L'ultimo saluto ad Elisa senza tv e reporter

| Il fidanzato ancora in coma farmacologico al cto ma si sta lentamente riprendendo. Le famiglie: "Rispettate il nostro dolore"

+ Miei preferiti
Oggi alle 15, nella chiesa centrale di Moncalieri, l'ultimo saluto a Elisa Ferrero, 27 anni, laureanda in medicina, figlia di una pediatra e di un ortopedico, prossima a iniziare i corsi di specializzazione in Svizzera. Lascia i genitori, la sorella, il fidanzato Matteo con cui meditava di sposarsi. Uccisa un pomeriggio di domenico da un uomo, come lo descrive il giudice che lo tenuto in carcere, "con una personalità incline alla violenza" e che ha investito e travolto la loro moto per una manta sullo specchieto del suo furgone. Morta per niente. Una vita stroncata così, per un assurdo senso di orgoglio o chissà cosa. I genitori hanno chiesto ai media di rispettare il loro dolore, attraverso il legale di fiducia, Pierfranco Bertolino. I funerali alle 15 nella chiesa al centro della comunità. Sul fronte delle indagini, il cerchio s'è praticamente chiuso. L'intento omicidiario dell'autista del furgone killer, sembra provato dalla onsulenza del pm e soprattutto dalle testimonianze e dalle immagini videoregistrate. E poi la precisa testimonianza di Luca R.: "Purtroppo ho perso il contatto con Matteo. Ero in moto con la mia fidanzata, loro mi avevamo preceduto. Ho visto il contatto quando il Transit è uscito di colpo dalla strada laterale senza rispettare la precedenza, e la reazione di Matteo. E il furgone che poi accellera, supera di getto 4 o 5 macchine e poi si scaglia senza frenare contro Matteo ed Elisa....Dopo, l'autista è sceso sembrava assente, si guardava attorno e la prima telefonata l'ha fatta al suo avvocato...no, non ha frenato, non ci ha nemmeno provato".
Così  Maurizio De Giulio, 50 anni, l'elettricista torinese che per vendicarsi di un motociclista che gli avrebbe fatto uno sgarbo, resta in carcere, sorvegliato a vista per il timore che possa tentare un gesto autolesionista. Già, perchè si dichiara pentito e continua a ripetere come un mantra la storia che "non volevo uccidere ma solo prendere il numero di targa, la moto ha rallentato di colpo, non sono riuscito a frenare". Ma il gip Alfredo Toppino, dopo l'udienza di convalida di ieri mattina ha respinto le istanze dei difensori: "La deliberata e sconsiderata condotta di guida realizzata dall'indagato - si legge nell' ordinanza - evidentemente finalizzata a cercare lo scontro con il motociclo, ne rivela una personalità violenta e aggressiva e che non si è fatta scrupolo a porre a repentaglio la vita e l'incolumità altrui a seguito di un diverbio insorto per una banale lite tra utenti della strada". Così è stato convalidato l'arresto per De Giulio.
UN FILMATO LO INCHIODA
Un filmato lo inchioda alle sue gravissime responsabilità. Nei fotogrammi si vede chiaramente che il Ford Transit dopo avere investito la moto di Matteo ed Elisa, non solo non frena la sua corsa ma accellera e si schianta contro il guard rail della rotatoria del Gravio a Condove. In quei secondi muore Elisa, laureanda 27enne in Medicina di Moncalieri, figlia di un pediatra e di un ortopedico fisiatra che presta servizio a Villa Ida a Lanzo. Oggi a Moncalieri i funerali, in forma strettamente privata, ha precisato l'avvocato Pierfranco Bertolino che rappresenta la parte civile, anche per Matteo Penna, secondo il volere della sua famiglia stroncata da un dolore indicibile e non descrivibile con parole umane. Matteo sta meglio e presto uscirà dal coma farmacologico. Ha riportato un trauma cranico, fratture e lesioni interne. Ma ce la farà anche se i sanitari del Cto non hanno ancora sciolto la prognosi.
"SONO PENTITO MA NON VOLEVO UCCIDERE"
De Giulio, in una memoria affidata ai difensori, racconta un'altra storia rispetto a quella dei testimoni e tratta dal video registrato dalle telecamere di un'azienda di Condove: "Il motociclista s'è avvicinato alla portiera e l'ha colpita, mi sono arrabbiato e volevo a tutti i costi chiedere spiegazioni, ho chiesto alla mia compagna di fotografare il numero di targa con il cellulare, per questo mi sono avvicinato così tanto, poi la moto ha frenato e io ho perso il controllo". Ma non ha accennato nemmeno a una frenata, come accade, di riflesso, di fronte a un pericolo, segno di una pervicace volontà omicida, secondo l'accusa; e per raggiungere la Ktm 650 di Matteo Penna ha superato a tutta velocià una fila di macchine, prima di piombargli contro, trascinando la moto sotto il muso del furgone per 50 metri a circa 75,80 km/h. Ora deve rispondere di omicidio volontario aggravato e rischia decenni di galera. Dice di essere pentito, di non avere valutato le conseguenze del suo comportamento e che sì, aveva bevuto ma era in grado di valutare la situazione. Poi ha scagionato la compagna che era a bordo del furgone assieme alla sua bimba: "Lei mi diceva di lasciare perdere ma io volevo chiarire con il ragazzo", ha detto.
Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara