Riordino carriere secondo il Silp-Cgil

| Documento finale del sindacato di polizia su un tema controverso e complesso

+ Miei preferiti
Riordino, un'occasione da non sprecare

La mobilitazione del SILP CGIL arriva in Parlamento: ecco le nostre proposte di modifica

 

La mobilitazione del SILP CGIL per un riordino dei ruoli e delle funzioni della Polizia di Stato (e ovviamente di tutte le Forze dell'Ordine) continua e non si ferma. Dopo essere scesi in piazza in tutte le città italiane con un volantinaggio e dopo aver riempito piazza Montecitorio assieme a Fp Cgil – Polizia Penitenziaria, abbiamo portato la nostra battaglia in Parlamento. Siamo stati, infatti, auditi presso le Commissioni I e IV della Camera dei Deputati, abbiamo contattato  tutti i parlamentari e soprattutto abbiamo presentato un'articolata e concreta proposta di modifica dello schema di decreto legislativo relativo al riordino. Distinguendoci da chi è venuto in audizione per fare una semplice passarella o demagogia. Si tratta di una occasione che non può e non deve essere sprecata. 

Anche perché, grazie all'impegno del SILP CGIL, abbiamo ottenuto risorse importanti, ben superiori a quei 119 milioni di euro stanziati nel lontano 2003. Attualmente, grazie anche alla volontà del Governo che ha accolto le nostre rivendicazioni (mentre c'era chi gridava che risorse non n'erano!), disponiamo di circa un miliardo tra 2017 e 2018. Nonostante questo, la bozza di Riordino presentata dall'Amministrazione, poi divenuta "schema di decreto legislativo" predisposto dall'Esecutivo, non risponde alle esigenze del personale perché non valorizza le professionalità dei singoli operatori e accresce, di conseguenza, il livello di insicurezza dei cittadini. La Polizia di Stato, inoltre, rispetto agli altri Corpi, paga un prezzo maggiore per effetto dei mancati concorsi interni degli ultimi 20 anni – eccezion fatta per i Commissari – e per la mancata istituzione del "ruolo direttivo speciale", previsto e inattuato dal 1995.

Le criticità principali dell'attuale schema di decreto si ravvisano nei seguenti punti:

  • creazione di ulteriori qualifiche all'interno dei ruoli che non risultano giustificate da esigenze di funzionalità e di servizio; 
  • inadeguatezza e incompletezza del regime transitorio, che evidentemente non è in grado di soddisfare le legittime aspettative del personale attualmente in servizio che, peraltro, ha subito la colpevole politica del Dipartimento della pubblica sicurezza che, nel corso del tempo, non ha permesso progressioni di carriera con particolare riferimento ai ruoli: Sovrintendenti, Ispettori e dell'istituendo Direttivo Speciale;
  • assenza di disposizioni transitorie specifiche idonee a recuperare il gap di anzianità assoluta e relativa, accumulato dal personale della Polizia di Stato rispetto agli appartenenti alle Forze dell'Ordine ad ordinamento militare, per effetto della mancanza o comunque dei gravi ritardi nel bandire i concorsi. Un gap che, senza norme transitorie ad hoc, il personale della Polizia di Stato rischia di pagare due volte; 
  • mancata attenzione ad alcune particolari posizioni dei ruoli Agenti ed Assistenti, Sovrintendenti ed Ispettori,
Non ci siamo limitati all'azione di denuncia, naturalmente. Come SILP CGIL abbiamo articolato delle proposte di modifica fattibili, soprattutto per quel che riguarda l'aspetto economico, e soprattutto giuste, sacrosante, necessarie per migliorare il più possibile questo riordino. Le riportiamo in sintesi, rinviando per approfondimenti all'articolato documento consegnato in Parlamento disponibile presso tutte le nostre Segreterie Regionali e Provinciali oltreché sul nostro sito internet www.silpcgil.it

 

Ruolo Agenti – Assistenti

  • Il limite di età per l'accesso ai concorsi da Agente deve passare dai 26 anni previsti a 28.
  • I passaggi da Agente ad Agente Scelto e da Agente Scelto ad Assistente devono avvenire ogni 4 anni.
  • La qualifica di "Coordinatore" per gli Assistenti Capo e per i Sovrintendenti Capo deve arrivare dopo 5 anni nella qualifica, non 8 anni come oggi previsto.
  • Nella fase transitoria occorre ridurre il periodo minimo per l'acquisizione dei nuovi parametri stipendiali, "Assistente Capo + 5" e "Sovrintendente Capo + 5", analogamente a quanto disposto per l'Arma dei Carabinieri.
  • Anche in sovrannumero, attese le vacanze previste al 31 dicembre 2016, tutti gli Assistenti Capo che al 1° gennaio 2018 abbiano maturato un'anzianità superiore o pari ad 8 anni, potranno partecipare a domanda alla selezione per la qualifica di Vice Sovrintendente, previo corso di aggiornamento, anche in modalità telematica, non superiore a 3 mesi.
 

Ruolo Sovrintendenti

 

  • Per tutti i Sovrintendenti Capo già frequentatori del 15°, 16°, 17° corso di Vice Sovrintendente e successivi corsi di formazione, atteso l'iter concorsuale differente dal "concorsone", va prevista una corsia privilegiata per l'accesso alla qualifica di Vice Ispettore, mediante concorso per soli titoli e garantendo l'attuale sede di servizio, nonché precedendo in ruolo i pari qualifica provenienti da concorsi diversi.
 

Ruolo Ispettori

 

  • Per gli attuali Ispettori Capo già vincitori di concorso e frequentatori del 7° e 8° Corso occorre prevedere la riduzione a 4 anni per la promozione alla qualifica di Ispettore Superiore e il riconoscimento dei 18 mesi del corso di formazione per l'anzianità nel Ruolo.
  • Ispettori Capo: per il passaggio a Sostituto Commissario devono volerci 7 anni, non 9 come oggi previsto.
  • Ispettori Capo e Ispettori Superiori: prevedere uno sconto di anzianità al periodo trascorso nella qualifica utile per la promozione alla qualifica successiva, modificando e contestualmente integrando le due qualifiche mancanti nella Tabella A, art.2 co,1 lettera n della "Bozza schema decreto revisione Forze di Polizia".
 

Ruolo Direttivo e Sostituti Commissari

  • Ruolo Direttivo ad esaurimento: va garantito l'accesso per tutti gli ex Ispettori ante '95, non solo per le 1.800 unità previste nella bozza del decreto. Il tutto deve avvenire con un "concorso unico" armonizzando l'iter con le altre Forze di Polizia: corso non superiore a 3 mesi con procedure telematiche e mantenimento della sede. Inoltre, per tutti i restanti Sostituti Commissari, già vincitori dei vari concorsi interni per titolo ed esami, occorre prevedere l'accesso nel Ruolo Direttivo anche in sovrannumero fino all'anno 2026.
  • Sempre per i Sostituti Commissari la qualifica di "Coordinatore" deve arrivare dopo 4 anni di effettivo servizio nella qualifica.
  • Infine, va prevista la possibilità di accedere alla qualifica di Vice Questore Aggiunto, anche in sovrannumero, per quel che riguarda il Ruolo Direttivo ad esaurimento e previsione del riconoscimento della qualifica superiore a quella rivestita per il personale destinato alla quiescenza, con promozione dal giorno precedente al pensionamento.
 

Vincitori concorso 1.400 Vice Ispettori

 

  • Per gli idonei vincitori del concorso interno, per titoli ed esami, a 1400 posti di Vice Ispettore, attesa la lungaggine dell'iter concorsuale, deve essere riconosciuta la qualifica di Ispettore al termine del corso di formazione di sei mesi, una decorrenza giuridica ed economica almeno dal 2004 e il mantenimento della sede.
 

Ruoli Tecnici

 

  • Non possono essere ulteriormente penalizzati e qualsiasi riforma migliorativa relativa al Ruolo ordinario va applicata anche al personale Tecnico. 
  • Nel dettaglio, l'art. 3 lett. D) punto 5) dello schema di decreto deve prevedere che agli Assistenti Capo Tecnici con 5 anni (non 8!) di effettivo servizio nella qualifica devono (non possono!) essere affidati, anche permanendo nello stesso incarico, compiti di maggiori responsabilità, con la denominazione di coordinatore. Lo stesso discorso deve valere per i Sovrintendenti Capo Tecnici e per i Sostituti Direttori Tecnici
  • Va riformulato anche l'art. 3 lett.E) punto 2) … l'età non superiore a 26 anni … deve passare a 28 anni.
  • Il passaggio da Agente Tecnico Scelto ad Agente Scelto Tecnico e da Assistente Tecnico ad Assistente Capo Tecnico deve avvenire dopo 4 anni di permanenza nella qualifica.
  • Per la promozione alla qualifica di Ispettore Superiore Tecnico lo scrutinio per merito comparativo deve riguardare il personale con un'anzianità di 7 anni (non 9!) e stesso discorso per la promozione alla qualifica di Sostituto Commissario: abbiamo proposto sempre 7 anni di anzianità anziché 8!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   
 

 

Abbiamo inoltre formulato proposte specifiche per gli Orchestrali della Banda Musicale della Polizia di Stato e per i Funzionari. La battaglia continua!



#riordinosimanoncosi

Cronaca
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Vede il diavolo in una bimba e tenta di ucciderla
Una baby sitter ha tentato di uccidere la bambina di cui si occupava perché in lei aveva visto il volto di Gollum, un mostro de Il signore degli Anelli
Come muore una donna
Come muore una donna
Nicoletta Indelicato, Imane Fadil: due casi di cronaca recente che raccontano la morte di due giovani donne diverse fra loro, unite solo dalla voglia di vivere
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Anche il vicesindaco Frongia indagato per corruzione
Assessore allo sport, fedelissimo della sindaca Raggi, il suo nome è stato fatto dal costruttore Parnasi all’interno dell’inchiesta sullo stadio della Roma
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
In manette Marcello De Vito il grillino contro la corruzione
Il presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale è stato arrestato insieme all’avvocato Mazzacapo: avrebbero favorito i progetti del costruttore Parnasi. Indagati altri imprenditori
Nicoletta è stata uccisa
Nicoletta è stata uccisa
Il corpo della giovane siciliana scomparsa domenica scorsa, è stato ritrovato nella notte. A indicarlo la coppia che ha confessato l’omicidio: ancora sconosciuto il movente
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Nuova Zelanda, il killer aveva un terzo obiettivo
Lo ha rivelato la polizia, mentre nel paese sono iniziati i primi funerali e la premier annuncia un giro di vite dell’intelligence e sulla vendita delle armi
Tutti i misteri di Imane
Tutti i misteri di Imane
La fine della modella 34enne sempre più simile a una spy-story dai contorni inquietanti. L’autopsia cercherà di dare una risposta alla fine, ma se la cautela è tanta, i timori non mancano
“Nuovi elementi
per riaprire il processo Bossetti”
“Nuovi elementi<br>per riaprire il processo Bossetti”
Ezio Denti, consulente investigativo della difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per la morte di Yara Gambirasio, racconta di avere in mano nuovi elementi “molto forti”
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Il caso di Ilaria Alpi verso l’archiviazione
Per la seconda volta, la procura di Roma ha richiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta per mancanza di nuovi elementi. Di tutt’altro parere gli avvocati della famiglia Alpi
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Caso Sarti, il video hot è una squallida fake
Solidarietà totale alla parlamentare grillina (al di là delle idee politiche), vittima di una campagna diffamatoria di rara violenza e volgarità. Nel video porno c'è una donna tatuata e con una voce totalmente diversa