Recinti per gli spettatori così cambia il mondo dei rally

| Le nuove regole per il "Città di Torino" dopo la morte del bimbo investito. Campagna di sensibilizzazione. Parla Piercarlo Capolongo, navigatore esperto e commissario della Commissione Sicurezza "Aci-Sport"

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

"I rally sono gare sicure, basta solo attenersi alle regole". Secco e asciutto, com'è nel suo carattere, a parlare è Piercarlo Capolongo, per gli appassionati il mitico "Kapo", classe 1967: uno dei navigatori più preparati in circolazione, con un'esperienza sul campo fatta da centinaia di gare all'attivo che gli hanno aperto anche le porte della Commissione Sicurezza "Aci-Sport".

"Purtroppo i rally finiscono nella centrifuga delle cronache solo quando ci scappa il morto, com'è successo di recente al ‘Torino', dove a rimetterci è stato un bimbo di soli sei anni, ma le gare che si disputano ogni week end in tutt'Italia sono tantissime, e iniziano e finiscono senza alcuna conseguenza tragica".

Resta però nell'aria il dubbio che qualcosa non vada più come deve, che sia necessario riscrivere le regole per scongiurare altre tragedie.

"La buona riuscita di un rally dipende solo e soltanto dalle persone, non dai mezzi: ma se è vero che l'organizzatore ha l'obbligo di vigilare, lo stesso deve fare il ‘buon padre di famiglia', come si dice, per evitare di cacciarsi in situazioni pericolose".

Il riferimento è proprio all'incidente del Città di Torino?

"No, il riferimento è in realtà un appello diffuso alle coscienze: sostare in una zona indicata come pericolosa equivale ad attraversare a piedi un poligono di tiro. Prima o poi un proiettile lo prendi".

Esiste una soluzione?

"Abbiamo deciso di varare una campagna di sensibilizzazione, perché non è possibile andare avanti così, o prima o poi finisce che vietano queste gare per legge".

Basterà a sensibilizzare il pubblico?

"Me lo auguro. Anche perché gli strumenti che abbiamo non sono molti: le zone indicate come pericolose sono in realtà terreni privati, e i commissari di percorso - coloro che possono chiedere al pubblico di allontanarsi - di fatto non hanno nessun potere: se qualcuno risponde no, oppure li tratta in malo modo, non possono fare molto di più. A questo, si aggiunga che è impensabile presidiare tutto il percorso: neanche le Ferrovie lo fanno sulle loro tratte, e anche lì a volte l'incidente ci scappa ma non si parla di colpe".

Sembra quello che i francesi chiamano "cul-de-sac", una strada senza uscita.

"In realtà c'è un altro punto: in accordo con i prefetti è stato deciso di recente che quando un capo-prova si accorge di gente ferma in zone vietate, ha l'obbligo di avvisare immediatamente la direzione gara, che a sua volta sospenderà la manifestazione. Come a dire: se non ti sposti ci fermiamo, e sei venuto fino a qui per niente".

Come vengono classificate le strade?

"Organizzare un rally è un'operazione complessa che nelle fasi preparatorie richiede addirittura la creazione di una commissione composta da prefettura, organizzatori, motorizzazione e forze dell'ordine che ha il compito di studiare il percorso e richiedere la chiusura delle strade con specifiche ordinanze".

Si stabiliscono, insomma, zone vietate al pubblico e altre dove invece è consentito.

"Vale un po' il contrario: ci sono zone pericolose vietate e segnalate in modo evidente, e altre in cui è tollerata la presenza di pubblico. Ma da regolamento mai a livello strada, sempre in posizione rialzata".

Conosci bene, immagino, lo svincolo dell'incidente del Torino.

"Certo, quella è una speciale considerata ‘classica'. E non so esattamente cosa sia successo: lo stabilirà l'inchiesta. Conosco il pilota, anche se non benissimo, e il navigatore, con cui ho chiacchierato poco prima della partenza del Torino: un coscienzioso padre di famiglia".

Cronaca
Si getta dal balcone dopo l'omicidio
Si getta dal balcone dopo l
Nel centro storico di Avellino, un uomo si è gettato nel vuoto dall’appartamento in cui aveva appena ucciso un 25enne e ferito alla gola una ragazza di 18. La polizia sta cercando di ricostruire le dinamiche dell'accaduto
Uccide i due figli e si suicida
Uccide i due figli e si suicida
Un'infermiera di 48 anni ha iniettato narcotici ai figli di 7 e 9 anni e poi si 'è tolta la vita nello stesso modo. E' accaduto ad Aymavilles, ad Aosta. I corpi scoperti dal marito, guardia forestale. Era depressa da tempo
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
"Sciopero contro il governo dalle false promesse"
Proteste in 70 città per i tagli ai finanziamenti e per chiedere più investimenti. Al loro fianco anche i sindacati e le associazioni degli insegnanti
Caso Magherini, carabinieri assolti
Caso Magherini, carabinieri assolti
"Il fatto non sussiste" per i giudici della Cassazione. L'ex calciatore, sotto effetto della cocaina, era stato fermato nel 2014. Morì sdraiato sul selciato
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
In Irlanda scoppia la guerra del tanga
Il tribunale di Cork ha assolto un uomo accusato di violenza su una 17enne. Motivo: lei indossava un perizoma. E l’Irlanda è scesa in piazza
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
La fine di Maggy, simbolo della polizia francese
Non si stancava mai di denunciare l’ondata d’odio verso la polizia che serpeggia in Francia e l’altissimo tasso di suicidi fra i suoi colleghi. Ma poche ore fa ha scelto di fare la stessa fine
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Lady Beth, la nobile con la doppia vita
Violinista di talento ma anche escort d’alto bordo e tossicodipendente, la fine della giovane marchesa ridà fiato alla “maledizione dei Queensberry”
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara