Killer albanese catturato a Rotterdam

| Aveva ucciso a calci e pugni un marocchino due anni fa a Torino perché aveva infastidito alcune prostitute protette dal racket. Era latitante da due anni, i complici sono già in cella, condannati a 16 anni

+ Miei preferiti

Gli investigatori dello Scip (Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza)  ha arrestato a Rotterdam, nella giornata di sabato scorso,  Bojken Zeqo, 30enne albanese, in esecuzione di un mandato d’arresto europeo omicidio volontario e rapina aggravata. I fatti risalgono alla notte del 12 gennaio 2015, quando ad altre sei persone, avrebbe pestato a morte il 24enne cittadino marocchino Said WADDOUD, reo di aver infastidito alcune prostitute delle quali lo Zeqo e i suoi fungevano da ‘protettori’. 

La vittima si trovava a bordo dell’ auto di un suo amico che venne prima tamponata, poi inseguita e infine bloccata da alcune auto. Da queste, era sceso un gruppo di stranieri dell’Est Europa, che aggredì i due. Mentre l’amico riuscì a fuggire, Said venne violentemente percosso a morte. Due persone, un trentenne albanese e un ventinovenne bulgaro, furono fermati dalla polizia poco dopo l’aggressione. Le indagini condotte dalla  Mobile di Torino permisero di identificare tutti gli aggressori, tcompreso Bojken Zeqo arrestato la scorsa settimana a Rotterdam. L'arresto frutto dell’attività di raccordo con le law enforcement olandesi da parte della SOI - Sala Operativa Internazionale e della Divisione S.I.Re.N.E. della Criminalpol che hanno permesso in tempo reale lo scambio informativo e la corretta identificazione di Bojken Zeqo. Poi la condanna a sedici anni di carcere, decisa dal giudice Elena Rocci per Rakipaj Ogert, 27 anni, accusato di omicidio (aggravato dalla crudeltà e dai futili motivi) per la morte di Said Wahdoud, 24 anni, marocchino, ucciso la notte del 12 gennaio a calci e pugni da cinque uomini in via Borgomasino. Per Ogert, il pm Emanuela Pedrotta aveva chiesto l’ergastolo. Con Ogert, era finito in carcere l’amico Malinov Veselin, di 26, bulgaro, che ha scelto il processo in corte d’assise. Altri quattro personaggi sono latitanti. Per loro, niente processo. . Secondo la ricostruzione della Squadra Mobile, Said Wahdoud era in auto con l’amico Mohamed E. S., sospettato dalla polizia di essere un trafficante di droga. Tanto che gli investigatori gli avevano piazzato un segnalatore gps sull’auto. Con ogni probabilità, i due nordafricani hanno infastidito alcune prostitute che lavorano in via Sansovino. 

Cronaca
Il medico aggredì l'amante della moglie: processo
Il medico aggredì l
Torna in aula Matteo Cagnoni, il dermatologo dei Vip. Nel 2016 aveva ucciso la moglie Giulia Ballestri. Aveva aggredito prima del delitto il suo nuovo compagno. Nei guai anche Bossetti e Buoninconti
Londra violenta: ucciso un 15enne
Londra violenta: ucciso un 15enne
Nel giro di una settimana cinque aggressioni mortali, di cui la maggior parte verso adolescenti. Nella capitale inglese infuria una sanguinosa guerra fra gang, e la città chiede più controlli sulle strade
Targhe estere, Toninelli va all'attacco
Targhe estere, Toninelli va all
Con "Basta con i furbi", il ministro grillino vieta a chi risiede in Italia da più di 60 giorni di circolare con veicoli targati all'estero. "Finito il gioco di non pagare assicurazione e bollo in Italia"
Orrore nei lager, ex SS piange
Orrore nei lager, ex SS piange
Il 94enne Johann R., ex guardia SS nel lager di Stutthof, si è commosso di fronte alle testimonianza dei superstiti. E' sotto processo nel tribunale dei minori perché nel '44 aveva 18 anni
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
Antonio Cicchelli, fratello dell’avvocato torinese ucciso in Brasile dalla convivente, affida a FB poche righe struggenti. Sarà lui a riportare i resti del fratello in Italia
"Devi diventare una testimone di Geova"
"Devi diventare una testimone di Geova"
Marito allontanato dalla famiglia perché picchiava la consorte restia ad abbracciare la sua religione
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Soddisfatto Salvini: "Gli altri parlano, noi facciamo". Calo anche delle richieste d'asilo. Crollo degli sbarchi di profughi
"Voglio tornare nel carcere di Ravenna"
"Voglio tornare nel carcere di Ravenna"
Matteo Cagnoni, detenuto a Bologna dopo la condanna per uxoricidio, ha presentato istanza per il trasferimento nella città natale. E' "in forte stato depressivo"
Gara col tempo per salvare i puledri
Gara col tempo per salvare i puledri
Accade a Ostellato, Ferrara. I cavalli sono stati abbandonati da tempo in un maneggio fallito. Tra i volontari Nicole Berlusconi
Il giorno di El Chapo
Il giorno di El Chapo
Inizia a New York, fra immense misure di sicurezza, il processo al “più grande narcoboss del mondo”, come si era definito lui stesso poco prima di essere catturato. Sul suo capo una sfilza infinita di capi d’accusa