L’ultimo grido di Krystine

| Il marito vive in diretta le drammatiche fasi di un incidente stradale in cui sua moglie ha perso la vita. A ucciderla sarebbe stato un campione di boxe che ha invaso la corsia opposta

+ Miei preferiti
Per Krystina Kincaid era una giornata come tante altre: incinta all’ottavo mese del quarto figlio, guidava verso casa mentre parlava al telefono con suo marito Zach. All’improvviso, un’auto che procede ad alta velocità le si para davanti: lo scontro è inevitabile. L’auto della donna prende fuoco, e i soccorritori faticano a tirarla fuori dalle lamiere contorte perché ha entrambe le gambe bloccate. Quando riescono è ormai troppo tardi: Krystina e il piccolo che portava in grembo muoiono pochi minuti dopo.

Zach ha vissuto ogni istante di quella tragedia: al telefono ha sentito l’urlo disperato della moglie che si è trovata di fronte un’auto che aveva invaso la sua corsia, il suono sinistro dello scontro e le lamiere che si contorcevano, le voci delle prime persone che si sono fermate tentando di aiutarla, il crepitio del fuoco che divorava ogni cosa. E poi il silenzio.

Sull’altra auto c’era Marcos Forestal, un campione di boxe piuttosto conosciuto che si sospetta guidasse in stato di ebbrezza. Secondo la manager, Forestal starebbe collaborando con la polizia per stabilire le esatte dinamiche dello scontro, anche se si è dichiarato innocente. Sconcerto ha però suscitato un suo post su Facebook in cui ha commentato l’incidente scrivendo: “Guardate cosa è successo alla mia auto”.

La parte peggiore di questa storia è toccata a Zack Kincaid, il marito di Krystine, che da allora ha l’urlo strozzato della moglie piantato in testa: lo sente sempre, di notte e di giorno, ma è costretto a far finta di niente per il bene dei loro tre figli, a cui ha dovuto raccontare che la mamma non c’era più. “La mia vita non è stata sempre facile. Ma oggi ho provato la cosa più difficile che mi sia mai capitata: ho dovuto dire ai miei figli che un uomo ubriaco aveva ucciso la loro mamma. Il dolore e la rabbia che sento dentro l’anima sono immensi, il mio cuore è spezzato”.

 

Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara