"Mi hanno inviato 700 chili di cocaina"

| L'incredibile scoperta di un imprenditore vicentino: il racket gli ha spedito per sbaglio un carico di cocaina che vale 100 milioni di euro. Errore nella spedizione. E molte teste cadranno

+ Miei preferiti

"Ho trovato sotto le confezioni di pellami da trattare nella mia azienda i contenitori della droga, e ho subito chiamato il 112". Quasi 700 chili di cocaina sono stati scoperti e sequestrati nel vicentino all'interno di un container di pellami destinato a una conceria di Zermeghedo. E' stato il titolare della ditta, assolutamente estraneo al traffico, a fare la scoperta, avvisando subito i carabinieri.

Il maxi carico di droga sarebbe giunto per errore nell'azienda vicentina, forse per uno scambio di container nella fase della spedizione. Sono in corso indagini per cercare di trovare una pista che possa condurre all'organizzazione criminale che gestiva il traffico. La cocaina nascosta tra le pelli avrebbe un valore di diverse decine di milioni di euro, tra gli 80 e i 100. A Genova, recentemente, sempre all'interno di un cointainer nel porto, erano stati sequestrati altri 270 chili di cocaina. E' il segno di un'offensiva in larga scala del racket per rifornire il florido mercato italiano della "neve", forse in parte destinata ai laboratori olandesi e del Nord Europa, per essere ulteriormente trattata e tagliata con altre sostanze psicotrope. Il livello di purezza del sequestro vicentino è altissimo, potrebbe provenire dai porti del Sudamerica, in particolare dalla Bolivia, dalla Colombia o dal Messico. Di sicuro l'errore commesso dalla società di spedizione o da chi ha effettuato l'ordine di viaggio causerà pesanti conseguenze all'interno del racket. Cadranno molte teste, molte persone saranno uccise. Un danno del genere, nel mondo dei narcos, si paga in un solo modo: con la vita.

   

Cronaca
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
Maria Elena Boschi, in un'intervista a Il Foglio, interviene sull'arresto di Tiziano Renzi e della moglie. "Accuse difficili da dimostrare, molto fragili"
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
In corso in Scozia il processo a un 16enne accusato di avere massacrato Alesha MacPhail, 6 anni, il 2 luglio a Rothesay. "Sono innocente, l'assassina ha sparso il mio sperma sulla bambina per accusarmi". Lei nega. Il video
Pensionato attaccato da ippopotamo
Pensionato attaccato da ippopotamo
Il corpo di un italiano di 65 anni è stato trovato senza vita sulle rive di un fiume in Kenya, forse stroncato da malore dopo un attacco di un animale
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"