SanitÓ, il primario si difende: "Mai corrotto"

| Giorgio Maria Calori ha accettato di rispondere alle domande del gip. "I rapporti con gli imprenditori erano legittimi, nessuno metta in dubbio la mia professionalitÓ"

+ Miei preferiti

Giorgio Maria Calori, il primario del Cto-Pini, arrestato nell'inchiesta milanese su presunte tangenti nella sanità assieme ad altre 5 persone, passa al contrattacco: non c'era "alcun conflitto di interessi" tra il suo ruolo e i suoi rapporti, anche societari, con l'imprenditore Tommaso Brenicci, arrestato, che forniva protesi ai reparti ospedalieri. Il primario, ora sospeso, ha accettato di rispondere in oltre tre ore di interrogatorio di garanzia, spiegato il legale Nerio Diodà. Nessuna corruzione, per la difesa, ed è stata "confermata da pm e gip la professionalità del suo operato".  "I fatti sono oggettivi e per la parte oggettiva li ha descritti ed ammessi - ha aggiunto il legale -. Quello che ha ribadito e provato é che non ha mai commesso atti contrari ai doveri d'ufficio". I rapporti tra Calori e l'imprenditore Brenicci "sono tutti descritti e documentati, descritti da lui corretti è assolutamente compatibili con il suo incarico" al Pini-Cto che era "a tempo". Calori ha anche parlato al giudice dei suoi rapporti con l'ex magistrato e procuratore di Pavia, Gustavo Cioppa, (indagato per abuso d'ufficio e favoreggiamento) che con la giunta Maroni era sottosegretario alla legalità e trasparenza di Regione Lombardia e ha spiegato che "Cioppa non ha fatto nulla di male ha solo controllato a titolo di cortesia come stesse andando il progetto Domino" messo in piedi da Calori al Pini-Cto e approvato da Regione Lombardia nel 2017. 

 
Cronaca
Spara a 4 colleghi, la polizia lo abbatte
Spara a 4 colleghi, la polizia lo abbatte
Un funzionario di una societÓ di software a Middleton, Wisconsin, apre il fuoco con una pistola nell'ufficio e viene a sua volta ucciso dalla polizia. Ignote le cause. Molti feriti ancora gravi
Ritrova il cane rapito tre anni fa
Ritrova il cane rapito tre anni fa
Il Chihuahua era in un campo nomadi di Baranzate in Brianza. Restituito grazie al microchip. Le lacrime della proprietaria, credeva fosse morto. Nel corso dei controlli arrestato latitante dalla polizia
Molotov contro centro Sprar
Molotov contro centro Sprar
Lanciata da ignoti contro l'ingresso del fabbricato dove si svolgono i corsi per rifugiati. I responsabili: "Speriamo sia solo una brava e non un gesto razzista"
Legionella, un'altra vittima in Lombardia
Legionella, un
Morta una donna di 92 anni, altri tre ricoveri. Colpa delle torri di raffreddamento di aziende e ipermarket. Nota dalla Regione: "Nessun allarme, situazione sotto controllo"
Il lupo "Narco della X Mas" sarÓ mica fascista?
Il lupo "Narco della X Mas" sarÓ mica fascista?
Interpellanza pd per il nome del pastore tedesco anti-droga della polizia locale. Proviene dall'allevamento Decima Mas. "Nome che evoca le atrocitÓ commesse". I leghisti: "Non fa il saluto romano e non ha busti del Duce nella cuccia"
Terremoto, scosse in Campania
Terremoto, scosse in Campania
Boato nella notte a Pozzuoli, scosse nell'area flegrea, nessun danno a persone o cose. E' stato avvertito anche a Napoli e Bagnoli
Giovane promessa del golf assassinata
Giovane promessa del golf assassinata
Il corpo di Celia Barquin Arozamena Ŕ stato ritrovato sul campo di un circolo dove si stava allenando. Arrestato un coetaneo
Mi sei antipatico? E io ti multo
Mi sei antipatico? E io ti multo
Vigilasse di Follonica sospesa per sei mesi, aveva multato una serie di "nemici" personali con multe false. Tra le vittima, la vicina di casa con un cane che abbaiava troppo
Il manager sado-maso ai domiciliari
Il manager sado-maso ai domiciliari
A Federico Pesci, l'imprenditore parmigiano denunciato per violenza da una ragazza di 21 anni Ŕ stato concesso di fare ritorno a Parma per scontare l'arresto a casa dei genitori dove "non pu˛ reiterare il reato"
Ruba l'auto al padre e investe una ragazza
Ruba l
Accade nel Pavese, Ŕ un romeno di 17 anni denunciato a piede libero per lesioni gravi e guida senza patente. Il padre aveva chiesto l'aiuto dei carabinieri per ritrovare l'auto che credeva rubata