Manuela Bailo è stata sgozzata

| L'autopsia smentisce l'assassino, Fabrizio Pasini, che aveva sostenuto di avere spinto l'amante giù dalle scale dopo una lite. Un taglio netto le ha sezionato la giugulare. La giovane donna morì dissanguata

+ Miei preferiti
Fabrizio Pasini, il 48enne ex segretario provinciale della Uilm, ha ucciso l'amante e collega di lavoro, Manuela Bailo, 35, con una coltellata alla giugulare. L'ha sgozzata dopo una lite avvenuta il 28 luglio scorso nella casa della madre, in quei giorni in vacanza al mare,. Cade così la ricostruzione di quella lunga notte di Pasini che aveva sostenuto di aver spinto invontariamente Manuela giù dalle scale, in seguito a una lite, procurandole una ferita mortale alla testa. Ma l'esito dell'autopsia lo inchioda a una responsabilità molto più grave, con l'ombra di un delitto premeditato.

Il movente è semplice: la relazione clandestina con la sua collega durava da quasi due anni, ma Pasini non voleva saperne di lasciare la moglie e i due figli per mettersi con lei. La relazione era finita ma avevano deciso egualmente di vedersi. Pasini ha ricostruito solo una parte delle ore trascorse con Manuela: nella notte, era caduto e si era procurato una lesione a una costola. I due erano andati al pronto soccorso, poi erano rientrati nella casa. Qui lo scontro finale.

I carabinieri del Ris di Parma hanno ritrovato tracce di sangue non tanto sulle scale ma in un bagno del garage, dove evidentemente lui aveva cercato di ripulirsi dal sangue. Poi aveva caricato il cadavere sull'auto della moglie per nasconderlo infine nella vasca dei liquami dei maiali di una cascina abbandonata nel Cremonese. Infine era felicemente partito per le vacanze al mare con la famiglia. Aveva trattenuto il telefono della vittima e per qualche giorno aveva risposto ai messaggi dei familiari, dei colleghi di lavoro e dell'ex fidanzato di Manuela con cui continuava a convivere in un alloggio di Nave. Poi il telefono fu spento per sempre. Nei messaggi lasciava intendere un allontamento volontario ma nessuno lo aveva creduto. Il giorno prima di partire per le ferie, lui che non lo faceva mai, aveva invitato al bar alcuni colleghi con lo scopo di informarli della caduta in casa "per colpa di un tappeto" che gli aveva provocato la frattura di una costola.

Si lamentava dell'incidente, forse un modo per costruirsi una specie di alibi. "Un comportamento schifoso e aberrante - commentarono i colleghi della Uil che poi hanno fatto sistemare una panchina rossa, simbolo della lotta ai femminicidi, sotto l'ufficio per ricordare Manuela - lo aveva fatto solo per distogliere l'attenzione".

Pasini ha dato diverse versioni di quella notte, ma in una ha rivelato: "Mia moglie mi tempestava di telefonate per sapere dove fossi, Manuela mi urlava contro, voleva che non rispondessi e mi rinfacciava di non averla lasciata, ho perso la testa e abbiamo litigato, non volevo ucciderla, non è vero che l'ho sgozzata". I periti hanno scoperto nei resti in avanzata decomposizione del corpo "un taglio netto nel collo": la difesa sostiene che potrebbe essere stato provocato dal cavo che i Vigili del fuoco hanno usato per agganciare il corpo e recuperarlo dalla vasca. Ma l'accusa non ci crede. 

In un video registrato dai sistemi di sicurezza della casa dell'ex fidanzato (aveva sistemato videocamere dappertutto) era stata registrata una lite, risalente al 2017, in cui l'uomo e Manuela discutevano animatamente proprio sulla separazione dalla moglie che Pasini aveva promesso di voler fare da mesi. Ma non era accaduto nulla e lei si era sentita ingannata. Ora Pasini si dispera. Sceglierà il rito abbreviato ma non è detto che scamperà all'ergastolo, nonostante la confessione con il ritrovamento del cadavere, circostanze che potrebbero essere valutate dai giudici come un'attenuante.

Video
Cronaca
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
Maria Elena Boschi, in un'intervista a Il Foglio, interviene sull'arresto di Tiziano Renzi e della moglie. "Accuse difficili da dimostrare, molto fragili"
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
In corso in Scozia il processo a un 16enne accusato di avere massacrato Alesha MacPhail, 6 anni, il 2 luglio a Rothesay. "Sono innocente, l'assassina ha sparso il mio sperma sulla bambina per accusarmi". Lei nega. Il video
Pensionato attaccato da ippopotamo
Pensionato attaccato da ippopotamo
Il corpo di un italiano di 65 anni è stato trovato senza vita sulle rive di un fiume in Kenya, forse stroncato da malore dopo un attacco di un animale
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"