Regeni, due anni fa fu torturato e ucciso

| Ieri molta gente alla fiaccolata in memoria del ricercatore, attesa per gli esiti delle analisi della memoria dei pc di Maha Abdel Raham, la docente di Cambridge che aveva indotto Giulio a mettersi in contatto con i sindacati ambulanti

+ Miei preferiti

Stasera a Torino una fiaccolata organizzata da Amnesty International ricorderà Giulio Regeni a due anni dalla ultima volta che fu visto in vita. A partire dalle 19 in piazza Castello sfilerà una corteo, cui il Comune ha dato patrocinio, per chiedere ancora verità e giustizia. Per evidenziare la volontà d’adesione della Città di Torino all’appello di Amnesty, una chiamata che non è soltanto di Amnesty ma di tutta la società civile del Paese, sempre giovedì ma alle 12,30 verrà nuovamente esposto al balcone di via Corte d’Appello 16, sede di uffici e assessorati comunali, lo striscione giallo con la scritta “Verità per Giulio Regeni”, presenti le autorità e i coordinatori torinesi di Amnesty International.

Ma intanto diventa più chiara la realtà che fa scenario all’atroce morte del ricercatore italiano. La docente di Cambridge Maha Abdel Raham non avrebbe detto tutta la verità ai pm di Roma. La prof convinse Giulio Regeni a compiere studi sui sindacati indipendenti egiziani - organismi contrastati dal governo del presidente al-Sisi - sollecitando anche le domande da porre ai soggetti intervistati dal giovane ricercatore, sequestrato il 25 gennaio 2016 in una presunta operazione di polizia e trovato morto il successivo 3 febbraio sull’autostrada che collega Alessandria al Cairo. L’analisi dei computer conferma che fu lei a convincere Giulio a compiere quegli studi sui sindacati indipendenti. I pm ne sono certi: sequestro, torture e omicidio di Giulio Regeni sono legati al tentativo di analisi sui sindacati finito in tragedia. Secondo i pm sarebbe stata la stessa docente a elaborare i moduli per condurre la ricerca che Regeni avrebbe dovuto sottoporre ai venditori ambulanti egiziani, legati ai sindacati indipendenti e in stato di grande tensione con il governo, visto che erano tutti in qualche modo eredi dei Fratelli Mussulmani. Domande a cui gli ambulanti dovevano rispondere e che non lasciano dubbi a interpretazioni: ”La polizia ti dà problemi?”, “Cosa fai quando arriva la polizia?”, “Il Governo tenta di ostacolare la vostra attività? Se sì, come?”, ”Come trattano le autorità statali il vostro sindacato?”». Scritto i pm italiani: «Dalle indagini emerge la determinazione della professoressa nel richiedere ai propri studenti interviste sul campo al Cairo per raccogliere materiale di analisi sui sindacati autonomi. Emergono le figure di alcuni studenti di Cambridge inviati in Egitto per questo tipo di ricerca e allontanati dalle autorità egiziane. Lo stesso Regeni raccontava agli amici di una collega di Cambridge che, mandata in Egitto l’anno precedente per svolgere la sua stessa ricerca, era stata espulsa dal Paese e aveva dovuto ricorrere alle cure di uno psicologo per i traumi riportati nell’esperienza egiziana».

Infine la Procura generale egiziana, in un comunicato, ha definito "totalmente contraffatta" un lettera attribuita ai vertici dei servizi segreti in cui si parla di un arresto di Giulio Regeni. "Questa lettera è totalmente falsificata e la Procura generale egiziana ha informato immediatamente il suo omologo italiano" su questa circostanza, "nel quadro della fruttuosa cooperazione fra le due parti", si afferma nel comunicato. Si tratta di una missiva senza firma inviata il 22 gennaio 2018,  "all'ambasciata italiana nella capitale svizzera". Il testo trasmesso è una lettera "attribuita al presidente dei Servizi di informazione egiziani", (e) destinata ai servizi di informazione militari in Egitto, datata 30 gennaio 2016, dove è scritto che i servizi di sicurezza egiziani avevano arrestato la summenzionata vittima", viene aggiunto riferendosi al "cittadino italiano Giulio Regeni”.

Tutto falso, l’ennesima fake news.

Cronaca
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
Un caso che sta facendo discutere l’Inghilterra e mettendo in discussione l’intero sistema carcerario inglese: un uomo di 52 anni ottiene di scontare la pena in un carcere femminile e tenta di stuprare alcune detenute
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Marco Camuffo aveva richiesto il rito abbreviato, per Pietro Costa, il più giovane dei due, il processo inizierà il prossimo mese di maggio. I due ex carabinieri sono accusati di aver violentato due studentesse americane
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
Colpo di scena nel processo Cucchi, un carabiniere accusa due colleghi del pestaggio. I superiori sapevano. Gli avvocati: "Per anni ha detto cose diverse". La famiglia: "Caduto il muro"
Delitto Fiumicino, l'ha uccisa per gelosia
Delitto Fiumicino, l
Andrea De Filippis, ex poliziotto, ha confessato: "Ho ucciso Tanina, mi spiace per lei e la sua famiglia". Tra i due era nato un forte legame, poi è accaduto qualcosa lui non ha voluto ancora dire
Aggressore seriale confessa gli stupri
Aggressore seriale confessa gli stupri
L'uomo, 34 anni, nega invece di avere ucciso una prostituta. "E' stato il racket, ho bruciato il cadavere per paura". Una 18enne era riuscita a sfuggirgli. Si indaga su altri delitti insoluti