Renzi a Torino: "Grillini incapaci, non bastano gli slogan"

| Attacco ai media: "Editorialisti e titolisti danno per certa la vittoria del centro-destra ma la vera sfida è tra noi e M5s, franato il mito a Torino e Milano della buona amministrazione pentastellata". E Gentiloni difende il governo

+ Miei preferiti

Rivendica i risultati del suo governo e di quello Renzi il premier Paolo Gentiloni che entra in campo in vista del voto di marzo e sottolinea che il Pd è l'unico perno di una coalizione di centrosinistra che si candida a governare il Paese. "Oggi - scandisce Gentiloni - c'è una grandissima fantasia nell'immaginare la proposta più accattivante, innovativa, popolare e non c'è nulla di male se le proposte sono ragionevoli e fondate, ma quando il cittadino sceglie, sceglie quel che siamo, prima ancora che per quel che facciamo". Lo dice Paolo Gentiloni al Lingotto. "Noi siamo la sinistra di governo. Il Pd è la sinistra di governo, il perno di una coalizione di centrosinistra che si ripropone per guidare il Paese, non ce n'è un altro. Siamo credibili perché siamo la sinistra di governo".

"In gioco c'è il futuro. Strisciante - ha ammonito - c'è la sensazione che le elezioni siano una pratica da sbrigare perché i giochi sono già fatti o impossibili e la vittoria conta fino a un certo punto. Così entriamo in una logica assolutamente sbagliata. Il presidente della Repubblica ci guiderà nel dopo voto ma la direzione di marcia dipende dal nostro risultato e della coalizione. E non ci sono sconti". "Siamo uniti, ambiziosi e facciamo vincere il nostro Paese".

Il premier ha parlato anche della questione di Roma 'bacchettando' l'amministrazione Raggi pur evidenziando la disponibilità del governo a sostenere il Campidoglio. E le sue parole hanno destato la dura replia della sindaca: 'Non servono chiacchiere ma poteri', la replica.

"Abbiamo fatto - ha detto ancora il premier - un lavoro straordinario di attuazione del pacchetto di riforme realizzato da Matteo. Stando a Chigi mi sono reso conto di quanto abbia prodotto il governo Renzi in materia di riforme perché noi abbiamo dedicato all'attuazione almeno un terzo dell'attività di governo, Non puoi gridare onestà e alla prova dei fatti dimostrarsi incapace di risolvere i problemi - ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi nel suo intervento all'assemblea citando gli esempi di quanto fatto da M5s a Roma e Torino -. Benedetto Croce diceva che governo onesto è quello capace. E allora l'incompetenza è il nostro avversario alle elezioni politiche 2018. Ci sono 50 giorni per andare a vincere e voglio che il Pd si metta in campo senza paura, Diceva Benedetto Croce: la politica onesta è quella capace. Non basta solo gridare onestà, bisogna essere competenti. Altrimenti nelle città finisce che tagliano sulla cultura e che i revisori si dimettono come accaduto a Torino…Per mesi e mesi si è parlato del buon governo dei Cinque stelle" - ha detto Renzi - a Torino "ma per prima cosa hanno tagliato sulla cultura. Noi non vogliamo fare polemica ma mostrare una diversità. Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci, non mettono cinque milioni in più a penna. E nella nostra città i revisori dei conti non si dimettono. Non possiamo stare sempre sulla difensiva facendo raccontare che sprechiamo i soldi pubblici, perché non è così. Se con me si fossero dimessi i revisori dei conti, ci avrebbero portato via". 

"Il centrodestra si presenta come un'alleanza solida ma è l'alleanza dello spread. Sono stati loro il governo dello spread, noi siamo dovuti intervenire per far ripartire il Paese. Se guardate i giornali gli editorialisti hanno già votato e i titolisti già deciso - ha aggiunto Renzi al Lingotto -. Hanno letto i sondaggi e detto che ha vinto il centrodestra: si sono dimenticati di leggere la legge elettorale che per due terzi premia non le coalizioni ma il primo partito. La sfida per il primo posto alle elezioni non è tra Berlusconi e Salvini ma tra Pd e M5s. Lo dico ai moderati: l'alternativa al Pd non è il centrodestra ma il M5s".

"E' una partita di squadra - ha spiegato Renzi -. Ecco perché non è importante qual è il nome che va a palazzo Chigi ma che sia del Pd. E non per il Pd, ma per l'Italia". 

Sul palco faranno staffetta sindaci, consiglieri regionali e presidenti di Regione. Sono attesi anche i ministri Graziano Delrio, Giuliano Poletti e Marianna Madia. Presenti, tra gli altri, il sindaco di Bari Antonio Decaro, che è presidente dell'Anci, e i presidenti di Piemonte ed Emilia Romagna, Sergio Chiamparino e Stefano Bonaccini.

 
Cronaca
Qui Group, angosciante crisi finale
Qui Group, angosciante crisi finale
In fila per i rimborsi fermi da mesi, a Genova i carabinieri per riportare la calma. Danneggiati i dipendenti della pubblica amministrazione. Tagliandi restituiti a migliaia in Piemonte. In pericolo 250 posti di lavoro
Baldini difende i Casamonica: indagato
Baldini difende i Casamonica: indagato
Il popolare dj era stato inserito tra le vittime di un clan di usurai legati alla famiglia Casamonica. Ma lui nega: "Mi prestarono soldi, li ho restituiti senza interessi". Indagato per false comunicazioni al pm
Il ragno violino? Può essere letale
Il ragno violino? Può essere letale
Drammatico racconto di una donna morsa dal temibile ragno diffuso in tutta Italia. Danni alla salute e guarigione lenta. La scheda di un aracnide che attacca solo se spaventato e che può annidarsi tra le lenzuola
Disability day, un parco davvero per tutti
Disability day, un parco davvero per tutti
Attrezzature, giochi e accessi nei parchi pubblici devono essere inclusivi per tutti e non solo per i disabili. Disability Pride Onlus e Anmil: "Sensibilizzare i cittadini". Iniziative a New York, Brighton e Roma
Condannata No Vax per le fake news
Condannata No Vax per le fake news
Attivista aveva scritto informazioni errate su manifesti affissi a Modena. Il Tribunale l'ha condannata a una sanzione di 400 euro: "21.658 bambini danneggiati dai vaccini" ma erano solo le segnalazioni Aifa. Procurato allarme
"Ecco tutta la verità su Pamela"
"Ecco tutta la verità su Pamela"
Oseghale, l'unico rimasto in carcere per la 18enne romana uccisa e fatta a pezzi a Macerata il 30 gennaio pronto a collaborare con la giustizia dopo che ha saputo della nascita della sua seconda figlia
Cosche in guerra, 38 arresti
Cosche in guerra, 38 arresti
Le famiglie di Rosarno che si contendono il narcotraffico in Europa si contendono il controllo del territorio con agguati, attentanti e intimidazioni
Sparano ai neri con pistola soft-air
Sparano ai neri con pistola soft-air
Mediatore denuncia: "Anche una donna nigeriana ferita dai proiettili". Il primo caso due giorni fa. Colpito ivoriano in bicicletta
Vu' cumpra' e clienti on the beach: multe da paura
Vu
Sanzioni per chi compra ma sopratutto per chi vende. Lo staff di Salvini pronto a una stretta: da 100 a 7 mila euro per l'acquirente, sino a 15 mila per i venditori
Gas nervino, chiuso ostello a Salisbury
Gas nervino, chiuso ostello a Salisbury
Due ospiti contaminati dal veleno in ospedale ma non sono gravi. Chiusa la struttura, allontanati tutti i residenti. Polemiche sui mancati controlli medici. Forse il gas in un bidone dei rifiuti