Le nuove accuse del "tragediatore" Agresta "Altri morti nella black list dei calabresi"

| Ritratto dei pentiti del processo a Rocco Schirripa, condannato all'ergastolo in Assise a Milano per il delitto Caccia

+ Miei preferiti
Nell'aula della prima sezione della Corte d'Assise di Milano s'è concluso il processo sull'omicidio del procuratore della Repubblica di Torino Bruno Caccia, ucciso il 26 giugno 1983 a Torino da killer dell'ndrnagheta. L'unico imputato Rocco Schirripa, 66 anni, è stato condannato all'ergastolo, secondo la richiesta del pm Marcello Tatangelo. Su tutti gli aspetti di questo processo controverso, sarebbe necessario un ulteriore approfondimento, sui protagonisti di mesi di dichirazioni in aula. Qui cerchiamo di evidenziare alcuni passaggi fondamentali, aproposito dei pentiti. Come Domenico "Micu" Agresta. Che ha già dvelato altri due delitti legati avvenuti nell'orbita del clan Belfiore. Con un potenziale pericolosissimo per gli equilibri mafiosi. Potrebbero scaturire nuove guerre di racket proprio, qui, nel Nord Ovest. Se mai qualcuno avesse ancora dubbi sull'esistenza o no dell'altissimo livello di infiltrazione e radicamento delle cosche mafiose di origine calabrese nel tessuto sociale, produttivo, politico-economico del Nord Ovest, dopo la deposizione fiume del pentito dell'ndrangheta Domenico "Micu" Agresta, 28 anni di Buccinasco - , quei dubbi, non ci sono più. Spazzati via da una lucida e coerente ricostruzione di trent'anni di mafia, passata pressoché indenne in più di trent'anni di storia. Lo scenario è il processo Caccia (il procuratore ucciso il 26 giugno 83 a Torino) che si celebra in un un'aula della prima sezione della Corte d'Assise di Milano. Sul banco degli imputati c'è - per ora - il solo Rocco Schirripa, manovale del racket accusato di avere fatto parte, il 26 giugno 1983, del commando che uccise l'allora procuratore capo Bruno Caccia. Agresta testimonia in video-conferenza, di spalle, anche se il difensore di Schirripa, Mauro Anetrini, lo vorrebbe invece a volto scoperto, subito bloccato dal presidente della Corte Ilio Mannucci Pacini, dopo la protesta di Fabio Repici, avvocato della parte civile. Nei mesi scorsi sono sfilati i boss dei catanesi. Il più importante, pentito da decenni, è Francesco Miano che, tra una selva di non so , non ricorso, è riuscito a confermare che effettivamente Domenico Belfiore gli disse che ad uccidere il magistrato erano stati loro, i calabresi. I comprimari del processo Caccia hanno ascoltato con attenzione il pentito durante le videoconferenze. Nelle pase, lo hanno definito un "tragediatore" con seri problemi di natura nervosa. "In carcere pretendeva che gli facessi io la cucina- racconta sorridente un narcotrafficante che ha condiviso con lui tre anni di galera - perchè era il figlio del capo. A un certo punto gli ho detto di piantarla lì, che se volva mangarie bene ci pensasse da solo. E lui? Inizò a darsi da fare con i fornelli, anche per me. Altro che boss...".

Cronaca
Individuati i mandanti dell’omicidio di Daphne Caruana
Individuati i mandanti dell’omicidio di Daphne Caruana
Secondo le rivelazioni di un quotidiano locale, gli inquirenti avrebbero individuato i mandanti della molte della giornalista maltese, uccisa lo scorso anno con un’autobomba
Ursula, suicida a 11 anni
Ursula, suicida a 11 anni
Una ragazzina inglese intelligente e problematica, in cura da medici che l’avevano considerata in una situazione non preoccupante. Si è tolta la vita lasciando poche parole alla mamma
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata