SanitÓ, il primario si difende: "Mai corrotto"

| Giorgio Maria Calori ha accettato di rispondere alle domande del gip. "I rapporti con gli imprenditori erano legittimi, nessuno metta in dubbio la mia professionalitÓ"

+ Miei preferiti

Giorgio Maria Calori, il primario del Cto-Pini, arrestato nell'inchiesta milanese su presunte tangenti nella sanità assieme ad altre 5 persone, passa al contrattacco: non c'era "alcun conflitto di interessi" tra il suo ruolo e i suoi rapporti, anche societari, con l'imprenditore Tommaso Brenicci, arrestato, che forniva protesi ai reparti ospedalieri. Il primario, ora sospeso, ha accettato di rispondere in oltre tre ore di interrogatorio di garanzia, spiegato il legale Nerio Diodà. Nessuna corruzione, per la difesa, ed è stata "confermata da pm e gip la professionalità del suo operato".  "I fatti sono oggettivi e per la parte oggettiva li ha descritti ed ammessi - ha aggiunto il legale -. Quello che ha ribadito e provato é che non ha mai commesso atti contrari ai doveri d'ufficio". I rapporti tra Calori e l'imprenditore Brenicci "sono tutti descritti e documentati, descritti da lui corretti è assolutamente compatibili con il suo incarico" al Pini-Cto che era "a tempo". Calori ha anche parlato al giudice dei suoi rapporti con l'ex magistrato e procuratore di Pavia, Gustavo Cioppa, (indagato per abuso d'ufficio e favoreggiamento) che con la giunta Maroni era sottosegretario alla legalità e trasparenza di Regione Lombardia e ha spiegato che "Cioppa non ha fatto nulla di male ha solo controllato a titolo di cortesia come stesse andando il progetto Domino" messo in piedi da Calori al Pini-Cto e approvato da Regione Lombardia nel 2017. 

 
Cronaca
Quando la ladra Ŕ la dottoressa di famiglia
Quando la ladra Ŕ la dottoressa di famiglia
Il medico di base, 61 anni, aveva derubato sistematicamente un paziente di 85 anni che andava a visitare a casa. I carabinieri sistemano una videocamera e il caso Ŕ risolto. Arrestata dopo l'ultimo colpo: 115 euro. Il video
Bimbo di 18 mesi ucciso dal metadone
Bimbo di 18 mesi ucciso dal metadone
I genitori del bimbo sono due ex tossicodipendenti ma negano che in casa ci fosse la sostanza stupefacente, negative le perquisizioni ma avrebbero avuto il tempo di far sparire i flaconi. Inchiesta
Pitbull feriti, denutriti e uccisi
Pitbull feriti, denutriti e uccisi
La storia crudele di un "allevamento" a Santena (Torino). Denunciato un giovane che avrebbe voluto diventare un allevatore di molossoidi. I cani morivano di fame, abbandonati al loro destino
Milioni di capi d'abbigliamento made in Italy: tutto falso
Milioni di capi d
Blitz dei Baschi Verdi della Finanza in un capannone di Settimo Torinese, la merce falsificata proveniva da India e Cina. Denunciati tre italiani. Indagini in corso
Qui ticket! Crollo anche a Pavia
Qui ticket! Crollo anche a Pavia
Esercizi rifiutano i tagliandi gialli per la solita ragione: pagamenti in ritardo, creditori pronti alle cause legali. Nasce "Sos buoni pasto"
'Ndrangheta, preso un altro latitante
Dopo l'arresto del boss giuseppe Pelle, vacanze finite anche per Vincenzo Di Marte, narciso della cosca Pesce. Catturato dai carabinieri, deve scontare 14 anni di carcere
Razzismo, scritte contro Kyenge
Razzismo, scritte contro Kyenge
Imbrattati i muri dell'abitazione modenese dell'ex ministro. Sdegno bipartisan, gesto intimidatorio e segno di un razzismo ormai dilagante
Christian Haub nuovo Ceo Tengelmann
Christian Haub nuovo Ceo Tengelmann
La nomina in queste ore. Considerato morto il fratello, Karl Herivan, 58 anni scomparso due settimane fa in montagna tra Italia e Svizzera. L'ultimo segnale del suo telefono alle 8,30 al Piccolo Cervino
"Tutte 'ste pagliacciate solo per un cane..."
"Tutte
Lancia la cagnolina dal 7░ piano e poi aggredisce i poliziotti intervenuti su segnalazione dei vicini. Gli agenti stavano cercando di consolare il figlio adolescente che stringeva il corpo del Jack Russel. Arrestato
I segreti del suicida Pascal nelle memorie del pc
I segreti del suicida Pascal nelle memorie del pc
L'uomo che avrebbe ucciso Sofyia Melnick, 42 anni, a Cornuda di Trento, aveva in uso numerosi pc e altri due smart-phone scoperti pochi giorni fa. Nelle memorie degli hard disk il movente del delitto