Morto, pianto e sepolto, ricompare (vivo)

| Un contadino kazako svanisce nel nulla, la polizia ritrova un cadavere e gli esami del Dna lo identificano. Poi la sorpresa…

+ Miei preferiti
Aigali Supugaliev era scomparso nel nulla il 9 luglio scorso senza lasciare traccia. Non aveva con sé il cellulare e neanche i documenti: la porta di casa sua era chiusa e dentro tutto in perfetto ordine. Dopo averlo cercato in lungo e in largo, battendo a tappeto le campagne di Tomarly, in Kazakistan, la polizia aveva trovato il cadavere in avanzato stato di decomposizione di un uomo che, sottoposto all’esame del Dna, aveva dato ai familiari la peggiore delle conferme: per il 99,2% il profilo genetico combacia, è lui.

Era l’inizio di un mistero che stava mettendo a dura prova gli investigatori, che continuavano a scavare nella vita di quell’uomo, un contadino solitario e un po’ burbero di 63 anni, senza riuscire a trovare un solo appiglio per capire se fosse finito in qualche giro strano e violento. Ma almeno per la famiglia, a quel punto, era arrivata la consolazione di un funerale e un posto dove portare un fiore.

Qualche giorno fa, qualcuno bussa alla porta di Esengali, fratello del contadino dal destino tragico: Saule, sua figlia, apre la porta e per poco sviene. Di fronte a lei lo zio, Aigali Supugaliev, in carne, ossa e stupore. È lui stesso, sotto gli occhi increduli dei familiari, a raccontare che si era assentato per un lavoro stagionale improvviso in una cascina un po’ distante, ma prima di partire si era scordato di avvisare. Ma l’incredulità è tale e tanta che la famiglia chiede di sottoporre Aigali all’esame del Dna, che questa volta dà l’esito corretto: è proprio lui, vivo e vegeto.

Resta però in aria un altro dubbio avvolto nel mistero: se Aigali è qui, chi c’è dentro la bara che è stata sepolta? Nessuno ha denunciato la scomparsa di un familiare e a complicare le cose c’è un esame del Dna. Evidentemente da rifare.

Galleria fotografica
Morto, pianto e sepolto, ricompare (vivo) - immagine 1
Cronaca
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
"Arresto genitori Renzi, dubbi su tempistica"
Maria Elena Boschi, in un'intervista a Il Foglio, interviene sull'arresto di Tiziano Renzi e della moglie. "Accuse difficili da dimostrare, molto fragili"
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
Bimba stuprata e uccisa, accuse incrociate
In corso in Scozia il processo a un 16enne accusato di avere massacrato Alesha MacPhail, 6 anni, il 2 luglio a Rothesay. "Sono innocente, l'assassina ha sparso il mio sperma sulla bambina per accusarmi". Lei nega. Il video
Pensionato attaccato da ippopotamo
Pensionato attaccato da ippopotamo
Il corpo di un italiano di 65 anni è stato trovato senza vita sulle rive di un fiume in Kenya, forse stroncato da malore dopo un attacco di un animale
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"