Killer padre e figlio, movente una truffa

| Arrestati dai carabinieri. Canavese: colpito a morte da un colpo di pistola all'addome ma il bersaglio era il proprietario della casa, ferito anche un carabiniere

+ Miei preferiti
Antonio e Matteo De Meo, padre e figlio di 46 e 25 anni, di Cossano Canavese, sono stati arrestati dai carabinieri per l'agguato mortale in frazione San Giorgio a Montalenghe. Gabriele Raimondi, 47enne di etnia sinti residente a San Giusto Canavese è morto in ospedale ferito all'addome da un proiettile. Prima, avevano esploso 12 colpi sempre vicino alla villa davanti a cui è avvenuto l'omicidio, di cui erano rimaste danneggiate quattro finestre. I carabinieri erano stati avvisati dai vicini di casa ma non dal proprietario della villetta, assenti al momento della sparatoria. Avevano segnalato la presenza di un furgone rosso con due a bordo che parlavano con un forte accento pugliese. I proprietari della villa erano però fuori casa. Un episodio analogo era stato segnalato anche a Cossano Canavese. Li hanno presi domenica, il padre in casa, il figlio in una carrozzeria alle 6.30, dove aveva cercato di nascondere il furgone. Il movente è semplice, al centro un piccolo appalto edile, conteso tra i De Meo e un impresario di origine Sinti. Tre giorni fa ignoti avevano esploso 12 colpi di pistola nella notte contro la casa dell'uomo d origini Sinti. Giovanni Rinaldi, 47 anni, che aveva un legame di parentela con il proprietario, era stato colpito all'addome da un proiettile, trasportato già in coma all'ospedale e morto poi nella notte senza riprendere conoscenza. Era rimasto ferito anche un carabiniere in modo lieve da un proiettile che gli ha sfiorato un gomito. Indaga il Nucleo Operativo della compagnia di Ivrea, che, assieme a un collega, stava appunto facendo un sopralluogo per ricostruire il primo episodio. L'uomo che era con i carabinieri è stato ucciso per sbaglio, il bersaglio vero il propierietario, a lungo interrogato. Indaga il reparto investigativo della compagnia di Ivrea, coordinato dalla procura.
Cronaca
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
Maria Elena Boschi, in un'intervista a Il Foglio, interviene sull'arresto di Tiziano Renzi e della moglie. "Accuse difficili da dimostrare, molto fragili"
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
In corso in Scozia il processo a un 16enne accusato di avere massacrato Alesha MacPhail, 6 anni, il 2 luglio a Rothesay. "Sono innocente, l'assassina ha sparso il mio sperma sulla bambina per accusarmi". Lei nega. Il video
Pensionato attaccato da ippopotamo
Pensionato attaccato da ippopotamo
Il corpo di un italiano di 65 anni è stato trovato senza vita sulle rive di un fiume in Kenya, forse stroncato da malore dopo un attacco di un animale
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"