La strana storia di Emily Wynnell Paul

| È svanita cinque anni fa, quando aveva solo 14 anni, lasciando una lettera. Di lei non si è saputo nulla fino a qualche giorno fa, quando ha inviato una nuova lettera in cui rassicura la famiglia di star bene, ma di non voler tornare

+ Miei preferiti
Emily Wynell Paul aveva 14 anni quando scomparve da casa sua, a Southport, in Florida. I genitori trovano una lettera lunga tre pagine in cui la ragazzina annunciava di voler sparire, e che magari si sarebbe rifatta viva una volta diventata maggiorenne: “Non preoccupatevi, starò bene”. Qualcuno la vede per l’ultima volta il 13 aprile del 2013: aveva una valigia e sarebbe salita su un’auto che nessuno riesce a identificare. Per la famiglia è l’inizio di un incubo senza fine: non c’è appello che non sia stato fatto e palo per la strada su cui non sia stata affisso un cartello con il suo volto. La polizia batte a tappeto per mesi le zone circostanti, si cercano testimoni, si analizzano le immagini delle telecamere di sorveglianza e si interrogano amici, compagni e conoscenti. Ma di Emily non c’è più traccia.

Si teme anche il peggio, che sia finita nelle mani di qualcuno che possa averle fatto del male, ma resta viva la speranza di non sentire il telefono squillare con un agente della polizia dall’altra parte del filo a chiedere di depositare il Dna per compararlo con qualche resto umano rinvenuto in un bosco.

Passa invano anche il 18esimo compleanno di Emily, e alla porta di casa Wynell Paul non suona nessuno. Lentamene, anche se certe fiammelle non si spengono mai del tutto, nei cuori dei familiari si fa strada l’idea insopportabile di non rivederla mai più.

Qualche giorno fa, la sorpresa: una lettera indirizzata a Pamela Massimiani, la mamma, in cui Emily rassicura i familiari: “Sto bene, state tranquilli, ma soprattutto sto bene dove mi trovo”. Emily è ricomparsa, e davanti agli agenti della polizia di Southport, ha confermato di essere in buona salute: è arrivata alla stazione di polizia da sola, e da sola se n’è andata. Sembrava in ottima forma, ha dichiarato che non le manca nulla e che vuole restare dove si trova adesso.

Sono le uniche parole che i genitori di Emily si sono sentiti raccontare dagli agenti, che hanno anche aggiunto di non poter fare null’altro, perché la ragazza è ormai maggiorenne e non essendoci un’ipotesi di reato, ha diritto alla sua privacy e a vivere dove meglio crede.

Una doccia metà calda e metà fredda per i genitori di Emily, a cui manca da anni il tassello fondamentale di questa vicenda strana: capire perché Emily sia fuggita.

Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non è più in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed è morto, volevo nascondere il corpo, è stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco