OMICIDIO VOLONTARIO PER L'AUTISTA UBRIACO FREDDO E LUCIDO QUANDO HA UCCISO ELISA

| La ricostruzione dei consulenti del pm del tragico investimento costato la vita ad Elisa Ferrero

+ Miei preferiti
Gli è stato notificato in cella, nel settore Sestante del carcere delle Vallette, la nuova accusa. Da omicidio stradale a omicidio volontario. Maurizio De Giulio, 50 anni, l'artigiano torinese già con precedenti di polizia per guida in stato di ebbrezza, lesioni e aggressioni ai danni di altrI automobilisti, rischia ora decenni di carcere. Secondo la consulenza disposta dal pm Paola Stupino, l'uomo non avrebbe fatto per frenare, o deviare, il furgone Ford Transit lanciato contro la moto con a bordo Matteo Penna, 29 anni, ingegnere informatico, rimasto seriamente ferito,  e la sua fidanzata, la laureanda in medicina Elisa Ferrero, figlia di due noti medici di Moncalieri, morta sul colpo per essere stata travolta dal furgone. Non solo: ha trascinato la moto per una cinquantina di metri prima di schiantarsi contro il guard rail della rotatoria Gravio nel Comune di Condove, lungo la statale 24, quel maledetto pomeriggio dii domenica. Un testimone, Luca G., lo inchioda alla sue responsabilità. 

LA RICOSTRUZIONE FINALE

Sono le 17,26 di domenica 9 luglio. Un piccolo gruppo di motociclisti, tra cui Matteo ed Elisa, in sella a una Ktm 650, scende in fils lungo la statale 24 in direzione Torino. Da una strada laterale sbuca, senza dare la precedenza, il Ford Transit Blu scuro targato EY804FG. Alla guida c'è Maurizio De Giulio, con a fianco la campagna di origine peruviana e sul sedile posteriore la figlia di 11 anni. Sono stati a un pic-nic. Lui ha bevuto vino e birra e nel suo sangue verrà rilevato un tasso alcolico tre volte superiore a quello consentito dalla legge, 1.50 contro 0,50. Matteo evita di essere investito e raggiunge però il furgone. Per sottolineare l'imprudenza del conducente, colpisce con un pugno lo specchietto retrovisore sinistro. De Giulio perde la testa. Esce dalla coda di auto a tutta velocità, ne supera pericolosamente quattro e punta deciso verso la moto che sta rallentando per entrare nella rotatoria.  in un video si vede il Transit che non solo non rallenta, nè tenta di deviare la traiettoria per evitare l'ostacolo, ma lo centra, quando i due mezzi sono perfettamente allineati, la moto davanti, il furgone con vetri scuri dietro. La moto si incastra sotto il muso del Transit, Elisa è investita e uccisa, Matteo è per fortuna sbalzato all'esterno della corsia. Sta meglio, è stato operato al Cto per ridurre le fratture in tutto il corpo ed è ancora in coma farmacologico. Cinquanta lunghissimi metri in cui De Giulio accelera ancora prima dello schianto contro il guard-rail. Dopo, uscira' illeso dal suo furgone semi-distrutto, incolume come la compagna e la bambina. Silenzioso, forse ancora inconsapevole di quanto accaduto, aspetterà seduto su un gradino di pietra l'attivo dei carabinieri che lo porranno immediatamente in stato di fermo.

LA DIFESA

De Giulio si giustifica, con l'aiuto della compagna, così: "Il ragazzo ha colpito lo specchietto, sono rimasto stupito del gesto, credevo si fosse rotto e ho cercato di raggiungerlo per prendere il numero di targa e fare denuncia all'assicurazione ma la moto ha improvvisamente rallentato di colpo e non sono riuscito a frenare in tempo. Non volevo investire nessuno, ma solo fare le mie ragioni, ho perso il controllo". Parole in parte confermate dalla donna che però, in qui secondi cruciali, ha detto che stava scrivendo sullo smartphone e non s'accorta dell'investimento. Dicono che adesso sia pentito, che abbia pianto per ore, tanto da essere sorvegliato 24 ore su 24 per timore che possa suicidarsi. Al momento del fermo ha detto solo: "L'ho fatta, ora la pagherò". Frastornato, movimenti meccanici, sguardo perso nel vuoto. Consapevole di avere ucciso un'innocente e di avere rovinato per sempre la sua vita e quella dei suoi cari.

LA CONSULENZA

I tecnici spiegano perché De Giulio non ha nemmeno provato a frenare: non ci sono tracce sull'asfalto né segni "di scarrociamento", segno che l'autista - come ha descritto lucidamente un teste - s'è diretto verso la moto "puntandola" con decisione sino ad investirla. Elisa, disarcionata, è stata aggangiata e trascinata per alcuni metri dal Ford Transit. E' morta dopo pochi minuti per i gravissimi poli-traumi riportati nel fortissimo impatto. La visibilità era perfetta, nessuno dei testimoni ha visto accendersi le luci rosse posteriori (in perfette condizioni) quando si aziona l'impianto frenante e viene escluso che l'autista ubriaco abbia comunque tentato una manovra d'emergenza per evitare l'investimento. 

LA NUOVA IMPUTAZIONE

Omicidio volontario aggravato da motivi futili e abbietti. I suoi precedenti escluderanno, in un eventuale processo in Corte D'Assise, le attenuanti generiche. Un'accusa che vale un ergastolo, salvo l'ipotesi di un ricorso al rito abbreviato, che prevede lo sconto di un terzo della pena. Nel suo passato ci sono due episodi simili. Fermato ubriaco alla guida, nel 2007, aveva tentato di nob sottoporsi all'alcol-test e aveva aggredito due carabinieri; nel 2015 era stato denunciato da una automobilista che aveva minacciato e malmenato per una precedenza non concessa, in pieno centro a Torino. Un racconto drammatico: "Mi chiuse la via di fuga con il furgone poi scese, aprì la portiera e mi afferrò per il collo urlando e insultandomi, credevo volesse uccidermi". Poi lo denunciò ai carabinieri. L'avvocato Pierfranco Bertolino tutela gli interessi delle parti civili, le famiglie di Matteo Penna ed Elisa Ferrero. Gli avvocati Matteo Del Giudice e Maurizio Grasso difendono invece Maurizio De Giulio. Il pm che coordina le indagini è Paola Stupino. 

Cronaca
GB: vittima di bullismo, si uccide in carcere
GB: vittima di bullismo, si uccide in carcere
Katie Allan, 21 anni, studentessa di Glasgow: investe un 15enne mentre guida sotto l’effetto dell’alcol e viene condannata a 16 mesi di reclusione. Ma diventa vittima di bullismo da parte degli altri detenuti
Udine, caccia agli ultras violenti
Udine, caccia agli ultras violenti
Lanciate bottiglie e pietre contro le auto dei tifosi del Napoli, già notificati i primi Daspo. La Digos sta ancora visionando le immagini delle video-riprese degli incidenti. Poi le denunce
Francia: punta la pistola alla tempia della prof
Francia: punta la pistola alla tempia della prof
È accaduto a Créteil, nell’Île-de-France: un sedicenne ha intimato all’insegnante di segnarlo presente sul registro. Indignazione bipartisan e promessa di sanzioni esemplari
Stadio Roma, Parnasi torna libero
Stadio Roma, Parnasi torna libero
L'imprenditore romano che voleva costruire il nuovo stadio scarcerato dopo gli ultimi interrogatori. Aveva finanziato Pd e Lega ma forse anche altri partiti
Processo Raggi, Marra sapeva
Processo Raggi, Marra sapeva
Il ruolo dell'ex manager del sindaco Raggi era "attivo e sostanziale", il 25 sarà interrogato dal pm sulle nomine dirigenziali
Pompei, data eruzione torna al 24 agosto 79dc
Pompei, data eruzione torna al 24 agosto 79dc
L'iscrizione che aveva trasferito ad ottobre la data dell'eruzione potrebbe essere una scritta di servizio di un muratore relativa a un carico di merce
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Mostro o ex? Lo strano caso Brega-Massone
Dall’ergastolo del primo grado ai 15 anni che chiudono il processo bis a carico di Pier Paolo Brega Massone: per i giudici si è trattato di omicidi preterintenzionali
La vita spericolata di Rossi junior
La vita spericolata di Rossi junior
Processo a gennaio per il figlio di Vasco. Alla guida di un'Audi aveva saltato uno stop investendo una Panda con due ragazze a bordo. Poi se n'era andato. Nei guai anche l'amico che voleva sostituirsi a lui
Prete molestatore, la curia lo sospende
Prete molestatore, la curia lo sospende
Scandalo a Gorizia, il sacerdote avrebbe molestato sessualmente una donna in difficoltà. Smascherato dalle Iene
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
Raffica di condanne per la morte di Hélène Pastor
La ricchissima ereditiera monegasca fu assassinata quattro anni fa davanti ad un ospedale di Nizza. Le indagini hanno permesso di risalire a tutti i componenti del piano, condannati con pene pesanti dal tribunale