Recinti per gli spettatori così cambia il mondo dei rally

| Le nuove regole per il "Città di Torino" dopo la morte del bimbo investito. Campagna di sensibilizzazione. Parla Piercarlo Capolongo, navigatore esperto e commissario della Commissione Sicurezza "Aci-Sport"

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

"I rally sono gare sicure, basta solo attenersi alle regole". Secco e asciutto, com'è nel suo carattere, a parlare è Piercarlo Capolongo, per gli appassionati il mitico "Kapo", classe 1967: uno dei navigatori più preparati in circolazione, con un'esperienza sul campo fatta da centinaia di gare all'attivo che gli hanno aperto anche le porte della Commissione Sicurezza "Aci-Sport".

"Purtroppo i rally finiscono nella centrifuga delle cronache solo quando ci scappa il morto, com'è successo di recente al ‘Torino', dove a rimetterci è stato un bimbo di soli sei anni, ma le gare che si disputano ogni week end in tutt'Italia sono tantissime, e iniziano e finiscono senza alcuna conseguenza tragica".

Resta però nell'aria il dubbio che qualcosa non vada più come deve, che sia necessario riscrivere le regole per scongiurare altre tragedie.

"La buona riuscita di un rally dipende solo e soltanto dalle persone, non dai mezzi: ma se è vero che l'organizzatore ha l'obbligo di vigilare, lo stesso deve fare il ‘buon padre di famiglia', come si dice, per evitare di cacciarsi in situazioni pericolose".

Il riferimento è proprio all'incidente del Città di Torino?

"No, il riferimento è in realtà un appello diffuso alle coscienze: sostare in una zona indicata come pericolosa equivale ad attraversare a piedi un poligono di tiro. Prima o poi un proiettile lo prendi".

Esiste una soluzione?

"Abbiamo deciso di varare una campagna di sensibilizzazione, perché non è possibile andare avanti così, o prima o poi finisce che vietano queste gare per legge".

Basterà a sensibilizzare il pubblico?

"Me lo auguro. Anche perché gli strumenti che abbiamo non sono molti: le zone indicate come pericolose sono in realtà terreni privati, e i commissari di percorso - coloro che possono chiedere al pubblico di allontanarsi - di fatto non hanno nessun potere: se qualcuno risponde no, oppure li tratta in malo modo, non possono fare molto di più. A questo, si aggiunga che è impensabile presidiare tutto il percorso: neanche le Ferrovie lo fanno sulle loro tratte, e anche lì a volte l'incidente ci scappa ma non si parla di colpe".

Sembra quello che i francesi chiamano "cul-de-sac", una strada senza uscita.

"In realtà c'è un altro punto: in accordo con i prefetti è stato deciso di recente che quando un capo-prova si accorge di gente ferma in zone vietate, ha l'obbligo di avvisare immediatamente la direzione gara, che a sua volta sospenderà la manifestazione. Come a dire: se non ti sposti ci fermiamo, e sei venuto fino a qui per niente".

Come vengono classificate le strade?

"Organizzare un rally è un'operazione complessa che nelle fasi preparatorie richiede addirittura la creazione di una commissione composta da prefettura, organizzatori, motorizzazione e forze dell'ordine che ha il compito di studiare il percorso e richiedere la chiusura delle strade con specifiche ordinanze".

Si stabiliscono, insomma, zone vietate al pubblico e altre dove invece è consentito.

"Vale un po' il contrario: ci sono zone pericolose vietate e segnalate in modo evidente, e altre in cui è tollerata la presenza di pubblico. Ma da regolamento mai a livello strada, sempre in posizione rialzata".

Conosci bene, immagino, lo svincolo dell'incidente del Torino.

"Certo, quella è una speciale considerata ‘classica'. E non so esattamente cosa sia successo: lo stabilirà l'inchiesta. Conosco il pilota, anche se non benissimo, e il navigatore, con cui ho chiacchierato poco prima della partenza del Torino: un coscienzioso padre di famiglia".

Cronaca
"La festa è andata bene"
Il piano diabolico per uccidere Stefania
"La festa è andata bene"<br>Il piano diabolico per uccidere Stefania
Uccisa con pinze e martello, la trappola studiata nei dettagli con grande psicologia, il depistaggio maldestro, i tre figli abbandonati al loro destino. Tutto per vendicarsi della donna che si era ripresa il marito. Le chat dopo il delitto
Bendata e con una rosa in mano
la trappola dell'assassina
Bendata e con una rosa in mano<br>la trappola dell
L'amico credeva di averla invitata a una "festa a sorpresa", organizzata da Stefano Del Bello. Ma era una trappola. Confessa Chiara Alessandri: "Non volevo ucciderla...". Il tatuaggio: "Liberi di sbagliare, liberi di ricominciare"
"Martina ancora non sa niente"
"Martina ancora non sa niente"
Il marito di Stefania Crotti: "Ora devo solo pensare a lei, ci faremo aiutare dagli psicologi, quando non è arrivata a casa ci eravamo subiti preoccupati. Stefania non si sarebbe mai allontanata da sua figlia"
Gelosia, odio e disperazione
Così Chiara ha ucciso Stefania
Gelosia, odio e disperazione<br>Così Chiara ha ucciso Stefania
Potrebbe averlo fatto per vendicarsi dell'ex amante che l'aveva scaricata e che voleva ricostruire la sua famiglia. Agguato premeditato, la distruzione del cadavere forse un gesto rituale. La donna già in carcere. C'è un complice?
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Pedofilo liberato, subito ucciso dai vicini
Nel 1985, l'uomo aveva stuprato e ucciso un bimbo di 17 mesi. Condannato all'ergastolo, era stato liberato. Ai vicini aveva detto una bugia sui reati commessi. Smascherato da Google, è stato pugnalato a morte con 150 coltellate
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Non le dà codice telefono, brucia vivo marito
Una donna indonesiana arrestata dopo una lite. Lei voleva vedere il contenuto dello smartphone, ma lui si è rifiutato. Lo ha cosparso di benzina e poi gli ha dato fuoco con l'accendino. Morto
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Studentessa uccisa, stava telefonando alla sorella
Misterioso delitto a Melbourne, una 21enne rapita, stuprata e pugnalata a morte mentre telefonava alla sorella che ha sentito in diretta il momento in cui è stata aggredita. La polizia: "Forse aggressione sessuale"
Baldini disperato, usano la mia immagine
Baldini disperato, usano la mia immagine
Siti e "giornalisti" hanno diffuso sul web una serie di articoli in cui l'ex spalla di Fiorello annuncia trionfalmente di essersi arricchito con i bitcoin. Ma è una truffa. Lui li ha denunciati alla polizia postale. Senza risultato
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
"Le donne abusate? Si sono anche divertite"
L'ex governatore del Michigan, presidente dell'università omonima, costretto a dimettersi dopo le sorprendenti dichiarazioni sulle atlete abusate dal medico Larry Nassar. "Hanno avuto premi e riconoscimenti"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
"Hai fatto sesso con la mia compagna"
Pista passionale nel sequestro da parte di un marocchino armato di un operaio 45enne di Gavardo, Brescia. I due sono spariti nella notte e li cercano nei boschi zona. Ipotesi delitto-suicidio ma nessuna certezza