La fine di Maggy, simbolo della polizia francese

| Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine

+ Miei preferiti
Un’ondata di commozione attraversa la Francia per la morte di Maggy Biskumsky, una poliziotta che da tempo aveva scelto di guidare “Policiers en colere”, un’associazione nata per difendere gli agenti vittime di sindromi depressive per l’ondata d’odio e violenza di cui sono vittime. Si batteva pubblicamente per accendere una luce sul lavoro e l’onore di chi ogni giorno si ritrova in strada, a combattere una guerra silenziosa che miete vittime spesso destinate soltanto ad alimentare le statistiche. L’ultimo episodio pochi giorni fa, in una delle violentissime banlieue parigine, quando una pattuglia in servizio era stata aggredita da una gang con delle bottiglie molotov. I due agenti si erano salvati per miracolo, ma riportando ustioni che li segneranno per tutta la vita.

Un episodio che aveva riportato in piazza gli agenti, perché tutti sapessero le condizioni del loro lavoro, i rischi e il prezzo da pagare: concetti riassunti dalla lotta alla “haine anti-flic”, l’ondata di odio verso le forze dell’ordine che attraversa la Francia.

Maggy era sempre in prima fila, ogni volta che c’era da combattere per i diritti violati e il senso di abbandono di una categoria in cui i casi di suicidio sono in pericoloso aumento: 51 nel 2017, 30 dall’inizio di quest’anno. Bionda, occhi azzurri, aveva la voce ferma e lo sguardo dritto, ma combatteva anche lei con dei fantasmi che la tormentavano. A poche ore dalla ricorrenza del 13 novembre, quella della tragica notte del Bataclan che ha insanguinato le strade di Parigi, Maggy Biskumsky ha detto basta: ha preso la pistola d’ordinanza e si è uccisa. Proprio lei che aveva convinto tanti colleghi a non farlo.

Secondo i colleghi che le erano più vicini, Maggy aveva patito un’inchiesta interna alla polizia in cui era finita con l’accusa di aver divulgato notizie riservate e di aver gestito male i denari dell’associazione.

“È il simbolo della polizia che non ne può più – ha commentato Laurent Wauquiez, presidente dei Repubblicani – cercava di tutelare coloro che ci proteggono, ma non siamo riusciti a proteggere lei”.

Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non è più in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed è morto, volevo nascondere il corpo, è stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco