Luca ed Edith sono stati rapiti?

| È l’ipotesi che si fa sempre più strada: rintracciato il misterioso francese che era con loro l’ultima sera, mentre un imprenditore canadese offre una ricompensa. L'angoscia delle famiglie

+ Miei preferiti
Patrick Gagnon, un imprenditore canadese residente da anni in Burkina Faso, sarebbe pronto ad offrire 2.500 dollari di ricompensa a chiunque sia in grado di fornire informazioni su Luca Tacchetto ed Edith Blais, la coppia svanita nel nulla il 15 dicembre scorso.

Secondo quanto riportato dal quotidiano “Le Soleil”, Gagnon si è spinto fino al confine con il Togo per verificare il possibile passaggio del giovane architetto italiano e della sua amica canadese. “Sarebbero stati visti intorno al 22 dicembre a Zimaré, a circa 50 km da Ouagadougou”. Da qui i sospetti che i due possano aver passato il confine illegalmente, anche se si tratterebbe di un caso “sorprendente”.

Ma con il passare dei giorni, cresce la preoccupazione che i due ragazzi possano essere stati rapiti: “È tutto molto strano, sono due grandi viaggiatori che non si negano esperienze bizzarre, ma non avrebbero mai passato così tanti giorni senza dare segni di vita alle famiglie. Si trovano quasi sicuramente a dover affrontare una situazione eccezionale, ma speriamo tutti che non sia nulla di grave”.

Nelle ultime ore, intanto, sarebbe stato rintracciato il misterioso francese con cui Luca ed Edith avrebbero trascorso la loro ultima sera documentata. La conferma questa volta arriva da un amico della famiglia Tacchetto, che ha riferito di essere entrati in contatto con l’uomo attraverso la mediazione di alcuni missionari e di guide locali. Si chiama Robert e da tutti è descritto come una brava persona: ha raccontato di aver consigliato ai due ragazzi la visita di un parco naturale ad una decina di km da Bobo-Dioulasso, la cittadina da cui Luca ed Edith sono scomparsi.

A confermare che le indicazioni fornite dal francese sono giuste è anche Nunzio Tacchetto, il padre di Luca, che ha ricordato uno degli ultimi sms del figlio, inviato alla madre, in cui raccontava dell’intenzione di visitare un parco naturale. “Mio figlio non è uno sprovveduto: è un grande viaggiatore, si sa difendere ed evitare i guai”. Ma l’angoscia resta, perché Luca chiamava casa ogni giorno e da tre settimane i telefoni sono muti.

A mancare all’appello è anche l’auto su cui viaggiavano, una Renault Megane Scenic: erano partiti da Vigonza il 20 novembre scorso con l’idea di raggiungere l’Africa attraverso Francia, Spagna, Marocco, Mauritania e Mali. A Bobo-Dioulasso avevano intenzione di vendere l’auto per poi raggiungere una missione Onlus in Togo.

La più importante emittente radiofonica del paese africano ha dedicato al caso dei due giovani una trasmissione, annunciando l’intervento in diretta della madre di Edith Blais, pronta a lanciare un appello.

Galleria fotografica
Luca ed Edith sono stati rapiti? - immagine 1
Luca ed Edith sono stati rapiti? - immagine 2
Cronaca
Catturato il killer del motoscafo
Catturato il killer del motoscafo
Un web designer inglese, ubriaco a bordo del suo motoscafo, ha provocato la morte della ragazza che aveva fianco di notte sul Tamigi. Condannato a 6 anni di carcere, era fuggito in Georgia. I familiari: "Arrogante"
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano, la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
"Stefania era aggressiva, mi sono difesa"
Chiara Alessandri spiega come ha ucciso Stefania Crotti: "Volevo solo un chiarimento, non ucciderla e non ho bruciato io il corpo". La vittima era ancora viva? Da mesi tentava di incontrarla. I messaggi sulle chat
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
“Indagate, è stata la mafia del calcio”
Berenice Schkair, modella ed ex fidanzata di Emiliano Sala, non crede all’ipotesi dell’incidente: “Sarò ancora più chiara fra qualche giorno”. Il punto sulle ricerche e le ipotesi di alcuni esperti
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
L’aereo di Emiliano Sala svanito nel nulla
Il piccolo Piper su cui viaggiava l’attaccante appena acquistato da Cardiff City è svanito dai radar ieri sera, mentre sulla Manica si abbattevano venti e forti piogge. Le autorità: nessuna speranza di trovare sopravvissuti
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Spacca la spina dorsale alla sua bimba: morta
Sotto accusa un cuoco inglese che avrebbe ripetutamente picchiato, sino alla morte, la figliastra di appena 2 anni. Erin è morta in ospedale per lesioni alla testa ma poche settimane prima aveva subito una frattura spinale e a un braccio
"Un burattino nella mani dell'assassina"
"Un burattino nella mani dell
E' disperato Angelo Pezzotta, l'imprenditore che ha portato, bendata con un foulard, Stefania Crotti nelle mani dell'assassina, pure catechista, di Stefania Crotti. "Non me lo perdonerà mai". Sabato i funerali a Gorlago
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?