Renzi a Torino: "Grillini incapaci, non bastano gli slogan"

| Attacco ai media: "Editorialisti e titolisti danno per certa la vittoria del centro-destra ma la vera sfida è tra noi e M5s, franato il mito a Torino e Milano della buona amministrazione pentastellata". E Gentiloni difende il governo

+ Miei preferiti

Rivendica i risultati del suo governo e di quello Renzi il premier Paolo Gentiloni che entra in campo in vista del voto di marzo e sottolinea che il Pd è l'unico perno di una coalizione di centrosinistra che si candida a governare il Paese. "Oggi - scandisce Gentiloni - c'è una grandissima fantasia nell'immaginare la proposta più accattivante, innovativa, popolare e non c'è nulla di male se le proposte sono ragionevoli e fondate, ma quando il cittadino sceglie, sceglie quel che siamo, prima ancora che per quel che facciamo". Lo dice Paolo Gentiloni al Lingotto. "Noi siamo la sinistra di governo. Il Pd è la sinistra di governo, il perno di una coalizione di centrosinistra che si ripropone per guidare il Paese, non ce n'è un altro. Siamo credibili perché siamo la sinistra di governo".

"In gioco c'è il futuro. Strisciante - ha ammonito - c'è la sensazione che le elezioni siano una pratica da sbrigare perché i giochi sono già fatti o impossibili e la vittoria conta fino a un certo punto. Così entriamo in una logica assolutamente sbagliata. Il presidente della Repubblica ci guiderà nel dopo voto ma la direzione di marcia dipende dal nostro risultato e della coalizione. E non ci sono sconti". "Siamo uniti, ambiziosi e facciamo vincere il nostro Paese".

Il premier ha parlato anche della questione di Roma 'bacchettando' l'amministrazione Raggi pur evidenziando la disponibilità del governo a sostenere il Campidoglio. E le sue parole hanno destato la dura replia della sindaca: 'Non servono chiacchiere ma poteri', la replica.

"Abbiamo fatto - ha detto ancora il premier - un lavoro straordinario di attuazione del pacchetto di riforme realizzato da Matteo. Stando a Chigi mi sono reso conto di quanto abbia prodotto il governo Renzi in materia di riforme perché noi abbiamo dedicato all'attuazione almeno un terzo dell'attività di governo, Non puoi gridare onestà e alla prova dei fatti dimostrarsi incapace di risolvere i problemi - ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi nel suo intervento all'assemblea citando gli esempi di quanto fatto da M5s a Roma e Torino -. Benedetto Croce diceva che governo onesto è quello capace. E allora l'incompetenza è il nostro avversario alle elezioni politiche 2018. Ci sono 50 giorni per andare a vincere e voglio che il Pd si metta in campo senza paura, Diceva Benedetto Croce: la politica onesta è quella capace. Non basta solo gridare onestà, bisogna essere competenti. Altrimenti nelle città finisce che tagliano sulla cultura e che i revisori si dimettono come accaduto a Torino…Per mesi e mesi si è parlato del buon governo dei Cinque stelle" - ha detto Renzi - a Torino "ma per prima cosa hanno tagliato sulla cultura. Noi non vogliamo fare polemica ma mostrare una diversità. Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci, non mettono cinque milioni in più a penna. E nella nostra città i revisori dei conti non si dimettono. Non possiamo stare sempre sulla difensiva facendo raccontare che sprechiamo i soldi pubblici, perché non è così. Se con me si fossero dimessi i revisori dei conti, ci avrebbero portato via". 

"Il centrodestra si presenta come un'alleanza solida ma è l'alleanza dello spread. Sono stati loro il governo dello spread, noi siamo dovuti intervenire per far ripartire il Paese. Se guardate i giornali gli editorialisti hanno già votato e i titolisti già deciso - ha aggiunto Renzi al Lingotto -. Hanno letto i sondaggi e detto che ha vinto il centrodestra: si sono dimenticati di leggere la legge elettorale che per due terzi premia non le coalizioni ma il primo partito. La sfida per il primo posto alle elezioni non è tra Berlusconi e Salvini ma tra Pd e M5s. Lo dico ai moderati: l'alternativa al Pd non è il centrodestra ma il M5s".

"E' una partita di squadra - ha spiegato Renzi -. Ecco perché non è importante qual è il nome che va a palazzo Chigi ma che sia del Pd. E non per il Pd, ma per l'Italia". 

Sul palco faranno staffetta sindaci, consiglieri regionali e presidenti di Regione. Sono attesi anche i ministri Graziano Delrio, Giuliano Poletti e Marianna Madia. Presenti, tra gli altri, il sindaco di Bari Antonio Decaro, che è presidente dell'Anci, e i presidenti di Piemonte ed Emilia Romagna, Sergio Chiamparino e Stefano Bonaccini.

 
Cronaca
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Caso Cervia, lo Stato ha sbagliato
Il ministro Trenta dà ragione alla famiglia del sergente Davide Cervia, scomparso nel nulla 28 anni fa. "E' stato rapito" ma per anni è stata una verità negata
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Salvini contro il Pipita, sia squalificato
Il vice-premier era allo stadio con il figlio: "Professionisti pagati milioni non possono lasciarsi andare a scene del genere, pessimo insegnamento per i ragazzini", E gli augura una lunga squalifica
Caso Desiree, non fu omicidio
Caso Desiree, non fu omicidio
Il Tribunale del Riesame smonta in parte la tesi della procura, annullata l'accusa di omicidio per due degli arrestati, sparito lo stupro di gruppo. Domani tocca a Mamadou Gara
Il medico aggredì l'amante della moglie: processo
Il medico aggredì l
Torna in aula Matteo Cagnoni, il dermatologo dei Vip. Nel 2016 aveva ucciso la moglie Giulia Ballestri. Aveva aggredito prima del delitto il suo nuovo compagno. Nei guai anche Bossetti e Buoninconti
Londra violenta: ucciso un 15enne
Londra violenta: ucciso un 15enne
Nel giro di una settimana cinque aggressioni mortali, di cui la maggior parte verso adolescenti. Nella capitale inglese infuria una sanguinosa guerra fra gang, e la città chiede più controlli sulle strade
Targhe estere, Toninelli va all'attacco
Targhe estere, Toninelli va all
Con "Basta con i furbi", il ministro grillino vieta a chi risiede in Italia da più di 60 giorni di circolare con veicoli targati all'estero. "Finito il gioco di non pagare assicurazione e bollo in Italia"
Orrore nei lager, ex SS piange
Orrore nei lager, ex SS piange
Il 94enne Johann R., ex guardia SS nel lager di Stutthof, si è commosso di fronte alle testimonianza dei superstiti. E' sotto processo nel tribunale dei minori perché nel '44 aveva 18 anni
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
“Pagherei qualsiasi cifra per riabbracciarti”
Antonio Cicchelli, fratello dell’avvocato torinese ucciso in Brasile dalla convivente, affida a FB poche righe struggenti. Sarà lui a riportare i resti del fratello in Italia
"Devi diventare una testimone di Geova"
"Devi diventare una testimone di Geova"
Marito allontanato dalla famiglia perché picchiava la consorte restia ad abbracciare la sua religione
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Immigrati, sbarchi in calo del 92 per cento
Soddisfatto Salvini: "Gli altri parlano, noi facciamo". Calo anche delle richieste d'asilo. Crollo degli sbarchi di profughi