di Pavia, Gustavo Cioppa, (indagato per abuso d'ufficio e favoreggiamento) che con la giunta Maroni era sottosegretario alla legalità e trasparenza di Regione Lombardia e ha spiegato che "Cioppa non ha fatto nulla di male ha solo controllato a titolo di cortesia come stesse andando il progetto Domino" messo in piedi da Calori al Pini-Cto e approvato da Regione Lombardia nel 2017. 

 
Cronaca
Qui Group, angosciante crisi finale
Qui Group, angosciante crisi finale
In fila per i rimborsi fermi da mesi, a Genova i carabinieri per riportare la calma. Danneggiati i dipendenti della pubblica amministrazione. Tagliandi restituiti a migliaia in Piemonte. In pericolo 250 posti di lavoro
Baldini difende i Casamonica: indagato
Baldini difende i Casamonica: indagato
Il popolare dj era stato inserito tra le vittime di un clan di usurai legati alla famiglia Casamonica. Ma lui nega: "Mi prestarono soldi, li ho restituiti senza interessi". Indagato per false comunicazioni al pm
Il ragno violino? Pu˛ essere letale
Il ragno violino? Pu˛ essere letale
Drammatico racconto di una donna morsa dal temibile ragno diffuso in tutta Italia. Danni alla salute e guarigione lenta. La scheda di un aracnide che attacca solo se spaventato e che pu˛ annidarsi tra le lenzuola
Disability day, un parco davvero per tutti
Disability day, un parco davvero per tutti
Attrezzature, giochi e accessi nei parchi pubblici devono essere inclusivi per tutti e non solo per i disabili. Disability Pride Onlus e Anmil: "Sensibilizzare i cittadini". Iniziative a New York, Brighton e Roma
Condannata No Vax per le fake news
Condannata No Vax per le fake news
Attivista aveva scritto informazioni errate su manifesti affissi a Modena. Il Tribunale l'ha condannata a una sanzione di 400 euro: "21.658 bambini danneggiati dai vaccini" ma erano solo le segnalazioni Aifa. Procurato allarme
"Ecco tutta la veritÓ su Pamela"
"Ecco tutta la veritÓ su Pamela"
Oseghale, l'unico rimasto in carcere per la 18enne romana uccisa e fatta a pezzi a Macerata il 30 gennaio pronto a collaborare con la giustizia dopo che ha saputo della nascita della sua seconda figlia
Cosche in guerra, 38 arresti
Cosche in guerra, 38 arresti
Le famiglie di Rosarno che si contendono il narcotraffico in Europa si contendono il controllo del territorio con agguati, attentanti e intimidazioni
Sparano ai neri con pistola soft-air
Sparano ai neri con pistola soft-air
Mediatore denuncia: "Anche una donna nigeriana ferita dai proiettili". Il primo caso due giorni fa. Colpito ivoriano in bicicletta
Vu' cumpra' e clienti on the beach: multe da paura
Vu
Sanzioni per chi compra ma sopratutto per chi vende. Lo staff di Salvini pronto a una stretta: da 100 a 7 mila euro per l'acquirente, sino a 15 mila per i venditori
Gas nervino, chiuso ostello a Salisbury
Gas nervino, chiuso ostello a Salisbury
Due ospiti contaminati dal veleno in ospedale ma non sono gravi. Chiusa la struttura, allontanati tutti i residenti. Polemiche sui mancati controlli medici. Forse il gas in un bidone dei rifiuti