"Polizia aggredita, caos e devastazioni il regalo degli antagonisti ai torinesi"

| Duro intervento del sindacato di polizia Silp-Cgil dopo gli incidenti per G7 a Venaria. Il questore Angelo Sanna: "Garantiti i diritti di tutti". Sette gli agenti e i carabinieri rimasti feriti

+ Miei preferiti
 "La violenza non e' mai ammessa e oggi a Torino frange di violenti hanno regalato alla citta' un inaccettabile pomeriggio di caos e devastazioni, con le forze di polizia che sono diventate ancora una volta dei bersagli". Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil. "Siamo vicini - aggiunge Tissone - alle lavoratrici e ai lavoratori in divisa che sono rimasti feriti e a tutti coloro che con straordinario impegno hanno impedito che le cose potessero finire ancora peggio". Il Silp fa un riferimento preciso al corteo di venerdì, con gli incidenti poi avvenuti nella notte, che, sia pure a bassa intensità, hanno dato l'idea di essere stati da tempi pianificati e organizzato. Infine il corteo di sabato, andato a schiantarsi contro un imponente dispositivo di sicurezza, con conseguente fuga e rientro in città. 
"Il mio dovere era di garantire i diritti di tutti: sia lo svolgimento regolare dell'evento, sia le manifestazioni di protesta. Il bilancio è positivo", così il questore uestore di Torino Angelo Sanna, al termine della settimana del G7 a Venaria Reale. "Gli eventi di contestazione" - ha proseguito – "non sono stati né vietati né cambiati. I dimostranti ci avevano chiesto di arrivare in piazza, a Venaria, e così è stato.  I manifestanti hanno cercato lo scontro fisico ma noi non abbiamo mai risposto alle loro ripetute provocazioni. La nostra è stata una politica di contenimento". 
Cronaca
Igor il russo condannato all’ergastolo
Igor il russo condannato all’ergastolo
Detenuto a Saragoza, in Spagna, dove rispondere di altri 3 omicidi e due tentati omicidi, il killer serbo è rimasto impassibile alla lettura della sentenza
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
I passeggeri si sono accorti dell’errore solo al momento dell’atterraggio. Imbarazzo della British Airways
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”