Mattarella, appello ai giganti del web

| Attacchi informatici, siti manovrati per condizionare le campagne elettorali, la proliferazione delle fake news. Rendere il web un luogo sicuro di informazione e condivisione

+ Miei preferiti

"Gli Stati hanno l'obbligo di difendere i loro concittadini dagli attacchi virtuali". E’ l’allarme lanciato dal presidente Mattarella parlando di cybersecurity dalla Lettonia. "Sappiamo - ha aggiunto - che le conseguenze di attacchi informatici possono essere disastrose: sui sistemi informatici pubblici, sulle banche, sui sistemi elettorali, sui sistemi sociali e sanitari. E la possibilità che grandi gruppi criminali, o anche Stati con atteggiamento ostile, possa provocare questi danni disastrosi è davvero allarmante per tutti".

Il presidente Mattarella,  nel corso di un incontro al "gruppo Arraiolos", ha citato Foreign Affairs Magazine dove "due ex responsabili della difesa degli Stati Uniti hanno affermato che vi sono Stati che stanno armando Internet". "Vi sono quindi - ha proseguito - pericoli nuovi, molto più insidiosi che consentono anche la manipolazione delle pubbliche opinioni. Gli strumenti tradizionali, anche i più perfezionati e avanzati di difesa, sono inermi rispetto a questi pericoli e a queste insidie". Per questo "i giganti del Web, che hanno realizzato Internet, hanno la responsabilità di renderlo un luogo di libertà e non un luogo di insidie. Sono queste le necessità: quelle di mettere insieme, in maniera determinante - e questo lo può fare l'Unione e non i singoli Stati - tutti questi soggetti perché intervengano in maniera coordinata in questo senso". "Ma la cosa più importante - ha spiegato il presidente - è creare gli anticorpi della società, cominciando dalla scuola, dalla continua formazione dell'uso del Web. Cioè la vera difesa e il vero anticorpo contro le insidie cibernetiche è anzitutto lo spirito critico dei cittadini".

"Non dobbiamo cadere nella trappola di pensare di potere irreggimentare i nostri concittadini orientandoli, ma dobbiamo stimolare la loro libertà e il loro spirito critico perché questa è l'unica difesa effettiva che nelle società si può avere nei confronti delle insidie cibernetiche", ha concluso il presidente della Repubblica.

 
Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara