L'M5s fa ostruzione, salta la commissione antimafia

| Venaria: ancora polemiche nel primo Comune grillino del Piemonte, al centro il contrasto alle infiltrazioni criminali nel territorio

+ Miei preferiti
Se il primo comune grillino del Piemonte è un laboratorio, quel che accade negli ultimi mesi sotto diversi profili (multe cancellate, dimissioni a catena, la preoccupante questione dei cimiteri) ha qualcosa di strano e di incomprensibilmente bizzarro. La presidente della Commissione Anti-mafia di Venaria, Barbara Virga, in un video denuncia un clima di boicottaggio di un organismo che ha, al suo centro, il contrasto alla malavita organizzata. Nel corso di una seduta, uno dei consiglieri M5s avrebbe impedito, con una serie di atteggiamenti ostruzionisti, il regolare svolgersi della riunione, incentrata sulle confische dei beni intestati o di proprietà dei sodalizi mafiosi. Ne è seguito un esposto ai carabinieri, alla procura e al prefetto. In un'altra riunione, convocata subito dopo proprio per discutere dell'ostruzionismo del consigliere grillino, il presidente del Consiglio, anche lui M5s, ha stabilito, con una lettera protocollata, che non poteva essere inserita nell'ordine del giorno (vedi lettera allegata al testo) la questione legata al pesante ostruzionismo denunciato dalla presidente, poichè non rilevante. Morale, i tre esponenti grillini invece di partecipare alla Commissione Anti-mafia si sono appartati nella sala della giunta, mentre la presidente e il consigliere d'opposizione Salvatore Ippolito attendevano invano che si presentassero gli altri componenti. "Non riusciamo a capire l'atteggiamento dei consiglieri grillini che in altre regioni hanno fatto del contrasto alle mafie uno dei loro punti più qualificanti e che tra l'altro condividiamo in toto. Ma qui a Venaria e dintorni, dove le infiltrazioni delle cosche calabresi sono una drammatica realtà, si comportano in un modo indecifrabile". La Commissione sarà riconvocata, ma nel frattempo Barbara Virga denuncia quanto accaduto in un video, che pubblichiamo: "E' stato commesso un abuso, è stata bloccata l'attività di un organismo di fondamentale importanta nella tutela e nella valorizzazione della cultura della legalità anche nel nostro territorio". Solidarietà anche dall'ex grillino Stefano Balocco e da tutta l'opposizione.
Cronaca
"La barbarie in nome di Salvini"
"La barbarie in nome di Salvini"
Il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, prima dell'udienza sulla revoca degli arresti attacca il ministro dell'Interno. "Spero di tornare libero"
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Emilia, scoperto arsenale partigiano
Armi paracadutate durante la guerra civile, conservate in un tubo di cemento poi sepolto in un campo. Sono intervenuti gli artificieri
Coppia investita da gommone-pirata
Coppia investita da gommone-pirata
Erano a bordo di un gozzo a motore quando sono stati investiti da un gommone con tre persone a bordo che, invece di soccorrere i feriti, uno grave, sono fuggiti. Le indagini della Capitaneria. E' accaduto a Posillipo
"Conteso tra moglie e amante
avevo scelto la famiglia"
"Conteso tra moglie e amante<br>avevo scelto la famiglia"
Fabrizio Pasini abbandona la prima versione e spiega perché ha ucciso Manuela Bailo: "Mia moglie mi telefonava, lei urlava, ho perso la testa". Un femminicidio da manuale. Ma l'assassino mente ancora
Modena, forse è un serial killer
Modena, forse è un serial killer
I carabinieri riaprono il fascicolo di una 75enne uccisa a bastonate in un parco, confronto con il Dna di Raffaele Esposito, in cella per avere ucciso una prostituta
Bossetti, ergastolo definitivo
Bossetti, ergastolo definitivo
Il procuratore: "L'ha lasciata morire da sola". Gli avvocati: "Negato un secondo esame del Dna, processo viziato dai media". Il muratore uccise Yara il 26 febbraio 2011. La Cassazione conferma le condanne di 1 e 2 grado
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Scontri Val Susa: 30 anni ai No tav
Pene quasi dimezzate rispetto alle richieste del pm: 20 mesi a Nicoletta Dosio. Fuori dal tribunale un presidio, all’interno anche la consigliera regionale M5S Frediani
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
In carcere come transgender, aggredisce quattro donne
Un caso che sta facendo discutere l’Inghilterra e mettendo in discussione l’intero sistema carcerario inglese: un uomo di 52 anni ottiene di scontare la pena in un carcere femminile e tenta di stuprare alcune detenute
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Stupro di Firenze, condannato un carabiniere
Marco Camuffo aveva richiesto il rito abbreviato, per Pietro Costa, il più giovane dei due, il processo inizierà il prossimo mese di maggio. I due ex carabinieri sono accusati di aver violentato due studentesse americane
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
"Hanno picchiato Stefano perché si ribellava"
Colpo di scena nel processo Cucchi, un carabiniere accusa due colleghi del pestaggio. I superiori sapevano. Gli avvocati: "Per anni ha detto cose diverse". La famiglia: "Caduto il muro"