Padre Carmine, da Lourdes al sinodo del giovani

| Giornata di formazione Unitalsi al Cottolengo con il presidente nazionale Antonio Diella e il presidente della sezione torinese Pierfranco Bertolino

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
"Qualsiasi cosa vi dica, fatela". È il tema pastorale del Santuario di Lourdes per il 2018, scelto pensando al prossimo Sinodo dei giovani e come da tradizione adottato dall'Unitalsi, (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali). Un tema che rappresenta il contenuto delle schede per l'approfondimento, realizzate con un linguaggio volutamente semplice e comprensibile per diventare strumento utile ad un vero percorso di formazione. È stato questo, il tema conduttore della Giornata di Formazione voluta dalla sezione piemontese dell'Unitalsi, ospitata sabato 4 novembre presso la Sala Convegni del Cottolengo di Torino. Una giornata iniziata con il saluto del Presidente della Sezione, l'avvocato Pierfranco Bertolino, e introdotta al tema pastorale da padre Carmine Arice, lo scorso settembre padre eletto padre generale del Cottolengo. A impreziosire la giornata, la presenza di Antonio Diella, presidente nazionale Unitalsi, in carica dallo scorso anno. A Padre Carmine, diretto com'è nel suo carattere, il compito di scuotere i presenti, introducendo "Qualsiasi cosa vi dica, fatela", frase pronunciata da Maria ai servitori, quando Gesù tramutò l'acqua in vino durante le Nozze di Cana, una delle più celebri parabole citate nel Vangelo. La giornata si è conclusa con con un meeting conviviale nei locali della Scuola del Cottolengo. A dare il via alla giornata l'avvocato Bertolino, presidente della Sezione Piemontese, che ha voluto ringraziare i numerosi presenti, accorsi al Cottolengo malgrado le difficoltà del blocco del traffico.


Cronaca
"Piangeva troppo, l'ho picchiata"
"Piangeva troppo, l
Si sono aggravate le condizioni della piccola aggredita con inaudita violenza dal compagno della madre, ora in carcere per tentato omicidio. "Ho perso la testa", ha detto alla polizia. Sul corpo lividi, graffi, persino morsi
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
"Olindo e Rosa innocenti, assassini liberi"
Il tunisino Azouz Marzouk, marito, padre e genero di tre vittime della strage di Erba, insiste. Pensa che i killer siano da cercare "in un altro contesto". Ma le prove raccolte dagli investigatori inchiodano la coppia diabolica
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Bossi grave ma non in pericolo di vita
Trasportato con un elicottero nell'ospedale di Circolo è tuttora in terapia intensiva. Era nella sua casa di Gemonio ed è caduto, ferendosi lievemente. Crisi epilettica. Oggi nuovo bollettino medico
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
Cucchi, indagato il colonnello Sabatino
L'ufficiale non avrebbe trasmesso alla procura tutte le carte. "Sono stato ingannato", si è difeso. Ora è il comandante provinciale di Messina
La catechista killer resta in carcere
La catechista killer resta in carcere
Respinto il ricorso di Chiara Alessandri, 44 anni, che ha ucciso a martellate, il 17 gennaio, Stefania Crotti. Voleva i domiciliari per assistere i tre figli
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Tenevano i figli in gabbia, arrestati
Una coppia texana in carcere per maltrattamenti, bambini scoperti in stato di denutrizione chiusi in un capannone, in condizioni igieniche indescrivibili
Guardate il volto del poliziotto ferito
Guardate il volto del poliziotto ferito
Un marocchino ha aggredito un agente massacrandolo di botte in seguito a un controllo. "Non importa, tornerò a lavorare con lo stesso impegno di prima"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
"Sono un prigioniero politico, nulla di cui pentirmi"
Bill Cosby, 81 anni, l'ex America's Dad, in carcere per abusi sessuali si paragona a Martin Luther King e al Mahatma Gandhi: "Mi colpiscono per le mie idee politiche. Le donne che mi accusano? Mentono". Non è più in isolamento
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
Fa a pezzi il suo bimbo, i resti nella borsetta
In carcere la madre 24enne di Daniel. "Piangeva e non mi dava ascolto, l'ho colpito ed è morto, volevo nascondere il corpo, è stato un incidente, nessuno mi avrebbe creduto". La casa dell'orrore. Famiglia in apparenza normale e serena
Pamela, i genitori sfidano il killer
Pamela, i genitori sfidano il killer
"L'ho guardato negli occhi...". L'assassino in aula per la prima udienza del processo per il delitto di Macerata. La giovane fu uccisa, il corpo fatto a pezzi e infilato in due valigie, poi abbandonate in un bosco