Porsche e Mercedes svizzere o romene in arrivo stangate sino a trentamila euro

| Torinese sorpreso dalla Finanza alla guida di un'Audi con targa di Lugano: multa da 15 mila euro. Gli stratagemmi per non pagare bollo e assicurazione italiani, immatricolavano auto di lusso all'estero. Ma è contrabbando

+ Miei preferiti
Comprare auto di lusso in Paesi al di fuori dell'Unione europea aggirando le norme sull'ammissione nel territorio italiano è una forma di contrabbando. Ne sanno qualcosa i cittadini piemontesi e lombardi che nell'ultimo mese si sono visti sequestrare la vettura dalla Guardia di finanza. Gli investigatori del Gruppo Torino, durante una serie di servizi di controllo, hanno preso in consegna e sequestrato otto mezzi con targhe svizzere, moldave e libanesi (fra cui una Porsche Carrera 4) e irrogato sanzioni per più di trentamila euro. "Queste modalità di acquisto - spiegano al comando - permettono di risparmiare sul bollo, sull'assicurazione, sui diritti doganali. Per le autorità è anche più complicato procedere al recupero e alla riscossione delle multe. Ma per gli automobilisti non è un buon affare. Senza le autorizzazioni doganali e delle condizioni necessarie per l'ammissione temporanea, il veicolo immatricolato in un Paese extra-Ue risulta di contrabbando. Con tutte le conseguenze che ne derivano". Oltre a Porsche, Mercedes e Range Rover, la Finanza ha fermato a Torino una Audi A8 con targa svizzera. Alla guida un torinese, apparentemente cittadino svizzero ma di fatto residente in Italia e sprovvisto dell'autorizzazione all'utilizzo in Italia del mezzo. L'auto è stata sequestrata e il proprietario, per tornare in suo possesso, dovrà versare alle casse erariali circa 15 mila euro, tra imposte evase e sanzioni. L'operazione "targhe low cost" è ancora in corso e altri sequestri sono già in vista.
   
Cronaca
Igor il russo condannato all’ergastolo
Igor il russo condannato all’ergastolo
Detenuto a Saragoza, in Spagna, dove rispondere di altri 3 omicidi e due tentati omicidi, il killer serbo è rimasto impassibile alla lettura della sentenza
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
Diretto a Dusseldorf, atterra a Edimburgo
I passeggeri si sono accorti dell’errore solo al momento dell’atterraggio. Imbarazzo della British Airways
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”