La strana storia di Emily Wynnell Paul

| È svanita cinque anni fa, quando aveva solo 14 anni, lasciando una lettera. Di lei non si è saputo nulla fino a qualche giorno fa, quando ha inviato una nuova lettera in cui rassicura la famiglia di star bene, ma di non voler tornare

+ Miei preferiti
Emily Wynell Paul aveva 14 anni quando scomparve da casa sua, a Southport, in Florida. I genitori trovano una lettera lunga tre pagine in cui la ragazzina annunciava di voler sparire, e che magari si sarebbe rifatta viva una volta diventata maggiorenne: “Non preoccupatevi, starò bene”. Qualcuno la vede per l’ultima volta il 13 aprile del 2013: aveva una valigia e sarebbe salita su un’auto che nessuno riesce a identificare. Per la famiglia è l’inizio di un incubo senza fine: non c’è appello che non sia stato fatto e palo per la strada su cui non sia stata affisso un cartello con il suo volto. La polizia batte a tappeto per mesi le zone circostanti, si cercano testimoni, si analizzano le immagini delle telecamere di sorveglianza e si interrogano amici, compagni e conoscenti. Ma di Emily non c’è più traccia.

Si teme anche il peggio, che sia finita nelle mani di qualcuno che possa averle fatto del male, ma resta viva la speranza di non sentire il telefono squillare con un agente della polizia dall’altra parte del filo a chiedere di depositare il Dna per compararlo con qualche resto umano rinvenuto in un bosco.

Passa invano anche il 18esimo compleanno di Emily, e alla porta di casa Wynell Paul non suona nessuno. Lentamene, anche se certe fiammelle non si spengono mai del tutto, nei cuori dei familiari si fa strada l’idea insopportabile di non rivederla mai più.

Qualche giorno fa, la sorpresa: una lettera indirizzata a Pamela Massimiani, la mamma, in cui Emily rassicura i familiari: “Sto bene, state tranquilli, ma soprattutto sto bene dove mi trovo”. Emily è ricomparsa, e davanti agli agenti della polizia di Southport, ha confermato di essere in buona salute: è arrivata alla stazione di polizia da sola, e da sola se n’è andata. Sembrava in ottima forma, ha dichiarato che non le manca nulla e che vuole restare dove si trova adesso.

Sono le uniche parole che i genitori di Emily si sono sentiti raccontare dagli agenti, che hanno anche aggiunto di non poter fare null’altro, perché la ragazza è ormai maggiorenne e non essendoci un’ipotesi di reato, ha diritto alla sua privacy e a vivere dove meglio crede.

Una doccia metà calda e metà fredda per i genitori di Emily, a cui manca da anni il tassello fondamentale di questa vicenda strana: capire perché Emily sia fuggita.

Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara