La festa di San Giovanni, ancora ombre e paure

| La città sembra divisa fra chi è favorevole alla tradizione e chi invece vorrebbe annullare tutto, per rispetto delle vittime e dei feriti della notte da incubo di piazza San Carlo. Domani la decisione definitiva

+ Miei preferiti

Il vertice per l'ordine e la sicurezza deciderà il destino delle celebrazioni di San Giovanni del prossimo 24 giugno. Da una parte confortano non poco i segnali positivi arrivati ieri, giornata in cui la concomitanza del corteo del Piemonte Pride e il concerto di Ariana Grande ospitato al Pala Alpitour: un doppio banco di prova per le nuove misure di sicurezza emanate dal Viminale e per la giunta Appendino, che nei giorni successivi ai fatti di piazza San Carlo aveva vacillato non poco, sommersa da polemiche e accuse di negligenza.

San Giovanni, si o no?

Ma dall'altra bisogna comunque fare i conti con una parte della cittadinanza che a gran voce, sui social network, ritiene che sarebbe corretto annullare ogni tipo di celebrazione, nel nome dei tafferugli costati la vita a Erika Pioletto e con il rischio concreto che il bilancio si aggravi ulteriormente, viste le condizioni critiche in cui ancora versano Vincenzo D'Ingeo, 66 anni, e sua moglie Maria Amato, 63, entrambi travolti dalla folla sotto i portici di piazza San Carlo e tutt'ora in rianimazione.

Insomma, una decisione difficile da prendere che, nel caso di un annullamento che al momento sembra improbabile, avrebbe comunque dei precedenti, come la scelta di cancellare le celebrazioni per il capodanno del 2004, dopo il terribile tsunami dell'Indonesia e quello del 2007, offuscato dal terribile rogo della Thyssenkrupp, entrambe decise dalla giunta Chiamparino.

Erika, si procede per omicidio

Secondo quanto rilevato dall'autopsia, Erika Pioletti, la trentottenne di Domodossola unica vittima dei tafferugli della notte di piazza San Carlo, è morta per arresto cardiaco dovuto ad un forte schiacciamento della cassa toracica. Una morte che cambia lo scenario di una verità che ancora tarda ad arrivare, ma sempre più compresa in uno scenario fra l'opera dei teppisti e la rissa fra tifosi. La Procura, che per i 12 giorni dell'agonia della giovane si è mossa su ipotesi di reato a carico di ignoti che andavano dalle lesioni plurime gravi, ha riscritto il fascicolo d'inchiesta con l'accusa ben più grave di omicidio colposo.

L'unica consolazione di quella notte folle ha il viso di Kelvin, il bimbo di sette anni ferito e tornato a casa dopo dieci giorni di ricovero all'ospedale Regina Margherita.

Cronaca
Igor il russo condannato all’ergastolo
Igor il russo condannato all’ergastolo
Detenuto a Saragoza, in Spagna, dove rispondere di altri 3 omicidi e due tentati omicidi, il killer serbo è rimasto impassibile alla lettura della sentenza
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
I passeggeri si sono accorti dell’errore solo al momento dell’atterraggio. Imbarazzo della British Airways
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”